Rimane la Russia a difendere l’Identità Europea

Forse la Russia è destinata domani a rimanere l’unica baluardo dell’Europa sul pianeta e l’ultimo rifugio di chi non vuole separarsi dalla propria identità europea.
Dopo la vittoria della rivoluzione della sinistra liberal negli Stati Uniti (è difficile denominare altrimenti l’avvento al potere dell’amministrazione Biden) e in atto un’ampia campagna per screditare le fazioni nazionaliste del Partito Repubblicano, ed divenuto chiaro che il prossimo colpo di martello della “democrazia liberal” sarebbe caduto sui movimenti populisti di destra in Europa. A giudicare da quanto energicamente il potere globale abbia iniziato a legare una stretta mortale al collo del mondo libero (come già in passato), era chiaro che non non si sarebbe dovuto aspettare a lungo.
In effetti, non appena ha avuto luogo l’inaugurazione di Biden, gli eventi hanno iniziato a svilupparsi rapidamente.
I primi sulla scena erano Francia e Germania. Già il 13 febbraio le autorità francesi hanno avviato una procedura per bandire formalmente il movimento Génération Identitaire (Identity Generation), un gruppo politico di destra che si oppone alle migrazioni incontrollate. Ad oggi, il movimento è ufficialmente riconosciuto come razzista ed estremista (“l’ala armata dell’estremismo e della xenofobia”) ed è stato messo attualmente fuorilegge.
L’indignazione della destra, soprattutto Marine Le Pen, non viene presa in considerazione. La storia delle elezioni americane ha mostrato chiaramente che d’ora in poi si stanno introducendo nuove regole del gioco della democrazia, che non è più elettiva (dopotutto, non si sa chi può scegliere una maggioranza mal gestita – Dio non voglia, i casi di Trump o Orban lo dimostrano) e chiunque diventa “eletto condizionatamente”. Le elezioni si trasformeranno in pura farsa e, per evitare anche le più piccole sorprese, tutti gli elementi indesiderabili verranno eliminati per mezzo della “legge”. Coloro che non si adeguano, verranno emargnati e criminalizzati. Ovviamente, il partito di Le Pen stesso dovrebbe seguire la stessa fase di normalizzazione.

Polonia Manifestazione patriottica anti UE


Adesso è in atto la “normalizzazione” in Germania. Qui, l’Ufficio federale per la protezione della Costituzione ha dichiarato il partito “Alternativa per la Germania” (AfD) “un organismo sospetto di estremismo di destra“, il che consente alle autorità di esercitare il pieno controllo e supervisione su di esso con l’aiuto dei servizi di intelligence.
In alcuni stati federali dell’ex DDR (in particolare, nel Brandeburgo, nella Turingia, nella Sassonia-Anhalt e nella Bassa Sassonia) tale misura è già stata utilizzata contro il partito. Ora la sorveglianza su di questo (in quanto potenzialmente portatore di una “minaccia per la democrazia”) sta ufficialmente diventando totale. L’ansia del centro globale è comprensibile. L’alternativa afferma già di essere potenzialmente la seconda formazione più grande in Germania (nelle elezioni regionali del 2019 in Sassonia, ad esempio, l’AfD ha ricevuto il 27,5% dei voti, arrivando seconda dopo la CDU).
E sembra chiaro perché questo viene fatto ora. A metà marzo, le prossime elezioni regionali si terranno nel Nord Reno-Westfalia e nel Baden-Württemberg, nonostante i sondaggi in queste terre mostrino chiaramente la sconfitta dei membri del partito della Merkel. Come di solito accade in tempi di crisi in Germania, le voci principali sono divise tra destra e sinistra. Oggi sono Verdi e Alternativi.
Non è nemmeno un caso che un nuovo attacco alla democrazia alla libertà inizi con Francia e Germania. Sembra che il centro globale liberal abbia deciso di riformattare l’Unione europea per rafforzare il proprio centro di fronte alla “minaccia della destra populista”. L’Unione europea è iniziata, come ricordiamo, con la creazione di un’alleanza franco-tedesca all’interno della CECA (Organizzazione europea del carbone e dell’acciaio), che si è trasformata prima nel mercato comune della CEE e poi negli accordi di Maastricht del 1992.
Nel 1963, la Germania di Adenauer e la Francia di de Gaulle firmarono il Trattato dell’Eliseo, portando a una più stretta cooperazione tra i due paesi nel campo della politica estera e della difesa. Due anni fa (nel gennaio 2019), la Merkel e Macron ne hanno intrapreso una sorta di restauro, concludendo un nuovo Trattato di Aquisgrana. Inoltre, né Merkel né Macron hanno nascosto allora che si trattava di unire gli sforzi per sradicare il populismonel quadro di una lotta paneuropea contro l’identità tradizionale dell’Europa. La destra ha detto sostanzialmente la stessa cosa.
Il leader dell’AfD Alexander Gauland ha direttamente accusato Macron e la Merkel di voler creare una “super-UE” con uno scopo chiaro. Dopo aver distrutto la propria identità, una Franco-Germania unita dovrebbe, secondo gli architetti del nuovo ordine del mondo, diventare un centro militante per lo sradicamento dell’identità nazionale e di altri paesi europei.

Putin con il Patriarca di Mosca mantengono accesa la fiamma della Tradizione


Ebbene, è proprio a questa “ristrutturazione”, così come concepita dagli architetti, che dovrebbe essere dedicato il 2021. Per questo, tutto l’anno scorso (al fine di evitare inutili indignazioni e manifestazioni di protesta), la popolazione dei paesi europei è stata costretta a chiudere i battenti con i lockdown. Ora, come possiamo vedere, sta arrivando il momento delle prove di spettacolo.
Nel frattempo, nella stessa Germania, la coalizione di governo ha accettato di rimuovere dalla costituzione la parola “razza”, che, per una svista, era rimasta lì. Nella sua forma attuale, la costituzione della Repubblica federale di Germania vieta la discriminazione “sulla base del sesso, dell’origine, della razza”. La parola “razza” sarà ora sostituita da “razzista”. Così, in un nuovo meraviglioso mondo, la stessa parola “razza” sarà riconosciuta come razzista e il concetto stesso di “razza” apparentemente sarà proibito.
Negli stessi giorni è allo studio un’iniziativa legislativa nel parlamento svedese, secondo la quale la partecipazione ad organizzazioni pubbliche anti-immigrati può essere riconosciuta come reato penale. È chiaro dove soffia il vento. Ed è chiaro che pochissimi possono opporre una seria resistenza alla marcia del totalitarismo liberale di sinistra in Europa.
Oggi sono Orban in Ungheria, Duda in Polonia, parte della destra di Spagna e Italia, che stanno ancora cercando di mantenere la linea. Non a caso è stata l’Italia ad aver subito i blocchi più severi lo scorso anno. Ma è ovvio che senza un serio polo di potere, tutti i tentativi degli europei di rimanere a difendere l’identità europea e non diventare postumani senza un clan, una nazione, una storia e un genere certo sono condannati.
Ed è ovvio che oggi un soltanto fra i paesi può diventare un polo di potere così diverso, che non è né del tutto europeo né membro dell’Unione europea. Sì, stiamo ovviamente parlando della Russia. È chiaro che anche la Russia non è rimasta al di fuori della tendenza globale generale. Già a febbraio, sul fronte orientale del blitzkrieg globalista, è seguita una forte attivazione del “progetto Navalny”, al cui fallimento ha fatto seguito un forte raffreddamento delle relazioni diplomatiche, anch’esso non difficile da prevedere.

Merkel e Macron ad Aquisgrana. Trattato dell’Europa Liberal


Il viaggio in Europa del vicepresidente della Commissione europea e alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri Josep Borrell a Mosca con una parallela espulsione di diplomatici (mentre Borrell era alla Casa di accoglienza del ministero degli Esteri russo) in Europa è stato definito “uno scoraggiante e vero disastro “, lamentando che” il presidente Putin non è di un millimetro pronto per incontrare a metà l’Ue “. Questo è quello che ispira speranza.
In effetti, la Russia non ha intenzione di andare verso dove l’UE si sta dirigendo rapidamente oggi. E nel complesso, trova con successo la formula ottimale per i rapporti sia con il “quartier generale rivoluzionario” di Biden sia con la nuova Europa totalitaria. I loro emissari del luogo ritornano esattamente da dove vengono.
La posizione russa può essere intesa come segue: siamo pronti a parlare e cooperare con i paesi europei come soggetti, ma non con l’Unione europea, che oggi è uno strumento di fatto per distruggere l’Europa. E quindi non può essere la voce legittima dell’Europa.
L’UE è uno strumento del centro globale, che è il nemico di ogni statualità e identità nazionale. Che tipo di conversazione può avere la Russia con il nemico?- La Russia fa comprendere come l’Europa, quella autentica non si può identificare con l’eurocrazia di Bruxelles (n.d.r.)-

Il futuro mostrerà quanto sarà produttivo un tale metodo. (Attendiamo con impazienza l’arrivo del Presidente dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE) Hendrik Dahms, che visiterà Mosca il 15-16 marzo). Ma è chiaro che solo la Russia può ancora preservare lo spirito della vecchia Europa tradizionale oggi. Forse domani è destinato a rimanere l’unica Europa del pianeta e l’ultimo rifugio per chi non vuole separarsi dalla propria identità europea.
Vladimir Mozhegov
Fonte: Vhttps://vz.ru/opinions/2021/3/13/1088697.htmlISTA

Traduzione: Sergei Leonov

12 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 19:42h, 14 Marzo Rispondi

    Ci pensera la nuova segreteria di Letta a difendere l’identita dei popoli …..
    Avete sentito il suo programma ?
    Ius soli, voto ai sedicenni, cittadinamza italiana a Zaki, sostegno alla comunita lgbt …..
    Programma perfetto per l’autodistruzione … del suo partito, dell’Italia, dell’Europa …..

    • Eugenio Orso
      Inserito alle 21:30h, 14 Marzo Rispondi

      Meglio sarebbe chiamarlo lettiera, a questo punto …
      Scendiletto, per essere più eleganti, dei padroni di draghi, con il difficile compito di tenere insieme un partito di plastica, non solo estraneo ma opposto aggli interessi della gran parte della popolazione italiana, che peraltro lo stesso lettiera, o scendiletto, ha contribuito a creare.
      Dopo sette anni di “esilio” dorato, è tornato fingendo di essere una novità.
      Espediente disgustoso per salvare l’entità sub-politica globalista.
      Sappiamo bene che sbandierare il regeni egiziano, i culattoni e il voto ai sedicenni (ma non era nel programma di San Sepolcro?) vuol dire occultare i drammatici problemi del paese.

      Cari saluti

      • atlas
        Inserito alle 01:58h, 15 Marzo Rispondi

        ma il nomignolo più azzeccato secondo me resta ‘nikita’ (Vendola)

        purtroppo un barese (collaborazionista, traditore, italianizzato, sinistro e omofilo)

        • giorgio
          Inserito alle 08:07h, 15 Marzo Rispondi

          Disgustoso e ripugnante individuo (il Vendola) ….. militava nientemeno che in “rifondazione comunista” con la presunzione di rifondarlo (addirittura) il comunismo …..
          Già ….. gay e lgbt vari che riscrivono i principi socialisti ….. incredibile ma vero …..
          Se Stalin e Mao, dopo essersi rivoltati nella tomba, tornassero in vita lo darebbero in pasto alla sacrosanta rabbia popolare ……

          • atlas
            Inserito alle 05:37h, 17 Marzo

            sai che l’ho conosciuto di persona ? A Milano, al ‘Leoncavallo’ (Centro Sociale)

            gli parlai di Islam …

  • mario
    Inserito alle 20:31h, 14 Marzo Rispondi

    impero ebreo anglo- americano e” alla fine …….hanno causato guerre morte malattie dolore ….a centinaia di milioni di persone e di milioni di bambini. Infami…….

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 21:22h, 14 Marzo Rispondi

    La posizione dell’attuale Kremlino e della Terza Roma, oggi, è anche la mia.
    Mi dichiaro filo-russo fino al midollo, proprio per la ragioni esposte nell’articolo.
    Se l’Urbe, come grande centro di civiltà, non esiste più, esiste però la Terza Roma …

    Cari saluti

    • atlas
      Inserito alle 02:03h, 15 Marzo Rispondi

      siamo sulle stesse frequenze mestruali caro Eugenio: 101 (per chi viene da destra). E 102 (per chi viene da sinistra)

  • antonio
    Inserito alle 00:32h, 15 Marzo Rispondi

    fuori dalla NATO satanica e alleanza econimica e militare con Russia Iran e Cina

  • marte
    Inserito alle 00:34h, 15 Marzo Rispondi

    ” Calati juncu ca passa la china”.
    E si,la saggezza popolare può essere di prezioso aiuto! O in un modo o nell’altro non sarà come dice il Kapitale.
    Sarà una coincidenza, ma il termine capitalista si avvicina molto al termine nonchè al concetto dei “peccati capitali”, la butto così, ma magari chi ha tempo e voglia potrebbe approfondire l’etimologia del termine “capitale”, c’è attinenza? Cazzi loro e buon viaggio all’infermo!
    Propongo una colletta per gli spilorcio/capitalisti, diamogli qualcosa così magari non ci rompono i coglioni e lasciano in pace le Istituzioni Democratiche che non sono state create per far fare loro affari ma per gestire la Comunità Umana. Dobbiamo essere pazienti e spiegare loro il funzionamento della Democrazia.Vabbè, tanto non capiranno, ma con la colletta secondo me ce li togliamo fuori dai coglioni.

  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 11:03h, 16 Marzo Rispondi

    voglio vedere i generali francesi andare a braccetto coi tedeschi, certe cose non si dimenticano specie quando bruciano forte come i 15 giorni della Maginot
    ricordo anni fa un articolo di Blondet al riguardo, molti ufficiali erano scontenti di questo asse Parigi-Berlino visto che tra loro e tedeschi non scorre buon sangue dai tempi di Napoleone

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 18:12h, 16 Marzo Rispondi

    Piuttosto che morire “liberaloide transumano” preferirei un grande scontro militare della perversione stragista chiamata “occidente” con Russia, Iran, Cina e i loro alleati, che consenta di annientare l'”occidente” semitoide, liberaloide e globalista.
    Ne sopporteremo le conseguenze, ,a sarà comunque una liberazione.

    Cari saluti

Inserisci un Commento