Rivelati i piani di guerra top secret del Pentagono


Il rapporto rivela un’ampia portata delle operazioni classificate statunitensi per condurre guerre per procura in Asia occidentale e Asia-Pacifico, con il sostegno straniero.

Le forze operative speciali statunitensi sono impegnate in un programma di guerra per procura su una scala molto più ampia di quanto precedentemente noto, secondo quanto riportato venerdì dal portale statunitense The Intercept , secondo documenti esclusivi e interviste con più di una dozzina di funzionari attuali ed ex governi.

Dal 2018 al 2020, il governo degli Stati Uniti ha condotto attività antiterrorismo in 85 paesi, secondo la Brown University. Queste operazioni includono attacchi aerei e con droni, combattimenti a terra e i cosiddetti programmi “Sezione 127e”, in cui le forze operative speciali statunitensi pianificano e controllano missioni per gli eserciti alleati.

Mentre The Intercept e altri organi di stampa hanno precedentemente riferito di operazioni segrete del programma 127e del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (Pentagono) in diversi paesi africani, un nuovo documento indica che almeno 14 programmi erano attivi anche in Asia. Regione del Pacifico nel 2020. In totale, tra il 2017 e il 2020, i comandi statunitensi hanno condotto almeno 23 programmi 127e separati in tutto il mondo.
Da parte sua, Joseph Votel, un generale dell’esercito in pensione che guidava sia il comando delle operazioni speciali che il comando centrale degli Stati Uniti, ha confermato l’esistenza di queste operazioni precedentemente segrete in Egitto, Libano, Siria e Yemen, descrivendole come sforzi di “controterrorismo” statunitensi Un altro ex funzionario del Pentagono, parlando in condizione di anonimato, ha affermato che una versione precedente del programma 127e era stata dispiegata anche in Iraq.

Forze USA in Iraq

Inoltre, un altro programma della serie 127e, nome in codice Obsidian Tower, è stato schierato in Tunisia e non è mai stato riconosciuto dal Pentagono. In questa operazione, condotta nel 2017, le forze statunitensi hanno agito militarmente insieme a persone locali assunte al loro servizio.

Secondo The Intercept , un altro documento segreto fa luce sulle caratteristiche del programma, compreso l’uso dell’autorità per fornire l’accesso ad aree del mondo altrimenti inaccessibili anche alle truppe americane più d’élite.

“I documenti e le interviste forniscono anche il quadro più dettagliato finora di un’autorità oscura che consente ai commando statunitensi di condurre operazioni antiterrorismo ‘da, con e attraverso’ forze partner straniere e irregolari in tutto il mondo”, aggiunge.

Le informazioni di base su queste missioni sono sconosciute anche alla maggior parte dei membri dei pertinenti comitati del Congresso e al personale chiave del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.
Uno dei documenti ottenuti da The Intercept stima il costo delle operazioni 127e, condotte tra il 2017 e il 2020, in 310 milioni di dollari. Questo mentre un budget di 25 milioni di dollari è stato assegnato al programma quando è stato autorizzato per la prima volta, con un altro nome, nel 2005.

Nel frattempo, i critici sostengono che, a causa della mancanza di supervisione, i programmi 127e rischiano di coinvolgere gli Stati Uniti in violazioni dei diritti umani e di coinvolgere gli Stati Uniti in conflitti stranieri all’insaputa del Congresso e del popolo americano.

“L’Asia occidentale rappresenta il 43% dei trasferimenti di armi statunitensi”
Inoltre, i critici avvertono che, oltre al rischio di un’escalation militare imprevista, alcune operazioni potrebbero equivalere a un uso illegale della forza.

Fonti: The Intercept Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti
  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 21:25h, 02 Luglio Rispondi

    “forze operative speciali statunitensi pianificano e controllano missioni per gli eserciti alleati” Italia: alleata o colonia (degli U.S.ofA.?)?

    • Madre Natura
      Inserito alle 02:06h, 03 Luglio Rispondi

      Qualcosa di losco si muove di notte verso EST per via aerea e sono aerei militari Occidentali travestiti da aerei civili dal rombo del potente motore che consuma un 40-50 % cento di carburante in più tanto PAGA SIOR PANTOLON !
      Gli italiani anche se muoiono di fame e sono ridotti in miseria stanno tutti zitti è buoni e da fessi ignoranti che sono pure felici di pagare NUOVE TASSE E BOLLETTE DELLA LUCE-GAS TRIPILICATE del 300 % cento perché bisogna PAGARE TUTTA LA GUERRA CHE L” UCRAINA NAZISTA HA VOLUTO FARE CONTRO LA RUSSIA !
      Dal 2016 ci sono dei strani voli NOTTURNI molto rumorosi ( significa che non sono aerei civili ) che atterrano e che ripartono dal Aeroporto di Tessera Marco Polo notte tempo che dovrebbe essere chiuso dalle ore 01 fino alle 04 ?
      Vanno tutti verso Est !
      Che ci vanno a fare ad EST di NOTTE ?
      Non credo che i trafficanti di droga o Tombaroli-ricettatori Rumeni-Albanesi-Kossovari usino aerei di tipo militare i loro traffici !
      Nemmeno durante il coprifuoco della bufala del Covid19 sono cessati questi strani voli notturni .
      Di giorno durante il coprifuoco quasi zero aerei in partenza o in decollo se erano 4-8 voli diurni erano pure troppi mentre di notte c ” era un strano traffico di aerei !
      La storia continua anche oggi .
      Dove vanno questi aerei ?
      Cosa trasportano ?
      Ci sono bombe da regalare agli Ucraini perchè possano attaccare la Russia e continuare la guerra su quei aerei notturni ???

      • Luca
        Inserito alle 09:53h, 04 Luglio Rispondi

        Madre natura , secondo me Pippi troppa coca . Cosa fai sveglio tutte le notti a contare gli aerei ( troppo rumorosi per essere civili…hahahahah), mi sembri un po’ paranoico. Fai una bella cosa , smetti di pippare per qualche notte , o almeno vai a farti lontano dal aeroporto …

    • maurizio diana
      Inserito alle 13:31h, 03 Luglio Rispondi

      Colonia di serie B

  • Viaggiatore 5
    Inserito alle 05:51h, 03 Luglio Rispondi

    La diffusione di questo rapporto della testata giornalistica The Intercept, e’ documentata. Come sembra si evince da questo articolo. Se esistono i documenti e le interviste (quindi dei testimoni) dell’intervento degli USA in queste guerre per procura incuso l’uso di forze militari e di funzionari e armi sul luogo. Come mai i paesi non richiedono l’intervento dell’ONU e delle decine di ONG (organizzazione diritti umani) come ad esempio Amnesty International…eccetera. Le guerre di cui si scrive hanno prodotto molte migliaia di morti civili, bambini, donne.. Consapevoli che gli USA dichiarano di combattere il terrorismo con l’antiterrorismo che risulta essere peggio del terrorismo perche’ ad oggi l’antiterrorismo USA non e’ fuorilegge (legge cosi’ dette “democratiche” dell’occidente).
    Altra nota, Come mai questa articolo di denuncia non ha prodotto la reazione della “legge USA” come accade al giornalista Julian Assange di WikiLeaks?

    • maurizio diana
      Inserito alle 13:34h, 03 Luglio Rispondi

      Amnesty International è by soros………… fa luce ??

  • Manente
    Inserito alle 11:32h, 03 Luglio Rispondi

    Da notare che, parallelamente a queste bande armate che operano segretamente per provocare conflitti e caos in ogni angolo del mondo, esiste la rete delle presstitute al soldo della cia-mossad che assolve al compito ripulire l’immagine di questa “anonima assassini” globale, attribuendo alle vittime i crimini commessi da queste bande di terroristi. L’infame compito dei vari Riotta, Mentana, Vespasiano Vespa, Rampini, Merlino ed altre nullità simili e’ esattamente questo.

  • ivo lami
    Inserito alle 17:32h, 04 Luglio Rispondi

    certo questi americani; fanno i piani segreti e poi li raccontano a tutti; chissà cosa sarebbe avvenuto se avessero fatto piani palesi

Inserisci un Commento