"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Roma, violenze di immigrati su donne e bambini. Residenti in rivolta contro centro di accoglienza

Roma, 30 ago – Rivolta dei residenti di Tiburtino III contro il centro di accoglienza per immigrati gestito dalla Croce Rossa di via del Frantoio.

Un eritreo, già ospite della struttura, intorno alle 22:30 di ieri sera avrebbe infatti lanciato sassi contro dei bambini che giocavano nei pressi del centro. Uno dei bambini avrebbe riferito i fatti alla madre e quest’ultima si sarebbe allora recata presso il centro per affrontare l’africano responsabile del lancio di sassi. Ne è scaturita una zuffa, con la donna che è stata circondata da alcuni immigrati e di fatto sequestrata all’interno della struttura.

A quel punto in suo soccorso sono giunti sul posto numerosi residenti di Tiburtino III che avrebbero affrontato direttamente gli immigrati. Negli scontri sarebbe rimasto ferito lo stesso eritreo responsabile del lancio di sassi contro i bambini che giocavano vicino al centro d’accoglienza. “Mi hanno sequestrata per un’ora insieme a mio nipote di 12 anni, trascinata all’interno del centro per due volte e colpita – ha dichiarato Pamela, la donna che a difesa del figlio e degli altri bambini coinvolti nell’episodio si è recata nella struttura – Ho avuto paura, pensavo di morire”.

Migranti al Tiburtino

Sui fatti di questa notte è intervenuta senza mezzi termini CasaPound. “La bomba sociale che temevamo scoppiasse già due anni fa, sembra essere esplosa al Tiburtino Terzo”. Con queste parole Mauro Antonini, responsabile per Cpi del Lazio, ha commentato l’episodio di stanotte. “Avevamo avvertito le istituzioni e le autorità che quel centro andava chiuso – ha detto Antonini – sono ospitati più di quanti la struttura ne possa contenere, non sono rifugiati politici, bivaccano per strada dal mattino a notte fonda, degradando la parte della struttura adiacente alla scuola elementare del quartiere.” Secondo il responsabile di CasaPound: “È evidente che in un quartiere periferico e abbandonato al suo destino dalle istituzioni, le presenze allogene creino malcontento tra i residenti. Solo chi specula sul business dell’accoglienza come associazioni e movimenti della sinistra romana – ha precisato Antonini – poteva accusarci di razzismo e raccontare la favola della pacifica convivenza. Alle favole noi preferiamo la realtà e la concretezza: gli abitanti di Tiburtino III vengono prima di chiunque altro. Mi recherò sul posto per accertarmi di quanto è accaduto stanotte.”

Lanci di sassi contro bambini che giocavano per strada, donna sequestrata e picchiata insieme al nipote di 12 anni. Si, il centro di accoglienza di Tiburtino III va chiuso. E gli immigrati lì ospitati espulsi immediatamente dall’Italia.

Fonte: Il Primato Nazionale

*

code

  1. animaligebbia 3 settimane fa

    La boldrini cosa dice?La situazione a Roma e’ catastrofica,quando i clandestini tirano bombole di gas contro la polizia la raggi ,avendo i clandestini rifiutato la soluzione del comune,ha pensato bene di dare un bonus a questa feccia per incentivarla ad accettare gli alloggi,intanto si preparano i soldi per i “mental coach” che dovrebbero convincere i rom a trovarsi un lavoro,tutto questo mentre,di sera, il parcheggio di San Lorenzo si riempie di italiani che dormono in macchina con i bambini.BISOGNA alle prossime elezioni sfancularli tutti e votare anche chi ha lo 0,% ma bisogna andare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anglotedesco 3 settimane fa

      Ormai è cosi in tutte le città,piccole e grandi.

      https://youtu.be/9Q5KL8Ih6ho

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cinaski 3 settimane fa

    Vanno scannati!! Altro che espulsi!…sta gente ha veramente rotto i c……. !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 3 settimane fa

      Piu’ realisticamente organizzerei delle navi e li riporterei in Libia,da dove potrebbero comodamente ritornare,a piedi, a casa loro.A un abitante del terzo mondo quando lo tratti cosi’ fai passare un solo messaggio:puoi fare quello che vuoi,non ci saranno conseguenze.Il gambiano che a Milano ha accoltellato un poliziotto dopo due ore stava fuori,e’ stato espulso solo per la gazzarra mediatica che ne e’ seguita.Mi chiedo se non avesse a suo tempo ragione il berlusca,quando richiese la valutazione psicologica per i magistrati,vedendo quello che fanno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Citodacal 3 settimane fa

        Esatto. Lo scannatoio è funzionale soltanto a una ulteriore e recrudescente destabilizzazione (portare conflitto e caos in casa dell’avversario), ed è ideale per chi vuole fomentare la disgregazione. Non do l’accesso di casa mia a un soggetto per vedere come si comporta e in seguito lo riempio di bastonate perché crea problemi: questo atteggiamento non equivale nemmeno allo sragionare, bensì alla assenza totale di ragionamento preventivo, viepiù se appannaggio dello statista, pertanto è sinonimo di ottusità, reale o prezzolata. Si tratta invece d’avere a conoscenza ragionevoli dati per decidere: se sono insufficienti e non offrono le minime garanzie, i richiedenti rimangono dove sono e si opera a livello internazionale perché le problematiche vengano risolte alla radice. E se ciò viene considerato impossibile, sorge quantomeno il dubbio che non esista una concreta e reale volontà per farlo (perché per delocalizzare la produzione, o creare strutture lucrative a senso unico invece questa volontà esiste eccome) e che pertanto il problema sia stato creato ad arte da chi sa suscitare e sfruttare benissimo l’animosità umana per mettere gli uni contro gli altri e trarne vantaggio. Nell’era in cui le guerre non sono decise dagli attori diretti, come poteva essere nel Medioevo ove il signore feudale poteva pensarci due volte prima d’andare a rischiare la propria pelle – perché era lui a combattere e non il contadino, che già ne aveva abbastanza per cercar di campare –, mandare a morire masse di altri risulta assai più semplice.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio 3 settimane fa

    Per adesso questi sono solo casi sporadici, il triste succederà a breve quando le intemperanze avranno cadenza giornaliera se non maggiormente frequenti.
    Perché si debba vivere con la paura di essere malmenati se non peggio lo dovrebbero spiegare i buonisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PieroValleregia 3 settimane fa

    salve
    il trionfo del “multi” … si la multidioza, multistupidità, multignoranza …
    Quoto Animaligebbia
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tania 3 settimane fa

    Accuso formalmente il governo dell’Italia di crimini contro il suo stesso paese perpetrati non solo accettando ma proprio andando a prelevare esseri umani da altri paesi portando così caos e disperazione. Quale cittadina di questo paese chiedo l’interdizione a vita di chi si è fatto responsabile di tali crimini con l’accusa formale di alto tradimento.
    La comunità europea ha il dovere di intervenire e porre fine a questo tradimento che si ritorce anche verso tutta l’Europa!
    I traditori devono essere immediatamente processati. PUNTO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Jane doe 3 settimane fa

      Bravissima, appoggio incondizionatamente…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Tania 3 settimane fa

    Come si fa a rovesciare il regime dittatoriale che sta distruggendo l’Italia?
    Semplicissimo, votando, e con l’intervento risolutivo della UE/UEM, quella delle letterine famose…
    In quale epoca oscura viviamo se non riusciamo a liberare l’Italia e di conseguenza l’Europa da questa feccia da paese africano e sudamericano?
    Quindi la vera domanda è : perché la UE/UEM tace su questi fatti? Quanto è innocente?
    Questa UE/UEM che interviene perfino su quante volte bisogna andare in bagno al giorno come mai su questo traffico di esseri umani non dice niente?
    SCHIFOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
    Eccolo il GRANDE FRATELLO. E’ qui, ora, lo dico caso mai qualcuno non se ne sia accorto. Non voi che partecipate a questo blog, voi lo so che sapete, spero che venga letto da molti, e questi non sanno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 3 settimane fa

      Sono sempre stata convinta e lo sarò sempre che si fa solo quello che gli altri ti permettono di fare, io vorrei essere primo ministro, ma và, non lo posso fare!
      Appunto…
      Quindi nessuno di noi è innocente, perché se una feccia di traditori, di parassiti senza dignità governa questo paese, vuole dire che gli italiani lo hanno permesso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Aldus 3 settimane fa

      Sì: il “grande fratello” è proprio qui ed ora. Ben detto. Una delle tecniche per fregare la popolazione è anche quella di far credere ad un futuro possibile con un grande fratello fatto così e cosà, e implicitamente si esclude che esso sia invece in atto ora, e così si abbindola la gente. E invece esso è in azione proprio ora, adesso, con i mezzibusti prezzolati in TV che dicono “benefattore” Soros, che rompono con le loro asserzioni sul “povero immigrato”, con i giornali che continuamente danno del razzista a chi si oppone all’invasione, col silenzio schifoso della Chiesa di Roma sull’usura delle banche e sul loro dominio politico o dittatura. Hai ragione: mille come Tania, mille donne sveglie che sveglino gli uomini addormentati come facevano le donne spartane coi loro uomini!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Aldus 3 settimane fa

        “mezzobusti”: errata corrige

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Eugenio Orso 3 settimane fa

    E’ logico che la popolazione si difenda assediando i cosiddetti centri d’accoglienza, com’è accaduto a Roma, ma questo non basta.
    Bisogna cercare i maggiori responsabili di ciò che sta accadendo, per rompergli la testa (di cazzo).
    Non potendo arrivare, purtroppo, fino ai Soros, sappiamo che sul territorio ci sono i covi del piddì e dei collaborazionisti della troika.
    Sono loro gli untori dell’accoglienza indisciminata, su input dei loro padroni sopranazionali, per “sostituire” la popolazione italiana autoctona.
    Sarebbe d’uopo, perciò, attaccare le sedi (meglio i covi) dei collaborazionisti piddino-sinistroidi restituendogli colpo su colpi (sperabilmente con gli interessi).

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aldus 3 settimane fa

      E’ cosa buona e giusta, per la nostra salvezza quotidiana.
      Credo che sia da farsi senz’altro, invece che perdere tempo a sbracarsi allo stadio, o a macinarsi chilometri in 220.000 per applaudire Vasco Rossi. O poltrire davanti alla televisione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Eugenio Orso 3 settimane fa

        Per Aldus

        Ti consiglio di leggere un recentissimo articolo di Blondet, in cui il giornalista rileva che se 220.000 italiani non andassero al concerto di un “settantenne trasgressivo di provincia” (come V. Rossi), ma a Roma per rivendicare lavoro, stato sociale, nuove politiche, sarebbe decisamente meglio …

        Cari saluti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Aldus 3 settimane fa

    Sono eritrei? Allora se toccano donna italiana o bimbi italiani, visto che vogliono siano rispettate le loro usanze tribali, subito con pena identica alle loro: evirazione, testicoli e mazzapicchio in bocca, taglio della testa poi infilzata su un palo sopra ai loro ingressi nella struttura da loro abitata. Diversamente, se non ne avete voglia, sparategli nei coglioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Manente 3 settimane fa

    Lo scopo vero della Boldrina e del nido di vipere chiamato Pd, è quello di trascinare l’Italia in una guerra civile tra orde di clandestini nullafacenti e gli italiani, sopratutto quelli poveri che soffrono sulla loro pelle gli effetti della invasione del Paese. Fermare le entità entità criminali che portano avanti il programma di “sostituzione etnica” degli italiani, è una priorità assoluta !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Werner 3 settimane fa

    Immagino che qualche deficiente buonista immigrazionista si mette a dire che la signora è “razzista” perché “ha osato” aggredire un “povero migrante eritreo” che fugge dalla fame e dalla guerra (?). Si sa come funziona ormai, se l’immigrato ti aggredisce e tu reagisci, poiché nei mass media domina il pensiero unico sull’immigrazione di tipo autolesionista e autorazzista, tu italiano che ha giustamente reagito, sei automaticamente dalla parte del torto e vieni subito etichettato come razzista, xenofobo, intollerante, come minimo. Comunque questi “profughi” per essere così traumatizzati dalle inesistenti guerre da cui scappano, sono troppo violenti e si stanno rendendo protagonisti di innumerevoli fatti di cronaca, e come ha scritto Giorgio, la situazione è destinata ulteriormente a peggiorare con l’aumentare della loro presenza nel nostro territorio.

    Tutto questo perché, per far mangiare i soldi dei cittadini alle coop rosse e bianche legate a PD e neodemocristiani.

    Sia chiaro anche un’altra cosa: non sono soltanto questi “profughi” negri da espellere dal nostro territorio, ma pure i non poco numerosi immigrati regolari, apparentemente “integrati”, anch’essi responsabili di fatti criminali come lo stupro di gruppo di Rimini compiuto da quattro magrebini ai danni di una turista polacca, avvenuto qualche giorno fa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aldus 3 settimane fa

      Effettivamente occorrerà una revisione totale delle presenze di allogeni in Italia. E con questo la revisione dei permessi e delle cittadinanze italiane regalate senza chiedere nulla a nessuno in barba ad ogni minimo amor di casa propria. Certo sarà possibile solo allora ripartire. E’ certo comunque, che, spesso, a volte, accada che o non si fa nulla per molto tempo o si fa tantissimo in breve tempo, e allora queste provvidenze e azioni saranno di certo accompagnate ad altre di pari tenore in diversi ambiti delle strutture e del vivere dello Stato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Werner 3 settimane fa

        Con la vigente costituzione paracomunista una revisione delle cittadinanze degli allogeni naturalizzati é praticamente impossibile, perché come accaduto con la storia dei vitalizi dei parlamentari, poi la Corte Costituzionale vieterà un provvedimento simile con la scusa dei “diritti acquisiti”. Per carità, un diritto quand’è acquisito non si tocca, ma se l’acquisizione di un diritto è originata da meccanismi sbagliati, da falle legislative, fare revisioni in questo senso non guasterebbe, soprattutto per tutelare chi i diritti li ha acquisiti onestamente e meritatamente.

        Negli ultimi tre anni le acquisizioni della cittadinanza italiana sono cresciute notevolmente superando quota 100.000 l’anno, e sinceramente dubito che il 100% di coloro che sono stati naturalizzati conoscano l’italiano almeno a livello B1 o che si sentano “italiani” nello spirito e nella mentalità. Diciamolo apertamente una buona parte chiede la cittadinanza per non avere più a che fare col rinnovo del permesso di soggiorno e per ottenere privilegi, ma soprattutto arabo-islamici e cinesi rimangono legati ai loro paesi d’origine in tutto e per tutto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Aldus 3 settimane fa

    Ci sono due tipi di mannari: i lupi mannari che sono nelle favole, e i conigli mannari che sono vivi e vegeti in Italia. Costoro, stanno nel governo e nelle sedi PD e sinimerde varie, e delle cooperative onlus di accoglienza e nelle scuole, e fanno i preti o gli assessori, oppure sono ricchi e benestanti di prebenda pubblica, impiegati pubblici, giornalisti, cazzacchioni da TV come Saviano e altri. Caratteristica del coniglio mannaro è quella di alzare sempre la voce quando è ben protetto e al sicuro delle scorte o dei poliziotti. Altra sua caratteristica è imporre le proprie idee del cazzo quando la gente ha sonno o se ne frega, tanto nessuno gli rompe la faccia, oppure in mezzo agli immigrati perché li sostiene e insegna loro i diritti non appena saltano giù dai gommoni o dalle navi. Sono arroganti e minacciano e insultano quando nessuno li insidia da vicino e a muso duro. Di media ogni mattina si infilano un rafano nel culo per stimolarsi meglio e camminare più impettiti, e così vanno in TV o sui palchi con gli altri conigli mannari che li ascoltano o li applaudono. Come i conigli, sparirebbero se si trovassero soli e senza protezione e non ne sentiresti mai più il rabbioso belato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 3 settimane fa

      E’ gia’ iniziata la crociata mediatica per travisare i fatti;poco fa sul notiziario rai hanno intervistato un dirigente del centro (croce rossa ) che ha scaricato la responsabilita’ sulla vittima.Essere italiani non paga in queste situazioni,paga solo sulle lettere di equitalia (equa ah ah ah ).E’ stata chiamata “ladra seriale” come se questo potesse inficiare la verita’ del suo racconto.Scusate la lunghezza de post,ma questa vicenda mi tocca da vicino,il mio nipotino frequenta da 3 anni la scuola elementare di fianco al centro cri,il parco giochi di fronte,la piscina alla sua destra:da anni cercano di chiudere la scuola elementare e dare la struttura alla cri che la riempie di finti profughi e ci fa tanti bei soldini.E’ questo quello che succede nella nostra capitale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Jane doe 3 settimane fa

      Bellissima interpretazione di coniglio mannaro!

      Rispondi Mi piace Non mi piace