"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Ripreso il conflitto sul Donbass: l’artiglieria Ucraina riapre i fuoco sulle aree civili di Dontesk

Donetsk sotto attacco: l’Ucraina mira deliberatamente alle aree civili.

Donetsk è nuovamente sotto fuoco delle artiglierie ucraine.. Più di duemila colpi d’artiglieria sono stati sparati dalle forze ucraine negli ultimi giorni. L’Esercito ucraino utilizza obici di grosso calibro, mortai e artiglieria con razzi, puntando alle zone residenziali. Un bambino è stato ucciso durante la notte e altri due sono stati feriti.

Gli insediamenti nelle vicinanze di Donetsk – quelli che sono più vicini alla linea di demarcazione, sono quelli che soffrono di più le conseguenze di questa ripresa del conflitto.
L’artiglieria ucraina mira deliberatamente alle aree residenziali. L’illuminazione stradale, l’approvvigionamento idrico e i sistemi di riscaldamento sono stati fortemente danneggiati.

Le strade di Kievsky, distretto di Donetsk sono letteralmente disseminate con frammenti di schegge da 82 mm. Queste volano a pochi metri dalle case, danneggiano le automobili e tutto quello che trovano lungo il loro cammino. Migliaia di residenti della città prendono i loro figli dalle loro case durante i bombardamenti e si rifugiano nei seminterrati.

Secondo il racconto di una veterana della Seconda Guerra Mondiale, Vera Borymskaya, la quale aveva lasciato la sua casa un minuto prima di quando il bombardamento aveva puntato sulla sua zona, rientrando a casa ha trovato schegge di bomba che avevano forato le pareti del suo appartamento.

Secondo le ultime informazioni, sono stati sparati proiettili di artiglieria da 120 e 82 millimetri di calibro , così come 29 colpi di granate ad autopropulsione a razzo e diverse cannonate provenienti da carri armati sono stati sparati dalle forze ucraine nella parte settentrionale di Donetsk. Questa zona della città si trova sulla linea di demarcazione e viene attaccata quasi ogni giorno.

Gli Osservatori dell’OCSE rilevano violazione degli accordi di Minsk

La Missione di monitoraggio speciale dell’OSCE (CMM), nel corso di una ispezione, aveva individuato due giorni prima l’artiglieria pesante delle forze armate ucraine nel Donbass, posizionata all’interno della zona di restrizione (secondo gli accordi di Minsk) , dove non dovrebbero essere posizionate armi pesanti.

Gli osservatori nelle aree controllate dal governo hanno individuato sei cannoni ad autopropulsione, “Gvozdika” e due di calibro C-1 da 122 mm vicino alla città di Kurakhovo, a 40 km da Donetsk.

Inoltre, gli osservatori della missione hanno scoperto due carri armati T-72. Si trovavano su piattaforme merci nella zona della città di Volnovaha, controllata da Kiev.

Questa non risulta affatto la prima violazione dell’artiglieria ucraina. Pochi giorni fa, il 5 novembre, il DPR ha affermato che l’esercito ucraino aveva utilizzato il sistema di fuoco multirazzo Grad contro gli insediamenti del Donbass. A causa dei bombardamenti, un certo numero di civili sono stati feriti e le infrastrutture civili sono state distrutte – la Federazione russa ha avviato un relativo procedimento penale.

Nota: Le autorità della autoproclamata Repubblica di Donetsk avevano più volte denunciato queste violazioni me le denunce sono rimaste lettera morta.

Nel frattempo il Congresso degli Stati Uniti sta valutando di fornire armi letali al Governo di Kiev e questo aggraverebbe ancora di più la situazione.

Alcuni analisti osservano che il presidente ucraino Poroshenko, trovandosi in forti difficoltà all’interno per la grave crsi in cui si trova l’Ucraina, starebbe cerando di avviare una ripresa del conflitto con le province sepratiste in modo da “distrarre ” l’attenzione della sua opinione pubblica verso il pericolo di una aggressione russa.

Un gioco che potrebbe rivelarsi molto pericoloso per le sue conseguenze.

Fonte: Fort Russ

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. Idea3online 2 settimane fa

    Ucraina: fronte in Est Europa, Corea del Nord: fronte in Estremo Oriente, adesso tentativi in Arabia Saudita:(dopo che gli USA hanno perso in Siria)fronte in Medio Oriente. Per adesso Terza Guerra Mondiale soft, maggiore uso di tattiche militari condite abbondantemente dal lavoro della diplomazia ufficiale e non ufficiale.
    La Russia deve gestire queste mosse simultanee e dinamiche sulla Scacchiera Geopolitica, ormai siamo abituati alle mosse vincenti, cosa aspettarsi? Adesso tocca alla Russia muoversi, anche se si è già posizionata in Venezuela…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Annibale55 2 settimane fa

    Io gradirei sapere di quale religione sono coloro che sparato in maniera così infame contro i civili?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. nessuno 2 settimane fa

    Indubbiamente Putin stà temporeggiando e aspetta che il tempo faccia
    il suo corso, lo stallo gioca a suo favore e lo dimostra poro-scemo che
    stà perdendo la pazienza e cerca con la provocazione di rompere questo
    impasse prima che i sostenitori €uropei e gli ameri-cani decidano di
    togliere i finanziamenti ed aiuti militari al suo Paese fallito per mancanza
    di risultati accettabili, prima o poi gli “scodinzolanti pelosi lecca-piedi”
    €uropei dovranno pur cessare di sostenere una causa perduta con i soldi
    dei loro cittadini, dopo, solo dopo Putin presenterà il conto, che sarà salato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace