"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Rispondere alle nuove Sanzioni USA. Putin ha convocato il Consiglio per la Sicurezza

di  Jafe Armold

Secondo il segretario stampa del presidente russo, Dmitrij Peskov, oggi Vladimir Putin ha discusso le nuove sanzioni degli Stati Uniti contro la Russia con il Consiglio di sicurezza russo appositamente convocato .
I partecipanti hanno concordato che le azioni di Washington sono completamente in contraddizione con il diritto internazionale .

Tra i partner della discussione con Putin figurano il membro della Duma di stato Vyacheslav Volodon , il capo dell’amministrazione del Cremlino, Anton Vayno , il segretario del Consiglio di sicurezza Nikolai Patrushev , il ministro della difesa Sergei Shoigu e il direttore dell’FSB Aleksandr Bortnikov .
Questo significa che l’intero comando militare e di intelligence della Russia è stato mobilitato per discutere delle ultime sanzioni americane.

Le ultime sanzioni statunitensi contro la Russia sono state annunciate dal Dipartimento di Stato all’inizio di questa settimana come risposta a “L’uso della Russia della guerra chimica a Salisbury”, con cui si intende l’infame “caso Skripal” di marzo, in cui Mosca è stata accusata di avvelenare il doppio l’agente Sergei Skripal, che è stato scambiato con Londra nel 2010.

Mosca ha ripetutamente negato le accuse secondo cui è dietro il presunto avvelenamento e ha chiesto un’indagine obiettiva. Londra, Washington e i loro alleati, tuttavia, hanno lanciato una guerra diplomatica e sanzionatoria contro Mosca senza accettare di esaminare in modo cooperativo il presunto incidente e senza produrre prove.

Le nuove sanzioni di Washington sono l’ ultima offensiva nel “caso Skripal”. Sono costituite da due pacchetti: uno che entrerà in vigore entro 15 giorni e che vieterà l’importazione di dispositivi elettronici russi e prodotti a duplice uso.

La seconda ondata di sanzioni, che ha un periodo di lancio di 90 giorni, include restrizioni diplomatiche, come il divieto dei voli Aeroflot negli Stati Uniti e una cessazione virtuale delle esportazioni statunitensi verso la Russia.

Queste sanzioni arrivano con un ultimatum: Washington ha dichiarato che abbandonerà il secondo pacchetto di sanzioni se la Russia può fornire garanzie di non essere impegnata nella guerra chimica e permetterà agli osservatori delle Nazioni Unite di condurre ispezioni.

Il Cremlino ha dichiarato che le nuove sanzioni americane sono illegali e “categoricamente inaccettabili”.

Il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha definito le sanzioni offensive come una “dichiarazione di guerra economica”.

La convocazione del Consiglio di sicurezza da parte di Putin per discutere le nuove sanzioni di Washington suggerisce che Mosca stia calcolando una risposta che, data la composizione dell’intelligence militare della riunione del consiglio , potrebbe includere misure non limitate alla sfera economica .

Fonte: Fort Russ

Traduzione: Segei Leonov

*

code

  1. Pippo 4 giorni fa

    Cosa significa “una cessazione virtuale delle esportazioni statunitensi”?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Brancaleone 3 giorni fa

    . Sembra il giochino delle tre carte, c’e’ chi maneggia e i compari intorno che puntano all’arrivo del pollo incuriosito. Come giustamente chiede Pippo: “cosa significa virtuale? Forse un cetriolo che vola basso. Destinazione?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Eugenio Orso 3 giorni fa

    Anche questa volta Putin, con il suo gruppo di potere, eviterà di cadere nella trappola, che porta dritta alla guerra mondiale.
    I bastardi semitoidi/capitalisti finanziari che controllano Trump resteranno delusi …

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alfio 3 giorni fa

    Molto probabilmente ASIMMETRICO…..
    sicuramente in accordo con la Cina…
    Se gli US non l avessero ancora capito
    hanno appena regalato la Turchia a Putin…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Idea3online 3 giorni fa

    Washington ha dichiarato che abbandonerà il secondo pacchetto di sanzioni se la Russia può fornire garanzie di non essere impegnata nella guerra chimica e permetterà agli osservatori delle Nazioni Unite di condurre ispezioni.

    Mosca ha dichiarato che proporrà un secondo pacchetto di sanzioni se Washington può fornire garanzie di non essere impegnata nella guerra chimica e permetterà agli osservatori delle Nazioni Unite di condurre ispezioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace