Rilanciare l’Isis: l’arma americana utilizzata contro l’Asse della Resistenza

È una coincidenza che la principale organizzazione terroristica mondiale stia rinascendo proprio mentre gli Stati Uniti lottano contro un attacco su più fronti alla loro egemonia nell’Asia occidentale? Ancora più curioso, sia l’Isis che gli obiettivi di Washington sono esattamente gli stessi.
Fonti della sicurezza irachena avvertono di una rinascita dell’Isis nel paese, che coincide fin troppo chiaramente con l’impennata delle operazioni di resistenza irachena contro le basi statunitensi in Iraq e Siria, e con l’ampliamento dell’instabilità regionale causata dall’assalto militare israeliano a Gaza.

Più di sei anni dopo aver dichiarato la vittoria sull’organizzazione terroristica, i rapporti dell’intelligence irachena indicano ora che migliaia di combattenti dell’Isis stanno emergendo indenni, sotto la protezione delle forze statunitensi in due regioni dell’Iraq occidentale .

Il pezzo mancante del puzzle

Secondo i rapporti di intelligence esaminati da The Cradle , al suo apice, l’Isis contava più di 35.000 combattenti in Iraq: 25.000 di questi furono uccisi, mentre più di 10.000 semplicemente “scomparvero”. “

Come racconta a The Cradle un ufficiale di un’agenzia di intelligence irachena :

“Centinaia di combattenti dell’ISIS sono fuggiti in Turchia e Siria alla fine del 2017. Dopo la nomina di Abdullah Qardash a leader dell’ISIS nel 2019, in seguito alla morte del califfo Abu Bakr al-Baghdadi, il nuovo califfo ha iniziato a ristrutturare l’organizzazione, e ha ordinato ai suoi seguaci di tornare in Iraq. L’organizzazione ha sfruttato il lungo confine con la Siria, i disturbi di sicurezza e la diversità delle forze su entrambi i lati del confine per infiltrarsi nuovamente nel territorio iracheno .

I funzionari dell’Isis imprigionati ammettono che infiltrarsi in quel confine non è un compito facile, a causa dello stretto controllo imposto dalle guardie di frontiera irachene e dell’uso di tecnologie moderne, come le telecamere termiche.

È diventato quindi necessario per il gruppo terroristico individuare intermediari in grado di sfondare o aggirare queste fortificazioni per trasportare i suoi combattenti oltre confine .

Una fonte della sicurezza irachena, insistendo sull’anonimato, dice a The Cradle che gli Stati Uniti svolgono un ruolo vitale nel consentire queste violazioni dei confini:

“[Ci sono] diversi incidenti che confermano l’assistenza americana nel rendere sicuro il percorso di attraversamento per i membri dell’Isis – principalmente, bombardando unità irachene al confine, in particolare le unità di mobilitazione popolare (PMU), per creare varchi che consentano ai combattenti dell’Isis di attraversare il confine”. confine.”

Terroristi dell’ISIS al servizio degli USA

La fonte della sicurezza irachena aggiunge che ci sono rapporti confermati di elicotteri Chinook americani che trasportano combattenti dalla Siria orientale al deserto di Anbar nell’Iraq occidentale e Jebel Hamreen, nell’est del paese .

Munir Adib, ricercatore specializzato in movimenti islamici, organizzazioni estremiste e terrorismo internazionale, conferma la possibilità di un ritorno dell’Isis dopo le “dozzine di attacchi in Siria e Iraq nelle ultime settimane”, che hanno portato alla morte di decine di persone di civili e soldati.

Secondo Adib, “la preoccupazione della comunità internazionale per le guerre di Gaza e Russia-Ucraina ha dato all’Isis l’opportunità di riorganizzare le sue fila, continuando a ricevere supporto logistico interno ed esterno ”.

Fabbricare e ospitare il terrorismo

La valle di Houran è la più grande del suo genere in Iraq, estendendosi per 369 chilometri dal confine iracheno-saudita al fiume Eufrate vicino alla città di Haditha nel governatorato di Anbar. La sua topografia è caratterizzata da alte scogliere di altezza compresa tra 150 e 200 metri e comprende le colline che circondano la valle e le sottovalli che si estendono nei suoi dintorni .

La valle era ed è tuttora uno degli ambienti più pericolosi per la sicurezza dello stato. I gruppi terroristici lo usano come rifugio sicuro a causa del suo terreno desertico e della distanza dalle aree urbane congestionate. La valle e i suoi dintorni sono stati testimoni di numerosi incidenti legati alla sicurezza, in particolare nel dicembre 2013, quando l’Isis uccise il comandante della settima divisione dell’esercito iracheno, il suo assistente, il direttore dell’intelligence nel governatorato di Anbar, otto ufficiali e tredici soldati .

Il deputato iracheno Hassan Salem ha chiesto il lancio di un’operazione militare per ripulire la valle di Houran dai combattenti terroristi. Ha confermato a The Cradle che “ci sono migliaia di membri dell’Isis nella valle che ricevono addestramento in campi privati, sotto la protezione americana”, sottolineando che le forze americane hanno “trasferito in questa zona centinaia di membri dell’Isis di diverse nazionalità ”.

La politica estera degli Stati Uniti, ovviamente, è piena di prove storiche della creazione di milizie armate per procura nell’Asia occidentale e in America Latina, che spesso utilizzano queste organizzazioni per rovesciare i governi nei paesi presi di mira . Sappiamo che Washington non ha alcuna avversione ad allearsi con gli estremisti islamici, in gran parte a causa del suo coinvolgimento diretto nell’armare e finanziare i mujaheddin afghani, da cui sono emersi i talebani e Al Qaeda.

Un primo collegamento tra USA e ISIS esiste abbastanza chiaramente: i fondatori e i leader di secondo grado del gruppo terroristico erano tra i detenuti della prigione di Camp Bucca , nel sud dell’Iraq, una struttura di internamento gestita dall’esercito americano. L’elenco dei terroristi di alto rango catturati e poi liberati dagli americani è davvero straordinario: il leader dell’Isis Abu Bakr al-Baghdadi, il suo successore Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi, Abu Mohammed al-Adnani, Abu Muslim al-Turkmani, Haji Bakr, Abu Abdulrahman al-Bilawi, Abu Ayman al-Iraqi, tra gli altri.

Una foto storica: il defunto senatore McCain in riunione con i capi terroristi in Siria quando gli USA appoggiavano segretamente questi gruppi per rovesciare Assad…

Camp Bucca, noto per gli abusi contro i suoi detenuti, ha riunito elementi estremisti, ha fatto bollire lentamente questa formula comburente per sei anni (2003-2009), quindi ha lasciato liberi gli estremisti ormai ben collegati.

I funzionari religiosi dell’Isis affermano addirittura di aver utilizzato il tempo trascorso in prigione per ottenere dai prigionieri il voto di unirsi al gruppo terroristico dopo il loro rilascio.

L’intelligence americana ha anche protetto indirettamente l’organizzazione terroristica, consentendo ai convogli dell’Isis di spostarsi tra le città che erano sotto il suo controllo. Altre forme di protezione, secondo gli esperti di sicurezza iracheni, includono il rifiuto di eseguire condanne a morte emesse dai tribunali iracheni contro i membri dell’ISIS detenuti e la creazione di rifugi sicuri per i membri dell’organizzazione nell’Iraq occidentale e orientale .

Isis: soldati americani nella guerra regionale

In un discorso del 5 gennaio, il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha avvertito che gli Stati Uniti stanno sostenendo il risveglio dell’Isis nella regione .

The Cradle ha ottenuto informazioni di sicurezza monitorando la nuova attività degli estremisti in Libano, le comunicazioni tra questi elementi e le loro controparti in Iraq e Siria, e attività sospette di trasferimento di denaro tra di loro .

L’intelligence dell’esercito libanese ha recentemente arrestato anche un gruppo di libanesi e siriani che si stavano preparando a svolgere operazioni di sicurezza .

È importante sottolineare che questa ondata di attività terroristiche arriva in un momento in cui la resistenza libanese è impegnata in una battaglia militare e di sicurezza con Israele, che può espandersi in qualsiasi momento in una guerra aperta. È anche degno di nota il fatto che la rinnovata attività dell’Isis si concentri in Libano, Siria, Iraq e Iran; cioè nei paesi che sostengono la resistenza palestinese politicamente, militarmente e logisticamente .

Il 4 gennaio, l’Isis ha rivendicato ufficialmente la responsabilità di due attentati nella città iraniana di Kerman che hanno preso di mira i cortei commemorativi nell’anniversario dell’assassinio del comandante della forza Quds Qassem Soleimani da parte delle forze statunitensi. La doppia esplosione ha ucciso circa 90 persone e ne ha ferite decine, in un attacco senza precedenti contro il più grande avversario USA-Israele nell’Asia occidentale – appena un giorno dopo che Tel Aviv aveva ucciso il massimo leader di Hamas Saleh al-Arouri a Beirut.

Prima di ciò, il 5 ottobre 2023, l’Isis aveva attaccato con un drone una cerimonia di diploma di ufficiali presso l’Accademia militare nella città siriana di Homs, uccidendo circa 100 persone . Questi attacchi, e altri in Iraq, Siria, Iran, Pakistan, Afghanistan e Africa, indicano che sangue fresco, denaro e armi vengono nuovamente pompati nelle arterie dell’organizzazione ISIS .

Un ufficiale di alto rango della PMU, che ha chiesto di rimanere anonimo, dice a The Cradle che le forze statunitensi stanno impedendo alle forze irachene di avvicinarsi alla Valle di Houran attaccando qualsiasi forza di sicurezza che si avvicini all’area. “Ciò è accaduto quando gli aerei americani hanno preso di mira unità delle PMU che stavano attaccando l’Isis nella regione”, rivela, citando rapporti di intelligence che confermano la presenza di dozzine di membri dell’Isis e di altre organizzazioni estremiste nella valle, dove ricevono addestramento e attrezzature dagli Stati Uniti. forze .

Forze sciite della resistenza in Iraq che combattono contro l’ISIS

Fonti di sicurezza nel comando operativo di Anbar confermano queste informazioni:
“Un’attività notevole da parte dell’organizzazione è stata registrata alcune settimane fa nella parte occidentale del paese. Vicino al deserto di Rutba, i combattenti dell’Isis sono stati avvistati mentre scavavano nascondigli sotterranei. Le informazioni indicano che l’organizzazione sta portando avanti operazioni terroristiche in molte località “, dicono a The Cradle.

Allo stesso tempo, l’Isis sta espandendo le sue operazioni nell’est dell’Iraq, all’interno del triangolo geografico che comprende il governatorato orientale di Salah al-Din, il nord-est di Diyala e il sud di Kirkuk, in particolare nelle geograficamente impegnative Makhoul, Hamrin, Ghurra, Wadi al-Shay. e le aree di Zaghitoun .

Va notato che le forze statunitensi sono dispiegate in Iraq sotto l’egida della Coalizione internazionale per combattere l’ISIS. La settimana scorsa, quattro anni dopo che il parlamento iracheno aveva votato per la prima volta a favore dell’espulsione delle forze straniere, il primo ministro iracheno Mohammad Shia al-Sudani è intervenuto sull’impatto “destabilizzante” delle truppe statunitensi e ha chiesto un’uscita “rapida e ordinata” di quelle unità combattenti.

Washington non solo ha ribattuto dicendo che “non ha alcun piano” di ritirarsi dall’Iraq, ma ha annunciato il 14 gennaio che avrebbe inviato altre 1.500 truppe in Iraq e Siria illegalmente e senza il consenso di nessuna delle due nazioni.

L’ironia della sorte è che l’Isis sembra riprendere slancio ogni volta che Baghdad solleva la questione del ritiro militare americano dall’Iraq.

Inoltre, non può più essere visto come una coincidenza che il gruppo terroristico stia ora riunendo le sue forze per prendere di mira i nemici regionali più capaci di Washington e Tel Aviv – l’Asse della Resistenza – proprio quando Stati Uniti e Israele stanno lottando per gestire una regione da un ampio assalto su più fronti da parte dell’Asse.

Le straordinarie sinergie tra gli americani e il principale gruppo terroristico mondiale non possono più essere ignorate: i loro obiettivi sono gli stessi e l’Isis sta entrando nella mischia solo ora, proprio mentre Washington inizia a perdere la presa sull’Asia occidentale.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Rilanciare l’Isis: l’arma americana utilizzata contro l’Asse della Resistenza

  1. Dopo i bombardamenti Russi e Siriani, ecc. , i poveri topi di fogna dell’Isis sono stati derattizzati, ne rimane qualcuno, drogato in mezzo al deserto, stupefatto e istupidito.
    Le FF. AA. Siriane, Russe, Hezbollah, ecc. ne hanno annientato una valanga di topi di fogna Isis………………………..
    tant’è vero che gli ignobili americani non ne disponevano più per inviarli altrove….. tipo in Yemen o Libia.
    SONO STATI STERMINATI CON TANTI, MA TANTI ZERi I!!!!!!!!!!! KAPUTT !!!!!!!!!!!!!!!

  2. A PROPOSITO, NEGLI ANNI SETTANTA I TERRORISMI CIA SI CHIAMAVANO BRIGATE ROSSE CHE UCCISERO LO STATISTA MIGLIORE CHE ABBIA L’ITALIA ALDO MORO , MI VERGOGNO DI AVERE AGENTI DI POLIZIA E DEI CARABINIERI CHE NON RACCONTANO CHI ERANO I TERRORISTI CIA E LA SERIE DI GIUDICI ITALIANI. VIA L’ITALIA DALLA EU E ENTRIAMO NERI BRICS…IL CANCRO DEL PIANETA SONO GLI EBREI E GLI ANGLOSASSONI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM