Riunione a Milano fra Orban e Salvini: Soros mobilita le sue ONG per contestare l’incontro

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha dichiarato martedì che l’Europa ha bisogno di una nuova Commissione europea e di un nuovo Parlamento che difenda la protezione delle frontiere e l’arresto delle migrazioni.
“La sicurezza dell’Europa dipende dal successo di (Salvini)”, ha detto Orban in una conferenza stampa congiunta con il ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini a Milano.
Prima dei colloqui, Orban aveva dichiarato di non vedere l’ora del suo primo incontro con Salvini, che ha definito “il suo eroe”.

“Voglio fortemente incontrare Salvini , lui è il mio eroe, la mia anima gemella, lo ammiro molto, penso di avere qualche esperienza che vorrei condividere con lui”, ha detto Orban prima dell’incontro con Salvini.

Viktor Orban ha perseguito una linea dura verso i migranti da quando la crisi dei rifugiati è scoppiata in Europa nel 2015. Dopo che centinaia di migliaia di migranti sono entrati in Ungheria, Budapest ha costruito una barriera di confine lungo la sua frontiera meridionale per fermare l’afflusso.
Le dure misure anti-immigrazione sono state una parte importante della sua campagna elettorale e rimangono uno dei temi principali nella sua attuale agenda politica, presa come esempio ed imitata da altri movimenti sovranisti in tutta Europa.

All’inizio di aprile, Orban ha vinto un terzo mandato come primo ministro ungherese e ha assicurato al suo partito Fidesz una forte maggioranza nel parlamento del paese.

Per contestare l’incontro fra Orban e Salvini, la Open Society di George Soros ha mobilitato le “sue truppe” a Milano in piazza San Babila, dove, con lo slogan di Europa Senza Muri” (lo stesso della Open Society di Soros) si è svolta la protesta della Milano pro migranti mobilitata per l’occasione con la presenza dei centri sociali, di personaggi come Laura Boldrini, Emma Bonino e Pippo Civati. Oltre a loro naturalmente alla presenza dell’ Anpi, della Cgil, le Acli e i Circoli Arci che hanno aderito in grande numero all’appello lanciato dalla Open Society di George Soros per “abbattere i muri” ed accogliere l’immigrazione dall’Africa. Per le Ong sono presenti ActionAid, Amnesty International Amref Italia e “Terre des Hommes”, tutte organizzazioni che sono indiziate di ottenere finanziamenti dalla Open Society che funge da ONG capogruppo.

Inoltre hanno dato il loro sostegno anche Articolo 21, ArciGay di Varese e Milano, Associazione Enzo Tortora e Radicali, Casa della carita’, Casa di Accoglienza delle Donne maltrattate di Milano, Comunita’ di Sant’Egidio- Milano, Diem25 e +Europa con Emma Bonino. Sono inoltre arrivati in piazza i calciatori della St.Ambroeus Fc, prima squadra di rifugiati iscritta alla Figc, che organizzano una partita di calcio.

Proteste dei migranti contro Orban e Salvini

Grande numero di extra comunitari e migranti sono presenti fra le fila della manifestazione, assoldati, come in altre occasioni, dal PD e dai partiti della sinistra che contano su questa nuova base di consenso in sostituzione di quella persa dei lavoratori italiani.

Un migliaio di persone si è radunato invece ai Bastioni di Porta Venezia, dopo essersi staccato dalla manifestazione in piazza San Babila. Nello slargo prima di corso Buenos Aires, il corteo ha intonato canti e balli e slogan contro il ministro dell’Interno Matteo Salvini accusato come “razzista e fascista”. Quindi, fermandosi nei pressi dei Bastioni, con megafoni, è continuata la manifestazione contro il vertice Salvini-Orban.

La polizia ha bloccato agli accessi da corso Venezia. I principali protagonisti di questo secondo corteo sono i centri sociali, che hanno deciso di proseguire e dare vita ad una manifestazione autonoma. I Centri Sociali sono autonomi si ma sostenuti ed appoggiati da tutta la sinistra dal PD alle altre formazioni che li utilizzano per le azioni di provocazione più estreme, come quando a Bologna assaltarono l’auto dell’allora parlamentare europeo Matteo Salvini.

Incontro Orban Salvini a Milano

Nota: Sembra delinearsi la nuova strategia della Open Society di Soros: mobilitare la piazza e mettere sotto assedio ogni uscita pubblica del ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, indicandolo come “fascista e razzista” e anti europeo. In questo modo, contando sul massiccio appoggio di tutto l’apparato dei media e delle TV, con l’apporto della magistratura politicizzata, con le istituzioni finanziarie, si vuole puntare alle dimissioni forzate di Salvini ed a una crisi di governo per aprire il passo ad un fiduciario dei potentati finanziari, come ad esempio Carlo Cottarelli.

Soros (e gli altri personaggi delle centrali transnazionali che pilotano il piano delle migrazioni in Europa) non vuole rischiare che il suo piano venga bloccato dall’ascesa di Salvini (e altri come lui in Europa) che stanno avanzando nei consensi e nella popolarità fra i cittadini esasperati dal degrado, dall’insicurezza e dai problemi sociali causati dalla migrazione di massa. Per tale motivo sembra abbia programmato misure estreme per contrastare questo fenomeno ed è fermamente deciso a ricorrere a qualsiasi mezzo, dalle denunce, alla diffamazione personale, alle campagne mediatiche, nell’utilizzare tutte le pedine di cui dispone in Italia e negli altri paesi europei.

Fonti varie. Sintesi e nota: Luciano Lago

 

15 Commenti

  • LiberalChicGarbage
    28 Agosto 2018

    E’ basta! Che l’Italia faccia come l’Ungheria in tema soros, via dal culo!!!

    • Animaligebbia
      29 Agosto 2018

      Alle prossime elezioni europee ne vedremo delle belle:ormai i mafiosi psicopatici di Bruxelles hanno le ore contate e lo sanno,i movimenti sovranisti stanno emergendo in tutto il continente e i masso-mafiosi saranno spazzati via come una scoreggia nel vento.

      • MONDO FALSO
        29 Agosto 2018

        Risponderanno mandandoci l’isis in Europa come hanno fatto per Iraq , Libia e Siria

  • Andrea Macor
    29 Agosto 2018

    Quanta gente che non lavora! stamattina ho iniziato alle 7.00 e finito alle 19.30…

  • Robyt
    29 Agosto 2018

    Al di là delle belle parole qualcuno ha capito cosa c’è sotto il fumo di questo incontro ?

    • egenna
      29 Agosto 2018

      No…,cosa c’è sotto…!!!?

  • giannetto
    29 Agosto 2018

    Non so quanto successo di piazza abbiano riscosso queste manifestazioni, ma pare dalle fotografie che l’ignoranza e l’idiozia abbiano ancora, purtroppo, molte corde all’arco. Si spazia dai papaveri del Parlamento ai transgender da chiassetto. La libido buonista dei piddioti è l’ennesimo camuffamento dell’amore universale cattolico in assenza di cattolici, perché (quasi) nessuno si fa più frate né imita Madre Teresa . Per dirla con un gioco di parole: Peppone si è metabolizzato in un Don Camillo che però veste i panni laici di Peppone. Laici, beninteso, son solo i panni…. Come si faccia poi a bergogliare nello stesso magma in cui trovi B&B (il bed&breakfast Bonino&Boldrini) è un mistero. Pazienza per culattoni e lesbiche, così frastornati dai loro novissimi e dirompenti vangeli che non sanno quel che fanno. Quanto alla casa d’accoglienza delle donne maltrattate, è meglio che si affidino ai nigeriani. L’ebreo Soros funge da minimo comune multiplo dell’insieme.
    – Fortunatamente c’è altra gente che di tutto questo paciugo buonista non ne può proprio più, e bisogna dar loro man forte, nella speranza che, arrivati al dunque, s’abbiano abbastanza attributi per contrastare le provocazioni presumibilmente manesche della Confraternita pseudo-laica del Bene Ecumenico.

    • atlas
      30 Agosto 2018

      che agli omosessuali organizzati piacciano i negri è ovvio. Che alle donne maltrattate (ma organizzate) piaccia farsi maltrattare (alla fine la donna è stata creata naturalmente per prendere non per dare) dai negri è pure ovvio, visto il grado di effeminazione progressiva della società democratica. Che a creare disordine in piazza vi siano rifiuti tossici come Laura Boldrini è pure ovvio.

      MA SANT’IDDIO, E’ POSSIBILE CHE LI’ CI SIANO STATE TANTE PERSONE CHE PER CAMPARE DEVONO LAVORARE E DEVONO PRODURRE COME SCHIAVI PER 12H AL GIORNO ? E’ POSSIBILE CHE QUESTI ACCETTINO CHE I LORO SFORZI QUOTIDIANI VADANO PER MANTENERE VAGABONDI STRANIERI E DELINQUENTI ? ANZI, SI SFORZANO PERCHE’ NULLA CAMBI ? MA CON QUANTE SINISTRE PERSONE ABBIAMO A CHE FARE !?

      Non voglio credere che se fosse stato organizzato a Napoli o Palermo l’incontro tra Salvini e Orban tanti Duo Siciliani così avrebbero manifestato contro, magari ne sarebbero arrivati altri, ma dal Piemonte. Che nelle Due Sicilie oggi vi sia tanto conformismo e appiattimento intellettuale è rivoltante persino per me che amo fino alla morte la mia terra e i miei simili, ma se non altro non credo che da noi si possa mai arrivare ad un appoggio ideale di siffatta maniera. A Milano E’ SANGUE. Si è vero, il Fascismo è nato a Milano, ma a Milano è stato portato anche cadavere Mussolini, il suo fondatore. A Milano è quella gran parte di sangue anglosassone, democratico, perverso, che porta ad una visione della vita non retta, ma contorta, a prevalere. E chissà quanto sangue giudeo mescolato; come l’ Emanuele Fiano. Che disgusto, che vomito. Quanti cretini in piazza. MA FANNO BENE MAROCCHINI E TUNISINI. E ALBANESI. FARLI A PEZZI. CON I CRETINI NON SI DEVE AVERE PIETA’. Salvini è quasi più stimato da noi nelle Sicilie che a Milano. Che paradosso

      ripeto: Due Sicilie politicamente rifatte e fuori dall’unione italiana. In un’altra Europa. Quella di Putin e Orban. O si fa la fine dei ‘milanesi’. Una fine dimmerda.

  • amadeus
    29 Agosto 2018

    Prima cosa neutralizzare coloro che consentono a soros di spadroneggiare in italia, poi non guasterebbe un bel mandato d’arresto internazionale per lui in modo da renderlo più inattivo di una mosca morta, bisogna darci sotto altrimenti rischiamo di combattere la polmonite con l’aspirina, questi sono tosti da estirpare ma non impossibile.

  • Animaligebbia
    29 Agosto 2018

    Non c’e’ che dire,riunire 3000 persone in una metropoli come Milano significa fare fetecchia,come si dice a Trieste.Ho guardato le foto e i video della manifestazione: ci sono moltissimi vecchi,una ventina di africani raccattati chissa’ dove che reclamano l’abolizione dei confini,come se io potessi andare in Nigeria senza passaporto, e quattro residuati dei centri asociali,fra quelli trovati sobri nei paraggi.Tutti noi sappiamo che se Salvini e Di Maio chiamassero a raccolta il POPOLO scenderebbe in piazza qualche milione di persone.Ops,dimenticavo l’ANPI (associazione nipoti partigiani italiani)che come possessori del marchio eroi DOC,si prestano a qualsiasi causa persa.Secondo una circolare riservata delle forze dell’ordine sembra sia stata severamente proibita la vendita di uova.Sono contento che si organizzino queste pagliacciate:piu’ sprofondano nel ridicolo,piu’ perdono consenso e aumentano le probabilita’ di finire nella pattumiera della storia,hanno gia’ fatto troppi danni. i

    • giannetto
      29 Agosto 2018

      Mi consola il tuo dato di esigua partecipazione.
      – Chissà se i moltissimi vecchi che hai visto uscivano dalle parrocchie!
      – Salvini e Di Maio non hanno MAI chiamato il popolo a raccolta; neppure Salvini che pure ha puntato sul no alle migrazioni come suo cavallo di battaglia. Si vede che han paura che il cavallo sciolto possa far le bizze, scappandogli di mano, oppure temono che una contro-manifestazione possa innescare una guerra civile.
      – A chi è stata proibita la vendita di uova? Come si fa a impedire ai lattai o ai supermercati di vendere uova, per mezzo di una circolare “riservata”?
      – A differenza di te non sono contento che si organizzino queste manifestazioni, anche se ridicole, perché gente e media ne parlano, e dunque si tien vivo vivo il bacillo del contagio.
      – PS. per @ Amadeus: neutralizzare Soros in Italia? Bisognerebbe prima stendere la sua guardia del corpo, i tre moschettieri B&B&B (Bergoglio, Bonino, Boldrini). Hai un piano?

      • Animaligebbia
        29 Agosto 2018

        Forse mi sono espresso male; in realta’ hanno esteso la legge sull’aborto anche alle galline facendole abortire.Naturalmente era ironica a cosa,riferita all’uovo di Daysy.Che dire?Secondo me si stanno coprendo di ridicolo tenere questa linea ,ti assicuro che buona parte di amici e parenti sinistronzi sfegatati sono disgustati da questa politica miope e ferocemente anti-italiana.Stanno scavando per noi una fossa nella quale cadranno loro.Cordialmente.e

  • nicholas
    29 Agosto 2018

    Un pò di chiarezza. Questo governo è appoggiato dagli Usa per indebolire l’Europa.Soros, non dovrebbe facilitare questo lavoro?
    Invece, che ostacolarlo?

    Grazie.

  • Mardunolbo
    30 Agosto 2018

    Ma, esistono ancora le ong-del-cazz ? Pensavo fossero finite ed estromesse dalla nazione italiana !
    Che fa Salvini oltre chè incontrare Orban (speriamo gli spieghi cosa fare per evitare di essere massacrato ed eliminato fisicamente, dato che Salvini non capisce bene…) e dichiararsi pronto ad andare in processo per la storia 18tti ?
    Ma è così bamba da non rendersi conto che non ha tempo per un processo e DEVE FARE TANTISSIME COSE TRA CUI MODIFICARE LE LEGGI INERENTI MAGISTRATURA E LEGITTIMA DIFESA ?
    SVEGLIAAAAA !

Inserisci un Commento

*

code