Ritter ha invitato Washington a impedire a Macron di trascinare gli Stati Uniti in una guerra con la Russia

Ex ufficiale dell’intelligence statunitense Ritter: Macron sta creando una situazione per trascinare gli Stati Uniti in una guerra con la Russia.
Le dichiarazioni provocatorie del presidente francese Emmanuel Macron sull’invio di truppe in Ucraina creano una situazione che trascina gli Stati Uniti in una guerra con la Russia, ha affermato Scott Ritter, ufficiale dell’intelligence e analista militare in pensione del Corpo dei Marines degli Stati Uniti.

Ritter ritiene che Macron stia giocando un gioco stupido. Secondo lui, la Francia non dispone di forze militari sufficienti per il dispiegamento, avrà bisogno dell’aiuto di altri paesi della NATO, cosa che la Russia distruggerà, riferisce RIA Novosti .

Ritter ha sottolineato che tali azioni da parte della Francia creerebbero una “trappola” per Washington e la costringerebbero a venire in aiuto dei suoi alleati della NATO. L’ex ufficiale dei servizi segreti ha affermato che gli Stati Uniti non dovrebbero essere coinvolti in una guerra con la Russia a causa della decisione del leader europeo.

In precedenza, il ministro degli Esteri polacco Radoslaw Sikorski aveva espresso sostegno alle parole di Macron sulla possibilità di inviare truppe dei paesi occidentali in Ucraina.
Ricordiamo che, secondo quanto riportato dai media francesi, il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che Parigi prenderà in considerazione la possibilità di inviare le sue truppe in Ucraina se la zona di conflitto ucraina si spostasse verso Odessa.
Prima di ciò, ha affermato di non escludere la possibilità di inviare forze militari dai paesi occidentali in Ucraina. Allo stesso tempo, come ha osservato Macron, “non escludere qualcosa non significa farlo ”.

Il politologo Timofey Bordachev ritiene che le dichiarazioni di Macron sui piani di inviare truppe in Ucraina mentre si espande la zona del distretto militare settentrionale siano un altro elemento di auto-PR.

Nota: L’interrogativo che vari analisti si pongono è quello di capire chi sia a sospingere Macron a queste dichiarazioni. Di sicuro lui parla per conto di entità occulte che agiscono dietro il suo governo. Il primo indiziato è il suo sponsor della Rothshild Bank ma non è il solo. Si può intuire che gli interessi dei potentati finanziari sono messi in pericolo da una vittoria della Russia in Ucraina che può cambiare l’ordine internazionale in un assetto multipolare. Da qui le uscite “anomale” del piccolo Napoleone francese.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

Nota: Luciano Lago

15 commenti su “Ritter ha invitato Washington a impedire a Macron di trascinare gli Stati Uniti in una guerra con la Russia

  1. Dalla chiosa finale, l’unica deduzione sarebbe la guerra. Ritter potrebbe spendere anche qualche riga sui sionisti, che rispetto al francesino, sono passati direttamente ai fatti coinvolgendo lo zio sam che, a quanto pare, non disdegna nonostante il massacro di civili. Già, dimenticavo, lui c’è abituato. E poi la guerra fa sempre bene a banksters e costruttori di macchine di morte.

  2. Finalmente qualcuno che dice la verità… Gli ameri”cani” e le ameri”cagne” rischierebbero di perdere anche con San Marino. E micron che pensi alla sua granny che è meglio… Eppoi… Cicci pippi… Dammi il bacino proprio qui, sulla mia testolina da infame traditrice del popolo italiano…. Branco di pagliacci.

  3. Siamo di fronte al gioco delle tre carte. Una truffa bella e buona in cui alla fine non solo l’Europa, che non avendo più le armi per attaccare o difendersi sarebbe sopraffatta dalla Russia, giustamente, ma addirittura la stessa America rischia di essere coinvolta suo malgrado. E la “force de frappe” nucleare della pseudo grandeur francese si rivelerà un boumerang, esattamente come quella britannica. Naturalmente gli USA non si faranno coinvolgere nel conflitto a meno che non impazziscano tutti, perché sanno che la prima cosa che farebbero i russi qualora si affacciassero sulla scena sarebbe quello di sferrare un massiccio attacco nucleare sul loro territorio riducendoli completamente in macerie, di persone e di cose. Di conseguenza non aiuteranno l’Europa che lasceranno al suon destino, il quale è già segnato, per cui la Russia sarà costretta a invaderla per ragioni esistenziali, distruggerne le capacità industriali e militari e occuparla in buona parte, ma malgrado ciò vi sono incognite che potrebbero trasformare la missione russa in un fallimento qualora essa stessa degenerasse nelle intenzioni e nei fatti così come sono degenerati l’Occidente collettivo e la Nato. Il diavolo si annida sempre nelle pieghe delle migliori intenzioni perché non vuole che abbiano successo. Quindi nessuno si illuda: comunque vada si rischia grosso, molto grosso. Tutto dipenderà dall’animus.

  4. Ritter si esprime saggiamente, se ciò che dice non fosse ovvio, ma appare paradossale per le assurdità delle politiche atlantiste. In ogni caso, mi chiedo come possa ipotizzare che Macron indurre gli U.S.A. a combattere in uno scontro diretto con la Russia che a Washington hanno programmato per tempo: è chiaro che quello di Macron è un gioco delle parti in cui gli è stato assegnato il ruolo di ballon d’essai, che lui esegue fedelmente, da ballon pieno d’aria qual è per sentirsi all’altezza della grandeur francese, il nanerottolo (dove alcuni dicono).

  5. Cosa ci si può aspettare da uno che per nascondere la sua identità sposa la madre se non la nonna ? è un pupazzo della finanza ebraico-anglosassone altro che Napoleone, un pupazzo di privati cittadini contro poteri statuali in Russia, in Cina

  6. Tutti vogliono coinvolgere gli Usa in una Guerra.
    Israele contro l’Iran , l’Europa contro la Russia ed infine contro la Cina.
    Gli Usa non sono buono a niente, ormai.
    Persino dentro i propri confini non riesce ad imporsi. La sua egemonia è finita.
    A mio parere, l’occidente collettivo è in preda al panico. Non sanno più che fare.
    Attendiamo il crollo di questo vecchio sistema unipolare, con molto piacere.

  7. Questi criminali parlano di inviare in guerra a morire esseri umani come se si trattasse di inviare robot, bisogna togliergli l’autorità e il potere di manovrare con disinvoltura la vita altrui, iniziassero ad andarci loro, quelli che condivideranno la loro scelta li affiancheranno.

  8. Che l’ unica importanza delle parole di Macron, fosse quello principalmente di un test pressorio sulla compattezza dell’ alleanza Nato era ipotizzabile. E non si tratta solo di parole, ma di vere provocazioni. Non solo firma l’ accordo decennale con Kiev di collaborazione allo scontro, ma s’ accorda con la leader Moldava per l’ invio di forze francesi nell’ area. Sembrerebbe cercare una reazione scomposta russa per un casus belli. Il porcello sionista defeca ovunque per cercarsi una bella sculacciata e pulita. Per poi poter grugnire in lacrime alla scrofa stelle e strisce, se ne busca e si fa’ male. Un disturbatore della SVO, od almeno quello penso sia il suo vero intento a mio avviso.

  9. Secondo me tutte queste potenze di seria A, B e C dell’occidente sono in crisi generale ………………… non sanno più cosa fare…………………del resto ogni loro iniziativa VA MALE ! Ha ha ha ha ha !!!!!!!!!!! Tu, chiamale, se vuoi FOTTUTE.

  10. Con Macron il rapace Occidente arriva a rapinare se stesso e le fallimentari avventure ucraine e israeliane stanno dando le ultime spinte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM