Rivelata la Storia nascosta degli attacchi israeliani contro l’Iran

di Robert Inlakesh (*)

L’attacco di ritorsione dell’Iran contro Israele è stato presentato in Occidente come un tentativo sconsiderato di innescare una grande guerra regionale, ma in realtà Israele attacca l’Iran da decenni.

Come accade di solito con le guerre sostenute dall’Occidente, la cronologia dei media aziendali inizia nel momento che si adatta alla loro narrativa. Abbiamo visto questo scenario di recente, con il tentativo di privare la guerra di Gaza di tutti i contesti prima del 7 ottobre 2023. Allo stesso modo, quando si tratta del conflitto di Israele con l’Iran, i due paesi sono stati coinvolti in quella che viene definita guerra “ombra”, i cui dettagli sono piuttosto scioccanti.

Mentre l’attenzione dei media internazionali era concentrata sugli attacchi di ritorsione dell’Iran contro Israele , concentrandosi soprattutto sui circa 300 droni e missili utilizzati nell’attacco , non è stato raggiunto alcun accordo importante sull’attacco israeliano del 1° aprile contro la sezione consolare dell’ambasciata iraniana a Damasco, in Siria , che ha ucciso una dozzina di persone, tra cui sette funzionari iraniani del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC). In questo atto di aggressione senza precedenti contro il suolo iraniano, infrangendo le norme diplomatiche internazionali, gli israeliani sono stati protetti dal governo degli Stati Uniti presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, bloccando qualsiasi condanna di questo atto.
Nonostante l’ammissione del ministro degli Esteri britannico David Cameron che se l’ambasciata britannica fosse stata attaccata in modo simile, anche loro avrebbero reagito, l’argomentazione a doppio standard secondo cui l’Iran non dovrebbe rispondere continua a dominare le vie aeree.

L’IRGC iraniano ha ricevuto condanna per il sequestro di una nave portacontainer nel Golfo Persico associata alla compagnia di navigazione Zodiac Maritime del miliardario israeliano Eyal Ofer e della sua famiglia. Nel 2021, la petroliera Mercer Street, gestita anche da Zodiac Maritime, è stata colpita da droni iraniani, suscitando una condanna simile. Tuttavia, c’era poco da dire riguardo al ruolo della compagnia di proprietà israeliana nella collaborazione con l’esercito e l’intelligence israeliani per trasportare armi e agenti operativi nella regione e compiere omicidi o missioni di ricognizione.

Tuttavia, la “guerra ombra” tra Israele e Iran non è iniziata con eventi recenti. Dal 2010 Israele commette brutali omicidi di scienziati civili sul suolo iraniano, compiendo anche atti di spionaggio che hanno messo in pericolo civili innocenti nel paese.

Mossad CIA alleati contro l’Iran

Già negli anni 2010, 2011 e 2012, gli agenti del Mossad israeliano hanno impiantato virus progettati per causare malfunzionamenti negli impianti petroliferi e nucleari iraniani. Un altro tipo di azione provocatoria si è verificata nel 2018, quando è stato riferito che una squadra israeliana del Mossad aveva fatto irruzione in un archivio a Teheran, rubando documenti relativi al suo programma di energia nucleare.

Nel 2020, il New York Times e il Washington Post hanno riferito che Israele aveva piazzato bombe all’interno dell’impianto nucleare iraniano di Natanz, provocando quasi una catastrofe ambientale e umanitaria. Nello stesso anno, il Mossad israeliano assassinò il principale scienziato nucleare iraniano , Mohsen Fakhrizadeh, a Teheran. Poi, nell’aprile del 2021, si è verificata un’altra esplosione presso l’impianto di Natanz, che secondo il New York Times era opera di Israele.

Gli israeliani hanno anche addestrato membri del gruppo terroristico MEK a compiere attacchi contro obiettivi civili all’interno dell’Iran. L’elenco delle cellule legate al Mossad che sono state arrestate dalle autorità iraniane o hanno compiuto atti di spionaggio e sabotaggio è semplicemente troppo numeroso per essere trattato a lungo. All’inizio dell’anno scorso, funzionari statunitensi avevano addirittura dichiarato a Reuters che un attacco suicida con droni contro una fabbrica nella città di Isfahan era un attacco israeliano.

Più recentemente, alla fine di dicembre, Israele ha lanciato attacchi aerei su Damasco e ha assassinato il funzionario dell’IRGC Seyed Razi Mousavi. E a gennaio, Israele ha lanciato attacchi aerei su Damasco, uccidendo cinque membri del personale militare iraniano e cittadini siriani. Poi, all’inizio di febbraio, Israele è stato accusato di aver fatto saltare i gasdotti in Iran. Nessuna di queste azioni, che probabilmente avrebbero suscitato una risposta da parte della maggior parte delle nazioni, ha spinto l’Iran a lanciare un attacco diretto contro Israele.

In aggiunta a tutto ciò, Israele è stato il principale sostenitore a livello mondiale delle schiaccianti sanzioni occidentali che hanno avuto un impatto significativo sulla popolazione civile iraniana, in particolare sull’accesso alle forniture mediche salvavita. L’AIPAC, la potente lobby israeliana negli Stati Uniti, ha lavorato duramente per impedire l’approvazione dell’accordo sul nucleare iraniano del 2015, quindi ha spinto l’amministrazione Trump a ritirarsi unilateralmente prima di fare pressione sull’amministrazione Biden affinché si astenesse dal rilanciare l’accordo nonostante si trattasse di una promessa elettorale.

Israele ha avuto un ruolo anche nell’assassinio da parte dell’amministrazione Trump del generale iraniano incaricato di combattere l’Isis, Qassem Soleimani.

Il generale Soleimani

Eppure, nonostante la lunga storia di attacchi documentati di Israele contro l’Iran e circa 30 anni di false previsioni su quando l’Iran presumibilmente svilupperà un’arma nucleare, che è la premessa per le sanzioni occidentali, i media aziendali stanno ancora cercando di vendere al pubblico informazioni la menzogna secondo cui Israele è una vittima innocente e che non c’era motivo giustificabile perché l’Iran reagisse.

Robert Inlakesh è un analista politico, giornalista e regista di documentari attualmente residente a Londra, Regno Unito. Ha lavorato e vissuto nei territori palestinesi occupati e conduce lo spettacolo “Palestine Files”. Direttore di “Il furto del secolo: la catastrofe israelo-palestinese di Trump”. Seguitelo su Twitter @falasteen47

Fonte: Mint Press News

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Rivelata la Storia nascosta degli attacchi israeliani contro l’Iran

  1. Nell’ articolo, ben fatto comunque, anche se esaustivo mancano diversi fatti. Come l’ attacco del 2023 ai gasdotti iraniani fatti saltare in acqua come il nord stream. O l’ attentato sempre di anno scorso, in suolo iraniano, alla celebrazione commemorativa annuale del martirio di Soleimani. 80 morti civili. L’ attacco di giorni fa’ a l’ entità del male ebraica, non è stato un atto di guerra distruttivo a sorpresa. Ma una di lattazione di potenza dichiarata, atto in linea con le convenzioni del trattato di Ginevra. Legittima difesa.

  2. Tutti i nodi dovranno venire al pettine. I guerrafondai sionisti dovranno pagare duramente per le loro azioni, quando sarà venuta meno la protezione degli USA…….free Palestine

  3. Se sono vere le notizie date stamani alla televisione pubblica pare che l’accordo tra Nethanieau e Biden sul tipo di risposta da dare all’Iran per il lancio di missili e droni iraniani sul territorio israeliano di sabato scorso sia che Israele intervenga militarmente a Rafah poiché Biden non vuole che si bombardano siti nucleari iraniani. Così ancora una volta a
    rimetterci sarà la popolazione civile palestinese di Gaza che se questo dovesse verificarsi sarebbe annientata del tutto da questi cuor di leone forti con i deboli vili con i forti.

  4. Non condivido i Vs. Pensieri i Palestinesi sono lasciati da soli da quasi tutti i paesi arabi questo x quistioni economiche e finanziare e quei pochi che gli hanno fatto (elemosina) fornendo non aiuti alla popolazione ma Armando i più facinorosi x compiere atti contro Israele in modo di dagli atto di Inter venire sulla gente inerme sottraendogli ancora una parte di territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM