Rivolta dei Tribunali in Spagna: è ufficiale! Il secondo stato di emergenza è dichiarato incostituzionale


La Corte costituzionale spagnola ha appena inferto l’ennesimo schiaffo al governo socialista guidato da Pedro Sanchez dichiarando, il 27 ottobre, incostituzionale il secondo stato di emergenza durato 6 mesi senza che né il Parlamento né la Costituzione potessero controllare l’operato del governo.

In Spagna la giustizia è in piena rivolta e la domanda da porsi è se il resto d’Europa ne sarà ispirato. Infatti, dopo aver ordinato al governo centrale di Madrid di rimborsare tutte le multe riscosse durante il primo stato di emergenza sanitaria del marzo 2020, la giustizia ha appena dichiarato incostituzionale il secondo stato di emergenza durato dal 9 novembre 2020 al 9 maggio 2021.

Questo mercoledì, l’informazione è stata confermata da altre fonti, tra cui i media spagnoli, Infobae . Secondo questa fonte, questo verdetto emesso il 27 ottobre dalla Corte sarebbe un duro colpo per il governo spagnolo guidato da Pedro Sanchez, dopo la prima invalidazione del 1° stato di emergenza da parte della stessa Corte.

Proteste contro lo stato di emergenza in Spagna

Secondo Infobae, che utilizza le stesse informazioni di El Pais , la Corte Costituzionale si è lamentata principalmente della durata del 2° stato di emergenza, 6 mesi durante i quali né il Parlamento né il Congresso sono stati in grado di controllare l’azione del governo. La Corte ha anche denunciato il fatto che il governo centrale di Madrid ha preso il posto delle comunità autonome (regioni spagnole) che tuttavia avevano la competenza.

Il 27 ottobre il verdetto del governo ha scatenato una forte reazione nella classe politica spagnola dove l’opposizione, soprattutto di destra, ha accolto con favore lo schiaffo inferto al governo socialista. Si ricorda che la Corte era stata adita su tale questione da parte dell’estrema destra spagnola, Vox.

Così, in un tweet pubblicato sul suo account personale, il giornalista Luis de Pino stima che Vox abbia vinto la partita per 3 gol a 0. ” Vox e la Costituzione 3 – Pedro Sanchez 0 “, scherza.

Fonte: https://lecourrier-du-soir.com/revolte-des-tribunaux-en-espagne-cest-officiel-la-justice-declare-anticonstitutionnel-le-second-etat-durgence/

Traduzione: Gerard Trousson

Nota: Mentre in Italia la magistratura e le istituzioni di garanzia sono sprofondate nel letargo più profondo, in Spagna c’è ancora una magistratura vigile che non permette al Governo di compiere abusi e violazione dei diritti costituzionali dei cittadini con il pretesto di una eterna emergenza. In Italia, il paese del “Draghistan”, regnano il conformismo ed il pensiero unico fino ai vertici delle istituzioni.

Nota di L.Lago

15 Commenti
  • blackarrow
    Inserito alle 15:18h, 31 Ottobre Rispondi

    in Italia sono decenni che la Magistratura non fa più il suo lavoro e sta a guardia degli interessi della dirigenza di sinistra. Siamo senza speranza.

    • Giorgio
      Inserito alle 16:40h, 31 Ottobre Rispondi

      No …….. purtroppo Speranza l’abbiamo ……. e anche Lamorgese, Brunetta e compagnia ……….

  • Teoclimeno
    Inserito alle 03:32h, 01 Novembre Rispondi

    La Corte Costituzionale in Italia sta dormendo un sonno profondo, e se facciamo troppo rumore corriamo il rischio di svegliarla. Poveri italiani…mala tempora currunt.

    • atlas
      Inserito alle 15:06h, 01 Novembre Rispondi

      scrivi sempre di italia, di itali ani … ma non ti stanchi ? Sono cose vecchie, inventate, inutili ,,, che hanno a che fare con la massoneria britannica quindi giudea, ma non ti viene da vomitare (?) L’unico VERO Camerata romano fu Benito Mussolini, basta

      • Teoclimeno
        Inserito alle 00:47h, 02 Novembre Rispondi

        scrivi sempre di duosicilia, di duo sicili ani … ma non ti stanchi ? Sono cose vecchie, inventate, inutili ,,, che hanno a che fare con la massoneria britannica quindi giudea, ma non ti viene da vomitare (?) L’unico VERO Camerata romano fu Benito Mussolini, basta

        • atlas
          Inserito alle 01:23h, 02 Novembre Rispondi

          no che non mi stanco. Non mi stancherò mai. Il Regno delle Due Sicilie è stato unito dal 1130. Itali ani, statevi a casa vostra. Avremo la sovranità com’è sempre stata, non vogliamo essere gestiti da stranieri, basta con l’annessione farsa, basta con le colonizzazioni ufficiose, libertà. Tienitela per te l’italia di merda (soprattutto quella del nord. I laziali sono mediterranei, l’ex stato pontificio non ci ha mai fatto niente di male. Fikkatela nel kulo l’italia. Sarò ancora più chiaro: va àffankulo, TU e l’italia) https://twitter.com/ismaylyusuf/status/1455328557648039942/photo/1

          • Teoclimeno
            Inserito alle 11:15h, 02 Novembre

            Non farmi perdere tempo. Repetita iuvant: l’Italia non è nata nel 1860, ma nel 292 d.C. ad opera di Diocleziano. Hai capito bene testina di vitello?

  • Ivan
    Inserito alle 14:51h, 01 Novembre Rispondi

    Sono molto contento di aver lasciato (purtroppo) l’Italia nel 2017 e trasferito in Spagna. Il mio cuore però è sempre molto triste perche l’Italia non merita questa fine, ma purtroppo è la fine che la maggioranza del proprio popolo ha voluto.

  • Teoclimeno
    Inserito alle 18:15h, 01 Novembre Rispondi

    C’è del marcio in Danimarca, ma anche in questo sito.

    • atlas
      Inserito alle 01:27h, 02 Novembre Rispondi

      ma vai a sbokkare sangue, tu e l’italia (di merda). Avete pure impiccato Mussolini già morto. Ma sprofondate nell’acqua alta, come Venezia. Skifosi di merda. Criminali, delinquenti, rapinatori, porci pfui. Massone di merda

  • Teoclimeno
    Inserito alle 11:25h, 02 Novembre Rispondi

    Si vede che hai fatto degli studi claudicanti: sono i duo sicili ani che hanno venduto la loro terra ai massoni, e tu sei nel solco della tradizione. Sarò ancora più chiaro: va àffankulo, TU e le tue visioni da strapaese. Massone di merda.

  • Teoclimeno
    Inserito alle 11:46h, 02 Novembre Rispondi

    Alla cortese attenzione della REDAZIONE: vi faccio notare che ogni tanto, senza un apparente motivo, vengo censurato. Mentre allo stesso tempo, ignorate gli insulti gratuiti, che certi individui inqualificabili diffondo sul sito a piene mani. Forse è giunto il momento di fare qualcosa.

Inserisci un Commento