Rivolte popolari di massa nella “Grande Democrazia”Americana

A Washington non se lo aspettavano ma l’insoddisfazione ed il disagio del cittadino americano medio stanno esplodendo con l’occasione dell proteste contro il brutale omicidio de nero George Floyd.
La gente stressata ed angustiata per la crisi economica del covid-19 e per le tante ingiustizie, diseguaglianze della società americana scende in piazza e si ribella contro lo stato di polizia vigente nel paese che ha il record di detenuti ed esecuzioni sommarie attuate dalla polizia USA principalmente contro neri, ispanici ed altre minoranze.
I media atlantisti cercano di minimizzare la portata delle rivolte ma questa è una sorta di “rivoluzione colorata” che sta avvenendo negli USA, proprio nel paese che ha sobillato per anni rivolte, omicidi di massa e rovesciamenti di regime negli altri paesi, una forma di nemesi o vendetta della storia.

Segue la cronaca delle rivolte ripresa da RT Actualidad

Più di 25 città degli Stati Uniti Hanno dichiarato il coprifuoco durante le notti di questo fine settimana, al fine di controllare i disordini nelle manifestazioni generate dopo la morte di George Floyd per mano della polizia.

Al momento, la misura si applica a Beverly Hills, Los Angeles, Denver, Miami, Atlanta, Chicago, Louisville, Minneapolis, St. Paul, Rochester, Cincinnati, Cleveland, Columbus, Dayton, Toledo, Eugene, Portland, Philadelphia, Pittsburgh, Charleston , Columbia, Nashville, Salt Lake City, Seattle, Milwaukee e San Francisco.

Dopo il quinto giorno di proteste in 16 stati , migliaia di manifestanti continuano per le strade per chiedere giustizia e respingere gli abusi della polizia. In quel contesto, quasi una dozzina di governatori hanno attivato la Guardia Nazionale per contenere la folla, per far cessare i saccheggi e prevenire l’escalation delle tensioni.

Rapporti preliminari stimano che circa 1.400 persone sono state arrestate in 17 città degli Stati Uniti da giovedì. Le proteste hanno avuto origine nel Minnesota, lo stato in cui Floyd è stato ucciso all’inizio di questa settimana, ma si sono diffusi in tutta la nazione.

Forze di polizia USA in assetto di guerra

Incendi dolosi e saccheggi diffusi
Il sindaco di Minneapolis Jacob Frey è stata la prima autorità a emettere il coprifuoco, citando i danni causati, il saccheggio diffuso e più di 50 incendi intenzionali, incluso un quartier generale del dipartimento di polizia locale. Tuttavia, un gran numero di persone ha contestato la misura.

Da parte sua, il governatore del Minnesota Tim Walz ha autorizzato questo sabato la “mobilitazione totale” della Guardia nazionale di stato e ha annunciato il trasferimento di altri 1.000 soldati a Minneapolis, unendosi ai 700 che sono già in città.

Nel frattempo, il sindaco di Los Angeles , Eric Garcetti, ha ordinato il coprifuoco in città dalle 8 di sera alle 5 del mattino per garantire la sicurezza di “tutti i cittadini” . Ore dopo, ha annunciato che la Guardia Nazionale sarà schierata durante la notte.

Le immagini condivise sui social network mostrano diverse auto della polizia distrutte e persino una di loro in fiamme. La polizia ha annunciato lo spiegamento di “risorse aggiuntive per mantenere l’ordine” e ha avvertito che coloro che non rispettano l’ordine saranno arrestati.

Assalto alle strutture dei canali televisivi di regime
Un gruppo di manifestanti che erano sabato fuori dal complesso del canale della CBS a Los Angeles ha usato grandi contenitori di immondizia con ruote per sfondarli nella porta d’ingresso dell’edificio e aprire l’accesso.

Inoltre, le proteste hanno portato alla distruzione, al vandalismo, al fuoco e all’assedio del quartier generale della CNN ad Atlanta . Il sindaco della città, Keisha Bottoms, ha firmato il coprifuoco in tutta la giurisdizione territoriale della città dalle 21:00 di questo sabato (ora locale) fino all’alba di domenica 31 maggio.

Bottoms, che è anche afroamericano, ha condannato gli atti di violenza . “Quando bruciano questa città, stanno bruciando la nostra comunità”, ha detto venerdì in una conferenza stampa.

In risposta, il governatore della Georgia Brian Kemp ha autorizzato lo spiegamento di 500 membri della Guardia Nazionale nella Contea di Fulton, dove si trova Atlanta.

Assalto ai canali delle TV di regime


Schieramento della Guardia Nazionale
Nella città di Washington , anche la Guardia Nazionale è stata attivata questo sabato per aiutare la polizia locale a gestire la situazione nelle vicinanze della Casa Bianca.
Allo stesso modo, il Governatore dello Stato del Texas , Greg Abbott, e il Governatore del Colorado, Jared Polis, si sono uniti alla mobilitazione della Guardia Nazionale per controllare il caos.

D’altra parte, a Filadelfia , diverse auto pattuglia sono state bruciate durante questo giorno nel centro della città. Le autorità ritengono che almeno 13 agenti di polizia siano stati feriti in incidenti di incendio doloso e taccheggio durante le proteste.

A Portland , anche il sindaco Ted Wheeler ha dichiarato lo stato di emergenza e ha imposto il coprifuoco durante il fine settimana, così come le autorità di Miami, dove decine di manifestanti e ufficiali si sono scontrati vicino a un dipartimento di polizia.

Allo stesso modo, il sindaco di Salt Lake City, Erin Mendenhall, ha agito alla luce della crescente violenza in città. L’area ha avuto il sostegno del governatore dello stato dello Utah , Gary Herbert, e l’attivazione della Guardia Nazionale nel fine settimana.

Nota: Nei commenti di alcuni funzionari del Pentagono si parla già di ritirare contingenti di truppe USA dall’Estero, nei numerosi paesi dove questi si trovano, per riportarli in patria per sedare le rivolte di massa. Alcuni membri del Congresso hanno iniziato a sostenere che gli USA devono iniziare ad occuparsi molto di più della propria situazione interna e rinunciare ad inviare truppe ed aiuti finanziari all’estero.

Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus