APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Rieccheggiano i lampi della Guerra dimenticata dall’Europa in Ucraina

di   Leon Tressell

Negli ultimi due mesi i media internazionali hanno avuto molti titoli isterici sulla situazione nella provincia di Idlib in Siria. I politici americani e i loro alleati europei hanno denunciato e minacciato il governo siriano se avesse osato lanciare una offensiva militare per liberare i gruppi jihadisti responsabili di genocidio dalla provincia di Idlib.
Nikki Haley, ambasciatore statunitense presso le Nazioni Unite ha recentemente dichiarato :
“Se Assad, Russia e Iran continuano sulla strada che stanno percorrendo, le conseguenze saranno disastrose”.

Nel frattempo, i politici atlantisti in Occidente e i loro echi nei media internazionali continuano a ignorare la sanguinosa guerra civile che infuria in Ucraina. Sembrerebbe che la morte e la distruzione quotidiane piovute sui civili nelle repubbliche separatiste di Donestsk e Lugansk non abbiano alcuna importanza. C’è una cospirazione del silenzio sui crimini di guerra commessi dalla giunta del governo di Kiev contro i suoi stessi concittadini.

L’imperialismo americano e gli alleati fantoccio europei continuano a rafforzare le tensioni con la Russia per la guerra in Ucraina. Gli accordi di pace di Minsk sono stati opportunamente dimenticati. Nel frattempo, l’ UE ha appena accettato di prestare un altro miliardo di euro al regime ultra nazionalista di Kiev, mentre Washington ha accettato di inviare altri 200 milioni di dollari in assistenza militare alle forze armate dell’Ucraina. A complicare ulteriormente le cose, il rappresentante speciale degli Stati Uniti a Kiev, Kurt Volker, ha dichiarato, in un’intervista del 13 settembre, che gli Stati Uniti stanno considerando di fornire armamenti letali e sistemi di difesa aerea alle forze armate dell’Ucraina.

Questo evidente sostegno a un governo russofobico, manifestamente corrotto, sta facilitando la continuazione della guerra dimenticata dall’Europa. Questo conflitto in oltre quattro anni e ha causato più di 10.000 vittime civili e ha determinato l’esodo di più di 1,6 milioni di persone che sono prevalentemente di lingua russa.

Rapporti quotidiani ,prodotti dagli osservatori dell’OSCE nella regione del Donbass, rivelano chiaramente un modello di targeting sistematico degli insediamenti civili a Donetsk e Lugansk da parte dell’artiglieria ucraina. Il 12 settembre gli osservatori dell’OSCE hanno rilevato 130 esplosioni nella regione di Donetsk e 85 esplosioni nella regione di Lugansk. Nel frattempo, i campi minati continuano a crescere attorno alla linea di contatto che separa le due parti in guerra.

Nei primi 5 mesi di quest’anno, 81 civili nelle regioni di Donetsk e Lugansk sono stati uccisi dai colpi di artiglieria, dalle armi da fuoco delle armi da fuoco e dagli incidenti connessi alle mine.

I media occidentali e i politici atlantisti che ossequinao la NATO non dicono nulla sul trasferimento di grandi quantità di armi pesanti dai depositi di stoccaggio delle forze armate ucraine in diretta violazione agli accordi di pace di Minsk. Il 7 settembre la relazione quotidiana dell’OSCE rileva :

“In violazione delle linee di ritiro in un’area controllata dal governo, la SMM ha visto 12 sistemi di lancio multipli (BM-21 Grad , 122mm) vicino a Poltavka (54 km a nord-ovest di Donetsk).”

Questa morte e distruzione quotidiana fa sorgere la domanda: come mai questo conflitto è effettivamente ignorato in Occidente mentre i media del sistema più titolati attribuiscono le colpe per i civili uccisi, come riferite all'”asse del male” (Assad, Russia e Iran), in Siria?

In Siria le forze delegate dall’imperialismo americano hanno combattuto e perso la loro campagna per rovesciare il governo di Assad. Il rovesciamento di Assad è stato visto come un trampolino di lancio verso il cambio di regime in Iran. Avendo fallito in Siria, l’imperialismo statunitense ha dichiarato guerra economica a Teheran attraverso il suo embargo petrolifero che inizia a novembre. L’obiettivo di questo embargo petrolifero è far fallire il regime di Teheran. Washington spera che la conseguente miseria economica possa precipitare il rovesciamento del regime teocratico da parte di una popolazione impoverita.

Frustrato dall’intervento della Russia in Siria, che ha impedito al governo di Assad di venire rovesciato dall’imperialismo americano, Washington sta usando il conflitto in Ucraina per creare mal di testa per Mosca. E ‘abbastanza chiaro che durante tutta la crisi che si è sviluppata dal colpo di stato sponsorizzato dalla CIA che ha rovesciato il presidente Yanokovich nel Febbraio del 2015, lo stato russo è stato costretto a reagire di volta in volta ad eventi di cui chiaramente non aveva avuto interesse a creare.

Detto questo, la guerra civile in Ucraina che viene facilitata dall’imperialismo occidentale si collega con la massiccia espansione della NATO fino ai confini della Russia e il ciclo infinito di sanzioni imposte da Washington e dall’UE ai sostenitori di Putin e all’economia russa. C’è chiaramente un obiettivo a lungo termine in gioco che è il cambio di regime in Russia.

Consiglieri USA in Ucraina

Questa politica di mantenere la Russia debole è stata chiaramente delineata nel lavoro di Zbigniew Brezezinski, colui che è stato il cervello geopolitico di diversi presidenti tra cui Obama. Nel suo fondamentale lavoro “The Grand Chess Board: American Primacy” e i suoi imperativi geostrategici Brezezinski afferma che l’obiettivo primario della politica estera americana dovrebbe essere quello di impedire l’emergere di un rivale al suo dominio sul continente eurasiatico. Nell’introduzione a questo libro molto influente afferma:

“… è imperativo che nessuno sfidante eurasiatico emerga, capace di dominare l’Eurasia e quindi anche di sfidare l’America. La formulazione di una geostrategia eurasiatica completa e integrata è quindi lo scopo di questo libro. ”

La morte e la distruzione quotidiana in Ucraina, ignorata dai politici e dai media occidentali, si inserisce in questa agenda dei tentativi per destabilizzare la Russia creando instabilità e grandi problemi geopolitici ai suoi confini. L’imperialismo americano vede la Russia insieme alla Cina come gravi minacce ai suoi interessi economici e geopolitici di dominio in Eurasia.

Dr. Leon Tressell in esclusiva per SouthFront

Traduzione: Sergei Leonov

*

code

  1. Mardunlobo 2 settimane fa

    Com’era ovvio nella loro sete di potere, gli ameri-cani non cessano di interferire creando sedizioni , colpi di stato , “primavere” varie per mantenere ovunque possibile il dominio.
    L’Ucraina era un boccone ghiotto essendo sempre stata nell’orbita russa. Gli Usa sono riusciti nell’intento di controllare il governo, ma il Donbass, con la sua presenza maggioritaria di russi, si ribella ai colpi di stato e preferisce mantenere il legame antico con la Russia.
    Questo non viene perdonato !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 2 settimane fa

      che fai, ripeti a ruota ? Non hai idee tue ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace