Risveglio. Ritrovare se stessi o ubbidire?


di Lorenzo Merlo

Ho visto un video. Un cane seduto davanti a due piatti. Uno con una bistecca di manzo, l’altro con un petto di pollo. Un uomo seduto accanto al cane, taglia un boccone di entrambi e gli chiede – taste – di sentirne il sapore. Il cane dà una leccata al manzo e il padrone posa la parte nel piatto della bistecca. Poi porge il boccone di pollo, il cane lo lecca, l’uomo lo ripone nel piatto di provenienza.
Il video prosegue con qualche battuta dell’uomo, il quale ad un certo punto chiede al cane di aspettare e se ne va dalla scena.
Passano una decina di secondi. Solo il cane è inquadrato al centro dei due piatti, fermo. Li guarda e basta, soprattutto, per la cronaca, quello con la bistecca di manzo.
Quindi rientra in scena l’uomo, che si pone come prima dietro e vicino all’animale. Attende qualche istante prima di liberare il cane dal divieto e invitarlo a mangiare.
A quel punto il cane ubbidisce ancora e, finalmente, addenta il cibo.

Si può penso condividere che, a mezzo dell’opportuna relazione, si possa comunicare con chiunque. Non è opportuno limitare il potere di comunicazione al campo cognitivo, formale, intellettuale.
Comunicazione è portare e spostare il punto di attenzione dell’interlocutore. Nell’esempio del cane, dal divieto al permesso.
Insieme alla stretta comunicazione formale, passano altri dati. Sono di tipo impercettibile, sono energie sottili che noi non avvertiamo distintamente, ma che ciò che sta dentro al noi non può evitare di raccogliere.


Così, come il cane attribuisce potere all’uomo come al capobranco, e di conseguenza si comporta, anche le persone possono restare soggette al medesimo incantesimo.
Attribuire verità incontestabile a qualcosa è attribuire potere di comando su di noi della cosa stessa. Soprattutto è perdere, castrare il legame con il proprio sentire. Nel caso del cane con il proprio istinto.
Nel caso degli uomini significa seguire linee di vita che non hanno a che vedere con la nostra natura e le sue esigenze. Significa negare noi stessi, farci sostituire da idee non nostre, non ricreate. Assunte, per moralismi o ideologie.


Ci sono persone che sanno perfettamente come gira il fumo nell’animo degli uomini. E ci sono persone che utilizzano questo potere per ogni tipo di proselitismo. Vale per vendere un’aspirapolvere, per convincere un giudice e anche per fare credere che la pace si ottiene con la guerra, che il vaccino ci ha salvati, che gli americani sono buoni e che Putin è cattivo.
Come il cane, possiamo arrivare ad ubbidire fino a sottomettere la nostra bellezza e creatività. Meglio farci un pensiero. C’è sempre qualche addestratore sottile che esce dalla tv e dalla bocca delle élite. Scoprirlo è il risveglio (1).

Note
1 https://www.bitchute.com/video/0xk9ztS448kt/

4 Commenti
  • antonio ponte
    Inserito alle 12:20h, 30 Settembre Rispondi

    ..Sacrosanto, belli anche i bozzetti.

  • Aplu
    Inserito alle 12:52h, 30 Settembre Rispondi

    Verissimo! Come il caso del cavallo legato sempre con una corda alla staccionata, che quando gli viene tolta la corda, non si allontana lo stesso perché crede che ci sia sempre la corda. Impressione come un solco nella psiche, pari a quella negli europei, cui è stato dato l’addestramento di cui sopra, rafforzato dalle lezioncine che continuano da decenni ad esser loro somministrate circa il BUONISMO e la multiculturalità, mentre sotto il naso gli fanno accettare l’inaccettabile e digerire l’indigeribile. Soros aiuta questo con i suoi maledetti miliardi che puzzano di zolfo lontano un miglio, aiutato anche da Scientology e magari pure dalla Chiesa ufficiale di Roma. Non passa giorno che la gente che comanda e pontifica in televisione non faccia una tirata di questi generi, com ad esempio un Mieli e altri degni di lui. Così, quando il patriarca di Mosca dichiara cose basate sul buon senso, apriti cielo! Par di essere tornati ai tempi delle guerre di religione in Europa ove si levano condanne e grida indignate. E’ si osa persino rinnegare la verità più smaccata come fa anche Limes e altre funzioni-palinsesto che appestano l’Europa.

  • Paolo
    Inserito alle 11:28h, 01 Ottobre Rispondi

    Ma la gente non si sveglia è troppo faticoso meglio dormire con social e tv da minorati mentali.

  • Giorgio
    Inserito alle 12:01h, 01 Ottobre Rispondi

    Frigoriferi vuoti, scaffali vuoti, conti correnti vuoti, niente acqua, cibo, benzina, riscaldamento, nè corrente elettrica, tv e internet, lavatrici, asciugatrici, asciugacapelli, lavatrici, lavastoviglie, condizionatori …
    La grande maggioranza dei nostri simili non è in grado di sopravvivere in modo spartano con le sole proprie abilità manuali ormai dimenticate, considerate antiquate e superate, e andate perse …..
    Quanti sono in grado di lavarsi le mutande a mano, lavarsi i piatti a mano, prepararsi il caffè con la moka e non con le cialde, spazzare il pavimento con la scopa anzichè con l’aspirapolvere, sbattere un uovo senza frullatore ecc. ?
    Queste sarebbero condizioni di vita decisamente più umane delle attuali …. ma potrebbero innescare un risveglio nei nostalgici del presunto paradiso attuale ….
    Solo condizioni di miseria dilagante e senza nessuna via di uscita apparente …. potrebbero risvegliare, non le coscienze, ma almeno l’istinto di sopravvivenza ….

Inserisci un Commento