Rockefeller, Rothschild, Morgan: The Deep State emerge dall’ombra

di Zargrad TV

È solo negli ultimi anni che parlare di “stato profondo” e di un’organizzazione segreta che gestisce gli Stati Uniti è diventato sgradevole per gli americani. Prima di allora, sono stati fatti vari tentativi per parlare del ruolo dei Rockefeller, dei Rothschild, dei Morgan. Ma ora i giocatori sono completamente fuori dall’ombra. Un tentativo di comprendere le complessità del governo americano, ricordando i concetti di base, è stato fatto dal politologo e pubblicista Igor Pshenichnikov.

La questione se ci sia una sorta di potere nascosto negli Stati Uniti che governa effettivamente il paese e in parte il mondo intero, e la questione di chi tira i fili della gestione del presidente stesso e del congresso, hanno reso il soggetto, negli anni ’70 e ’80 del secolo scorso, di tanto discusso sui giornali americani. Il culmine di questi dibattiti fu la pubblicazione nel 1980 del libro – ancora oggi popolare – dei politologi americani Leonard Silk e Mark Silk: ” American Establishment “, in cui gli autori – padre e figlio – si sforzano di comprendere il meccanismo di governo processo decisionale negli Stati Uniti.

La leggenda è antica, ma gli “altoparlanti” sono nuovi
È stato l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump a diventare il principale sostenitore della moderna teoria del complotto dello “stato profondo”. E, siamo onesti, dopo i tentativi su larga scala di eliminare Trump, non è difficile da credere.

Ma torniamo alle origini. Il ‘deep state‘ (come viene chiamato in America), l’establishment liberale, l’élite globalista, la ‘Washington swamp’ (nelle parole di Trump) sono tutte definizioni diverse dello stesso tema e che spesso compare sotto queste definizioni nell’attuale stampa.

Gli autori del libro “ The American Establishment ” hanno quindi svelato al mondo le cinque più grandi “istituzioni” che secondo loro governano l’America: l’Università di Harvard; Il quotidiano New York Times – tra l’altro, è stato il NYT ad addestrare il regime di Kyiv nelle relazioni con la stampa; la Fondazione Ford; il think tank della Brookings Institution; il Council on Foreign Relations, una struttura privata che de facto determina la politica estera degli Stati Uniti. Nota importante: il Council on Foreign Relations mantiene stretti legami con la famosa “Commissione Trilaterale”.
Si tratta di una sorta di club che riunisce i più grandi banchieri e imprenditori, nonché i principali politici dei paesi occidentali. Ha lo scopo di ” Contribuire alla ricerca di soluzioni ai problemi globali “…

Pertanto, è chiaro che lo “stato profondo” è costituito da un gruppo di “cittadini” (miliardari) che, insieme, si distinguono per serie capacità analitiche e previsionali. Sono “padroni del denaro” (i più grandi banchieri siedono a Wall Street a New York) e proprietari di multinazionali (TNC).
Questi grandi imprenditori hanno potere politico o hanno potere di influenza reale su coloro che formalmente hanno il potere politico. Inoltre, il “deep state” guarda ben oltre i confini nazionali degli Stati Uniti.

Passiamo ora alle personalità
Da varie fonti si possono raccogliere informazioni sui membri che compongono questo “stato profondo”, anche se, ovviamente, c’è da aspettarsi che tutte queste personalità siano le prime a negare l’esistenza di una sorta di potere segreto e il coinvolgimento negli affari del nazione.

Il mondo della grande finanza risulta controllato dalle famiglie che hanno creato la Federal Reserve System. Sono i “padroni del denaro”: i Rockefeller, i Rothschild e i Morgan. Tra queste famiglie spiccano in particolare i Rockefeller. Sono stati loro a creare il “Club di Roma”, che ha tenuto i suoi primi incontri nella loro tenuta di famiglia a Bellagio, in Italia. E il loro complesso di Pocantico Hills è diventato il “nido domestico” della già citata “Commissione Trilaterale”.

Rockefeller Family

Allo stesso tempo, queste famiglie non solo governano i flussi finanziari globali, ma possiedono le più grandi multinazionali. Difficile per chi non lo sapesse trovare informazioni nell’intreccio tra capitale bancario e capitale industriale. Giusto per capire la portata globale degli “interessi” del clan Rockefeller, si possono ricordare i nomi di alcune delle società che sono sotto il loro controllo. Queste sono Exxon Mobil, Chevron Texaco, BP Amoco, Marathon Oil, Freeport McMoRan, Quaker Oats, ASARCO, United, Delta, Northwest, ITT, International Harvester, Xerox, Boeing, Westinghouse, Hewlett-Packard, Pfizer, Motorola, Monsanto, General Alimenti e molti altri.

Ma sarebbe scorretto “individuare” soltanto le famiglie (dinastie) citando solo la componente finanziaria e industriale del “deep state”. È noto che nel corso degli anni i membri della famiglia Rockefeller sono stati dietro la rimozione e la nomina di leader di vari stati, nonché innocui colpi di stato… Uno dei membri più famosi del clan, Nelson Rockefeller, che è stato vicepresidente degli Stati Uniti dal 1974 al 1977, in un’intervista alla rivista Playboy , descriveva così il credo della sua famiglia: ” Credo davvero nella pianificazione, nella programmazione economica, sociale, politica, militare, globale “.

Con un aggiornamento
Ovviamente, molto è cambiato da quando è stato scritto ” The American Establishment “. Alcuni personaggi sono usciti fuori dalla cerchia e ne sono arrivati dei nuovi. E, probabilmente, non tutto è così piatto e lineare. La verità, ovviamente, è molto più complicata. E anche più spaventosa. Le suddette “istituzioni” non si limitano alle forze di cui desiderano influenzare la politica interna ed estera degli Stati Uniti. La presidenza Trump ha dimostrato che i vertici dell’esercito e dei vertici della comunità dell’intelligence americana, che hanno partecipato attivamente alla lotta contro Trump insieme al Partito Democratico, sono parte integrante del “deep state”.

Lo stesso Trump ha puntato il dito contro alti funzionari della CIA, dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia che stavano indagando congiuntamente sui suoi “legami” con il Cremlino. Non hanno trovato nulla, né hanno presentato nulla al pubblico. Tuttavia, gli “investigatori” sono riusciti a portare a nulla il rapporto tra Stati Uniti e Russia. Allo stesso tempo, era evidente la natura unilaterale delle attività dei servizi speciali. Hanno disprezzato Trump, ma hanno chiuso un occhio sugli evidenti misfatti di Hillary Clinton legati alla sua corrispondenza ufficiale (leggi ai finaziamenti dall’Arabia Saudita).
Come ha detto, Trump si è rammaricato che il “Deep State Department of Justice” non abbia preso provvedimenti contro i “disonesti Clinton”.

Alcuni personaggi della nuova Elite, Soros, Gates, Zuckemberg e Obama


Dite pure che me ne sono andato
La discussione sollevata da Trump sull’influenza del “deep state”, su tutto e tutti in America, ha generato un enorme interesse per questo tema nella società americana. Ma la stampa liberal iniziò a confutare l’esistenza di qualsiasi potere segreto. È diventato chiaro che lo “stato profondo” era molto preoccupato.

Il National Interest, considerato una rivista analitica liberal, ha ospitato un simposio per corrispondenza sul tema “Lo Stato profondo esiste?” “. Ciò ha portato a una serie di articoli di noti “esperti e analisti”. Con “la bava sulle labbra”, hanno confutato la teoria dell’esistenza di uno “stato profondo” negli Stati Uniti…

Ecco come, ad esempio, John Deutch, direttore della US Central Intelligence sotto il presidente Clinton, ha commentato questo argomento: I sostenitori più paranoici del presidente Trump affermano che il nuovo Deep State è una resistenza organizzata da parte di funzionari del governo federale che sono intenzionati a minare la sua presidenza. Non c’è da stupirsi che ai dipendenti federali, soprattutto nelle agenzie civili, non piacciano le politiche di Trump, specialmente quelle che richiedono tagli al budget e altre restrizioni. Ma definire organizzata questa resistenza è un’esagerazione. In effetti, è ridicolo affermare che le fughe di notizie crescenti di funzionari scontenti intenti a influenzare la politica siano la prova principale dell’esistenza del Deep State… Ecco il mio consiglio. Quando senti il ​​termine “governo ombra”, cambia canale o spegni la radio, oppure se vedi un articolo come questo, volta pagina ”.

Solo consenso, e niente di più
Gli autori degli articoli di The National Interest hanno sostenuto che gli alti funzionari aderiscono all’unanimità al “consenso generale” su quale dovrebbe essere la politica del paese dopo la fine della Guerra Fredda. Ad esempio, questo consenso accomuna tutti i dipendenti pubblici, indipendentemente dalla loro appartenenza partigiana, ed è la base perché la classe politica americana guidi il Paese nella stessa direzione scelta da tempo. E, dicono, in caso di fallimenti, questa classe politica, sulla base di un consenso incrollabile, corregge gli errori che possono essere commessi all’interno dell’esecutivo o del legislativo. E nel caso di Trump, ad esempio, è stato proprio questo consenso dei politici americani a frenare le iniziative del presidente, e per niente una sorta di “deep state”. L’esperta del Cato Institute Emma Ashford scrive: Il problema non è, come sostiene Trump, che il “deep state” stia facendo deragliare la sua agenda politica. Si basa su consiglieri che concordano su un consenso di politica estera post Guerra Fredda. E fino a quando tale consenso non verrà modificato, la politica estera americana continuerà a seguire lo stesso percorso coerente, indipendentemente dall’amministrazione .

Contro i lavoratori?
Unendosi all’ondata di smentite dell’idea dell’esistenza del “deep state”, un altro esperto, professore all’Università del Texas, Michael Lind, è addirittura pronto ad ammettere che esiste una “cospirazione d’élite transatlantica”, ma secondo per lui non esiste uno “stato profondo” segreto. Sempre in The National Interest , scrive che dopo la fine della Guerra Fredda, le grandi imprese su entrambe le sponde dell’Atlantico, per aumentare i propri profitti e rafforzare il proprio controllo, hanno cercato di tenere a freno i lavoratori e i loro sindacati . A questo fine, ” le élite transatlantiche… hanno ristrutturato il sistema di governance della società per ridurre al minimo la responsabilità democratica. Lo hanno fatto spostando il processo decisionale dalla legislatura all’esecutivo e al potere giudiziario all’interno dello stato-nazione. E hanno creato le condizioni per diverse decisioni all’interno dello Stato-nazione, attraverso organizzazioni come l’Unione Europea, che sono abbastanza isolate dagli elettori ”.

Questa rivoluzione oligarchica dall’alto dopo la fine della guerra fredda può essere definita una cospirazione, ma non è una cospirazione di stato profondo. “ Era un programma aperto di Bill Clinton, George W. Bush e Tony Blair in collaborazione con i leader centristi europei. Sono riusciti a raggiungere i loro obiettivi: indebolire l’influenza economica e il potere politico della maggioranza della classe operaia negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in altri paesi occidentali ”, scrive Michael Lind.
Una rivelazione interessante. Ma questo non fa nulla per confutare l’esistenza di una cospirazione chiamata “stato profondo”. Inoltre, dimostra che questo “stato profondo” non è americano, ma sovranazionale.

Riunione dei membri Rothshild and Co.

E allora ?
L’esistenza di un “deep state” è unanimemente smentita dalla stampa liberale americana, che cerca di ridicolizzare chi la crede diversamente. Questo “stato profondo” cerca con tutte le sue forze di dimostrare che non esiste.

Il primo pressante problema di fronte a questo agglomerato di forze – che non cercano luce e pubblicità, ma controllano tutta la vita americana e tentano di controllare il mondo intero – è quello di mantenere visibile la sua sovrastruttura alla Casa Bianca : sia essa l’attuale amministrazione è di Biden o di qualcun altro.

Il secondo problema, non meno urgente, dello “Stato profondo” è l’esistenza di una Russia indipendente, che difende i valori tradizionali e che è il fiore all’occhiello di tutte le forze mondiali contrarie all’egemone, che quasi professa apertamente il “satanismo” in sue varie manifestazioni.

La battaglia avrà quindi inizio. Ma per fare questo, lo “stato profondo” dovrà agire e mostrarsi . Pertanto, non sarà in grado di nascondere le sue “orecchie”, non importa quanto ci provi. Così, di volta in volta, avremo modo di conoscerlo meglio.

Fonte: Ze Journal

Traduzione: Gerard Trousson

6 Commenti
  • franco
    Inserito alle 13:01h, 03 Gennaio Rispondi

    Coloro i quali sono alla base della mattanza europea per fare fuori l’europa e dominare noi sudditi solo loro.

    • mondo falso
      Inserito alle 15:03h, 03 Gennaio Rispondi

      Anche per far morire prima del tempo gli europei con i vaccini Co,,vid

  • Aplu
    Inserito alle 13:20h, 03 Gennaio Rispondi

    Io trovo che questo articolo, come altri similari, sia molto interessante. Dovrebbe essere mostrato spesso e distribuito a volantini in giro per le scuole e le università. Credo che la verità sia questa e meno male che sempre più persone se ne stanno accorgendo. Anche se avrebbero dovuto accorgersene già almeno da una quindicina d’anni e dall’avvento dei Bush e dei Clinton. Ma forse non è mai troppo tardi…Questo è un lato positivo di Internet.
    Mancano alcuni riferimenti che una volta avevo colto e letto tanti anni fa: le organizzazioni varie diffuse per tutta la terra, come Scientology, che ha un enorme palazzo qui a Milano, come il Rotary Club e Lyons Club, che mirano ad aggregare capillarmente fin le personalità di provincia nella piramide del potere, i boy scout che sembrano coglioni e lo sono, ma servono o per aggregare al carro americano sin dalla giovane età, e anche altro.
    Beh. esiste anche il sospetto che il potere si autologori prima o poi, e questi sono al potere e cercano di espanderlo da quasi cento anni, il che è davvero troppo, secondo i calcoli del fato che domina le società mondiali…………

    • Giorgio
      Inserito alle 07:55h, 04 Gennaio Rispondi

      Ottime precisazioni APLU

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 17:43h, 03 Gennaio Rispondi

    Escrementi prima o poi vengono a galla… fatto è che in acque torbide quasi mai riesci distinguere…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Marina Costa
    Inserito alle 16:35h, 06 Gennaio Rispondi

    Ottimo ed ora ne godremo il Crollo!!!! Tempo e Pazienza

Inserisci un Commento