Riscaldamento globale, terrorismo, COVID, la stessa lotta?


di Jean Goychman.

Oh, posso vedere l’incredulità che si mostra nei tuoi occhi. Tuttavia, cercherò di giustificare questa scorciatoia un po ‘brusca.
Torniamo indietro di qualche anno. Nel 1967 fu pubblicato un piccolo opuscolo intitolato “The Report of the Iron Mountain”. Ho riassunto questa storia alcuni anni fa perché questo rapporto era passato completamente inosservato, ad eccezione di un articolo di John K Galbraith che attestava la realtà dopo che era stata fermamente smentita dalla Casa Bianca.
Insomma, questo rapporto era stato redatto per suggerire possibili sostituti di una classica guerra mondiale militare, il cui spettro sembrava svanire dopo l’episodio dei “missili cubani”. Ciò si era concluso con un accordo di disarmo che chiaramente non si adattava a quello che Eisenhower aveva definito il “complesso militare-industriale” meglio conosciuto oggi come “stato profondo”.
Sono state menzionate diverse proposte
Senza entrare nel dettaglio, possiamo dire che hanno partecipato tutti allo stesso processo, cioè l’istituzione di un clima di ansia tra le popolazioni. Inoltre, erano necessarie due condizioni contemporaneamente affinché funzionasse:
La minaccia doveva riguardare l’intero pianeta
Il suo effetto non dovrebbe essere limitato nel tempo, almeno fintanto che gli obiettivi non sono stati raggiunti.

Noterete che il riscaldamento globale, idea promossa dall’IPCC sin dal 1999, deve essere necessariamente dovuto all’uomo e non ad altri parametri che renderebbero del tutto inefficaci le azioni intraprese per combatterlo. Questo è quanto appare nella roadmap dell’IPCC (IPCC in francese) La temperatura di partenza, quella presa come riferimento per mostrare che il pianeta si sta riscaldando, non viene mai menzionata. E per una buona ragione: come misurare la temperatura media del pianeta quando varia costantemente nel tempo e nello spazio? Esiste effettivamente una cosiddetta atmosfera “standard” adottata a livello internazionale, ma che è solo una sorta di modello puramente matematico utilizzato principalmente in aeronautica.

Il vocabolario scelto per evocare questo fenomeno, la cui realtà alcuni contestano, non senza ragioni, è volutamente drammatica. Confrontiamo i suoi effetti con le grandi piaghe della Bibbia per aggiungere ad essa una dimensione cataclismica e mostrare che il futuro del nostro pianeta – implicitamente quello dell’umanità – dipende da esso.

Il terrorismo, che è sempre esistito in forme diverse, ha assunto una dimensione particolare l’11 settembre 2001. Utilizzato come causa per l’attuazione del programma COG (Continuation Of Government), ha permesso a Dick Cheney, allora vicepresidente, di installarsi alla Casa Bianca ed esercitare il potere esecutivo, almeno finché il “Patriot Act” è approvato dal Congresso degli Stati Uniti. Ciò è stato reso possibile dall’osservazione dello “stato di guerra” fatta da George W. Bush dopo aver appreso dell’attacco al WTC mentre si trovava in Florida prima di essere portato in Occidente. gli Stati Uniti.

Arabia Saudita patrocinatore terrorismo

Da allora, siamo costantemente sotto la minaccia del terrorismo che non presenta pretese e quindi non può fermarsi. A parte il fatto che ha permesso di realizzare un considerevole turnover nel campo della sicurezza e di ridurre le libertà personali senza precedenti attraverso stati di emergenza quasi permanenti, mantiene un clima di paura che arriva s ‘aggiungere a quello di altre minacce.

Infine, dall’inizio dell’anno, abbiamo a che fare con COVID 19. Anche in questo caso, vediamo che le condizioni preliminari sono soddisfatte. L’epidemia colpisce l’intero pianeta e nessuno oggi si azzarderebbe a prevederne la fine. Anche se pone più domande di quante ne risolva, questa “pandemia” consente di ridurre ulteriormente, in nome di un principio di sicurezza sanitaria, le libertà individuali già abusate realizzando lo stato di emergenza, che dovrebbe rimanere eccezionale, un modo di governo permanente. Va detto che tutto è stato fatto per seminare paura e panico. Il numero di morti, annunciato ogni sera con il suo effetto cumulativo, colpisce bene le persone. Il numero di potenziali decessi che potremmo aspettarci, l’assenza di cure adeguate e soprattutto l’assenza di speranza quando una luce come l’idrossiclorochina veniva ad illuminare un tunnel senza fine. Insomma, tutto è stato “teatrale”

Qual è il legame tra tutte queste paure?
Hanno tutti in comune il loro lato “globale”. Questa è la loro caratteristica di partenza. Ma c’è una sorta di messaggio subliminale che è lì per camminare nel nostro inconscio. Un problema che abbraccia il mondo non può essere affrontato a un livello inferiore, come quello della nazione. Quello che è successo in Francia è molto sintomatico. Emmanuel Macron, senza nasconderlo, ha voluto fin dall’inizio “comunalizzare” le soluzioni, per dimostrare che potevano essere risolte solo inizialmente a livello europeo, ma soprattutto “globale”. E sono le autorità mondiali che stabiliscono il loro ritmo.

Paura, terrore e ansia da diffondere tra la popolazione

Il riscaldamento globale era stato “globalizzato” sin dal Protocollo di Kyoto del 1997, e la Conferenza di Copenaghen del 2008, prevista per integrarlo, aveva infatti introdotto, attraverso un testo chiamato “emissioni di scambio”, la soluzione per finanziare un futuro. “Governo mondiale” creando la famosa “tassa sul carbonio”

Il terrorismo aveva agito in quattro continenti, sviluppandosi sul caos generato dalle guerre in Medio Oriente, approfittando dell’incapacità dell’Unione Europea di accettare anche solo di difendere i suoi confini, in nome di un’ideologia che voleva vederli scomparire.

Sono state l’ONU e l’OMS che hanno cercato di “prendere il controllo” dall’inizio della “pandemia” per controllare il processo, in particolare in termini di trasporto.

Mentre avremmo pensato che la messa in evidenza dei pericoli della globalizzazione attraverso la progressione del virus avrebbe dovuto logicamente fermare il processo, vorrebbero farci credere che questa sia il baluardo e, presto, la soluzione . Non lasciamoci accecare da questi “mercanti della paura” il cui unico obiettivo è renderci schiavi un po ‘di più ogni giorno.

Vi invito a leggere la lettera aperta che monsignor Vigano, cardinale americano, ha inviato a Donald Trump, che esprime meglio di me le vere questioni di questo periodo che stiamo attraversando .

Fonte: Reseau international

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus