Riposa in pace JCPOA!

L’accordo sul nucleare iraniano, ufficialmente noto come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), è ora, a tutti gli effetti pratici, morto. Simile al leggendario “Sketch of the Dead Parrot” di Monty Python, questo accordo è finito da tempo. È andato a incontrare il suo creatore. Questo è un accordo antecedente.

Di Pepe Escobar

Il becchino, significativamente, non era altro che il personaggio senile attualmente mascherato da “leader del mondo libero”.

Il suo nome potrebbe essere Joe Biden, ma “Biden” è, in effetti, una combinazione di sottofondo che detta ogni riga della sceneggiatura che il manichino del crash test in questione tenta di pronunciare in modo esitante, imitando le parole sussurrate nell’auricolare o sforzandosi di leggere un gobbo.

Un nuovo video, girato all’inizio di novembre, è emerso all’inizio di questa settimana in cui “Biden” afferma che l’accordo JCPOA è morto. “Ma non lo annunceremo. Lunga storia”.

La lunga storia è questa. Quando era relativamente meno senile, durante la sua campagna elettorale più di due anni fa, “Biden” ha promesso che Washington si sarebbe unita al JCPOA, che è stato unilateralmente distrutto dal suo predecessore Donald Trump nel 2018.

Dopo essere arrivato alla Casa Bianca, “Biden”, in realtà i suoi controllori, ha nominato Robert Malley come inviato speciale in Iran, incaricato di supervisionare l’intero processo, comprese le discussioni verso un rinnovato JCPOA.
Malley ha interpretato perfettamente il ruolo di spoiler. L’ossessione per le sanzioni ha prevalso su ogni serio tentativo di rilanciare il JCPOA.

Parallelamente, quello che l’ex analista della CIA Ray McGovern ha memorabilmente definito MICIMATT – il complesso militare-industriale-deputato–intelligence-media-accademia-think-tank – ha accelerato il gioco 24 ore su 24, 7 giorni su 7, della colpa dell’Iran. colpevole per un “nuovo presidente intransigente” incapace di “un dialogo costruttivo con l’Occidente”.

L’originale JCPOA chiuso a Vienna nel 2015 (ho seguito la maggior parte del processo dal vivo) era molto conveniente all’epoca per l’amministrazione Barack Obama, la cosiddetta UE3 (Francia, Regno Unito e Germania) e persino Russia e Cina.

Obama credeva che un accordo avrebbe reso Teheran più ricettiva alle richieste di Washington.

Ora il quadro geopolitico è completamente cambiato. L’Unione Europea più i Brexiters sono stati ridotti a una colossale satrapia dell’Impero americano.

Gli americani vedono la partnership strategica Russia-Cina come una minaccia esistenziale. Inoltre, l’Iran è stato ammesso come membro a pieno titolo della Shanghai Cooperation Organization (SCO).

Quindi non c’è alcun incentivo per gli straussiani/neocon e neoliberisti che controllano la politica estera di Washington a rilanciare il JCPOA.

Negoziato sul nucleare

Il valzer dei satrapi dell’UE
Il JCPOA era essenzialmente un clone dell’accordo di Minsk: l’Impero ha solo preso tempo prima di mettersi di nuovo nei guai. La stessa ex cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha rivelato ufficialmente che Minsk non era altro che una gigantesca farsa.

Anche se Teheran non ci è mai cascata. Il leader dell’Iran, l’Ayatollah Seyed Ali Khamenei, un esperto stratega geopolitico, ha visto fin dall’inizio: mai fidarsi degli americani.

Intuitivamente, sapevo che chiunque fosse succeduto a Obama, Hawkish Hillary o, come è successo, Trump, alla fine avrebbe mancato di rispetto a ciò che era stato firmato e ratificato dalle Nazioni Unite.

Per quanto riguarda i satrapi europei, non hanno nemmeno fatto uno sforzo per attuare la riduzione delle sanzioni nei confronti dell’Iran attraverso il meccanismo INSTEX dopo che Trump ha stracciato l’accordo.

Il mantra non detto era tenere sotto controllo l’Iran. Era come se questa combo collettiva dall’occidente stesse aspettando la prossima miniera d’oro della rivoluzione colorata, che alla fine è avvenuta, troppo poco, troppo tardi, pochi mesi fa.

Se i gestori di “Biden” fossero stati sinceramente interessati fin dall’inizio a rilanciare il JCPOA, la cosa più semplice sarebbe stata abbandonare le sanzioni e provarci.

Invece, quello che è successo è stato che Malley e altri hanno chiesto più concessioni e hanno trasformato la riduzione delle sanzioni in un miraggio. I negoziati a Vienna quest’anno sono giunti a un vicolo cieco.

Quando i paesi E3 hanno presentato a Vienna una bozza di accordo presentata ai negoziatori iraniani, hanno apportato alcune modifiche “ragionevoli” (terminologia UE) e hanno restituito il pacchetto agli europei, che lo hanno inviato agli americani.

Le modifiche sono state ritenute “non costruttive”. Vicolo cieco, tutto da capo.

Quindi la “massima pressione”, quella cosa di Trump, ma un po’ meno forte, ha continuato a dettare il procedimento sotto i controllori “Biden”. Tuttavia, Teheran non si è mossa e diplomaticamente ha sempre insistito sul fatto di essere pronta per un accordo.

Lo stesso Malley aveva già lasciato intendere, quasi due mesi fa, che rilanciare l’affare non era più una priorità; un nuovo tentativo di rivoluzione del colore era il nuovo gioco in città.

Quindi il “Teheran Blame Game” raggiunge un nuovo livello febbrile: stanno uccidendo i manifestanti nelle strade, stanno fornendo armi alla Russia in Ucraina e vogliono costruire una bomba nucleare.

Almeno ora è in bella vista: tutto ciò di cui si preoccupano l’intelligence statunitense e il MICIMATT è facilitare gli attacchi alla sicurezza iraniana da parte delle sue risorse curde e beluci, e corrompere il maggior numero possibile di “manifestanti” (leggi rivoltosi) per andare al Full Color Rivoluzione.

L’impero senza accordi
Chiunque analizzi l’Asia occidentale con un QI superiore alla temperatura ambiente sa che il “programma di armi nucleari” dell’Iran è una gigantesca bufala: una massiccia campagna di propaganda condotta per decenni dai soliti sospetti.

Ciò che interessa davvero a Teheran è aumentare la sua capacità nucleare civile. Ed è quello che sta già accadendo.

La capacità dell’Iran per l’arricchimento dell’uranio è ora il doppio del volume totale prodotto dall’inizio della sua industria nucleare. L’Organizzazione per l’energia atomica dell’Iran (AEOI) ha appena annunciato che sta arricchendo l’uranio a un tasso storico del 60%, utilizzando nuove centrifughe avanzate, e non aspetterà la ripresa dei negoziati a Vienna.

La leadership di Teheran ha compreso appieno il futuro in Eurasia, dall’adesione a pieno titolo alla SCO a diventare un membro BRICS+, forse il prossimo anno. Sono in corso partnership strategiche interconnesse con i membri BRICS Russia, Cina e India.

Russia, Cina, Iran: il nuovo riangolo geopolitico

L’Iran è coinvolto nella spinta verso il multipolarismo in tutto lo spettro internazionale. L’ultimo esempio è la seconda banca più grande della Russia, VTB, sanzionata dall’Occidente collettivo, che lancia un nuovo servizio di trasferimento di denaro a privati ​​e aziende iraniane, aggirando il dollaro USA.

Nessuno perderà il JCPOA. In effetti, ciò che conta in questa saga di lunga data è la preziosa lezione appresa dall’intero Sud del mondo: ora è assolutamente chiaro che l’Impero in decadenza non è capace di alcun accordo ed è un’entità eminentemente inaffidabile.


*Pepe Escobar è un analista geopolitico indipendente e autore.

Testo tratto dall’articolo pubblicato su Press TV

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • Benedetto
    Inserito alle 18:56h, 23 Dicembre Rispondi

    Auguri alla redazione e al popolo russo di buone feste e un gratificante anno nuovo

Inserisci un Commento