Ritorno alle basi fondamentali


di Patrice Raimond .

“I combattimenti che si svolgono in Ucraina sono in definitiva di poca importanza. La guerra, quella vera, è tra Occidente e Russia, e finirà quando una parte crollerà. Questo è esattamente ciò che accadde durante la prima guerra mondiale, quando le potenze centrali crollarono, a causa dell’economia, non perché fossero state sconfitte sul campo di battaglia.

Non è stato così, i combattimenti hanno continuato a svolgersi al di fuori dei loro confini. Furono sconfitti quando, in seguito al blocco attuato dalla marina inglese, diverse centinaia di migliaia di civili tedeschi morirono di fame. La popolazione ha quindi chiesto la fine dei combattimenti, anche se ciò significava accettare la sconfitta.

I russi producono grano, gas, petrolio, fertilizzanti, al di là del loro fabbisogno. Carenze, per loro, significa sostituire le loro BMW con Lada. Questo non tocca il russo medio, che guida una Lada e non prende l’aereo”.
Puoi aggiungere:
“Con noi, è qualcos’altro, e lo vedremo presto. La Gran Bretagna importa metà del suo cibo. A causa della carenza di fertilizzanti, le rese agricole crolleranno e lo sentiremo già nel 2023”.

Questa è la prospettiva di Deagel, con significative riduzioni della popolazione. I paesi occidentali possono solo stampare denaro e sognare.

In effetti, gli imperi centrali sono crollati militarmente. Il primo Paese a chiedere l’armistizio fu la Bulgaria, di fronte allo sfondamento franco-serbo, poi l’Impero Ottomano, ridotto all’Anatolia, minacciato militarmente dallo sfondamento su Istanbul, infine, l’Austria-Ungheria, minacciato dallo stesso sfondamento franco-serba , il fronte italiano era stato frantumato e l’Austria industriale aveva esaurito le scorte di prodotti agricoli che l’Ungheria si riservava.

L’alleanza “tedesco-turaniana” è crollata nel Turan.

Infatti l’unico fronte ancora molto fragile era quello occidentale, ma l’offensiva preparata per il 14 novembre 1918 avrebbe sicuramente risolto il problema vista la sproporzione delle forze presenti in Lorena (6 divisioni contro una cinquantina). Il problema per gli alleati era che la pace sarebbe stata una “pace francese”.

Il grosso problema per la Germania durante questa guerra era stata la sua dipendenza alimentare dalle importazioni, forte prima della guerra, la mancanza di mezzi di trasporto, di fronte alle potenze marittime. Fondamentalmente, era la differenza tra trasporto marittimo e trasporto terrestre che era decisiva. Trasportiamo meno merci con le ferrovie che con una nave. I magazzini dell’esercito tedesco erano pieni di munizioni e armi, e i mezzi per trasportarli erano insufficienti. E i mezzi di trasporto erano anche responsabili dell’approvvigionamento delle popolazioni e dell’industria. Dopo 4 anni, è chiaro che l’equipaggiamento ferroviario era molto invecchiato, era già insufficiente PRIMA della guerra e ancor di più durante di quella. Allo stesso modo, la rete era sovraccaricata.

Per l’Impero Ottomano, la carenza era ancora peggiore e le ferrovie, di scarsa capacità, che portavano a enormi perdite umane, più per carestie ed epidemie che per combattimenti. I soldati ottomani stavano morendo di fame e disertando in massa. L’attacco al Canale di Suez poteva essere effettuato solo con 20.000 uomini.

Come quello, per intraprendere una guerra, ci vogliono grandi scorte e molti margini sui mezzi. Vediamo che gli occidentali non hanno nessuno dei due per l’Ucraina. Solo un’astuzia e una folle presunzione…

Durante questo periodo, i depositi francesi, profondamente mentalmente carenti oltre che incurabili, si concentrano su “che tornino in Africa”. Un altro modo per riconoscere che per gli antirazzisti e le persone svegliate, il continente è un buco di merda. Per l’Europa di merda, ci vuole solo il 2023.

Possiamo anche pensare con ragione che questi “migranti” siano anche profondamente mentalmente carenti e inguaribili. Per precipitarsi in un continente che rischia carestie, pandemie e che morirà di freddo, bisogna farlo stupidamente.

“Se la Russia tiene in Ucraina, il sistema imperiale degli Stati Uniti crolla. »

Per il saggista, con un deficit di 1000 miliardi di dollari sullo scambio di merci e i molteplici segni di stallo sia industriale che militare, l’America oggi detiene il mondo “per simboli” che mascherano la realtà, oltre che per il dominio del dollaro, il suo sistema finanziario, Internet e la lingua inglese. Se la Russia sopravvivesse alle sanzioni, la dimostrazione sarebbe fatta della fine della sua capacità di controllo e costrizione. Le debolezze dell’impero sarebbero smascherate”.

fonte: La chute.over

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM