Riconciliazione saudita-iraniana: l’alleanza arabo-israeliana contro Teheran sta finendo?

Per Israele, il riavvicinamento Arabia Saudita-Iran avrà un prezzo strategico, con dimensioni regionali e internazionali
La politica regionale di Israele è stata a lungo basata sull’egemonia, la superiorità e l’arroganza. I leader Shimon Peres e Benjamin Netanyahu hanno spesso ripetuto l’idea di un’alleanza basata su “cervelli israeliani e denaro arabo”, promuovendo anche il concetto di proteggere i regimi arabi (quelli filo USA) con tecnologie di intelligence israeliane e strategie per la pace economica.

L’obiettivo dell’entità sionista è sempre stato duplice: raggiungere la normalizzazione e rafforzare l’influenza regionale di Israele, e accelerare la scomparsa della causa palestinese .
Gli interessi nazionali arabi richiedono un’attenta riconsiderazione della posizione di Israele nell’equazione regionale e una riduzione della sua influenza
Per Israele, l’Iran ha rappresentato un’opportunità per allearsi con gli stati arabi sia su una base economica e di sicurezza sia su una base strategica, per quanto riguarda il confronto con il loro “comune nemico”.
In questo modo, Israele ha cercato una strategia multilaterale: un’alleanza regionale sotto gli auspici degli Stati Uniti , cercando di dichiarare guerra all’Iran e rovesciare il regime.

Ma con l’erosione dell’alleanza del Golfo Arabo nella guerra dello Yemen , i tentativi di Israele di corteggiare un alleato arabo che avrebbe mosso guerra all’Iran sono falliti. Israele non ha fatto mistero del suo desiderio che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, che considera un probabile futuro alleato , sostituisca il suo anziano padre, re Salman. Ma contrariamente ai desideri di Israele, un certo numero di stati del Golfo – tra cui il Kuwait e gli Emirati Arabi Uniti , seguiti questo mese dall’Arabia Saudita – hanno riaperto i canali diplomatici, economici e di sicurezza con Teheran.
Considerando una priorità il rovesciamento del regime islamico iraniano, a gennaio il governo israeliano ha nominato il maggiore generale Eyal Zamir, che ha esperienza negli affari iraniani, direttore generale del ministero della sicurezza.

Gli equilibri di potere del Golfo e della regione, tuttavia, sono troppo forti per essere determinati da Israele e dai suoi desideri o dalle sue teorie arroganti.

Accordi Cina Arabia Saudita

Mancanza di alleati
Dall’inizio della guerra Russia-Ucraina e dai suoi conseguenti impatti sull’economia globale, i paesi del Golfo – in particolare i maggiori esportatori di petrolio – hanno scelto di non scommettere sulla posizione americana, rifiutandosi di prendere parte alle sanzioni contro la Russia . Invece, hanno rafforzato la loro cooperazione con Mosca per mantenere i prezzi del petrolio , rafforzando nel contempo le loro massicce relazioni commerciali ed economiche con la Cina . Questi sono interessi vitali superiori che Israele non può eludere, non importa quanto ci provi.

Per Israele, l’accordo tra Iran e Arabia Saudita per normalizzare i rapporti sotto l’egida del governo cinese avrà un prezzo strategico, con dimensioni regionali e internazionali. Limita l’influenza regionale di Israele ed elimina l’idea di un’alleanza arabo-israeliana contro l’Iran.

Mentre Israele ha cercato di rafforzare i legami con paesi come l’Italia , la Germania , il Regno Unito e la Francia nel tentativo di costruire un asse internazionale e regionale anti-Iran, sa che gli attori internazionali non sono convinti che un tale progetto possa funzionare senza la decisiva forza americana.
Inoltre, le interruzioni delle esportazioni di petrolio, gas e grano risultanti dalla guerra in Ucraina impedirebbero all’Europa di intraprendere qualsiasi azione militare che potrebbe esacerbare la crisi energetica. Non sorprende quindi che l’Unione Europea abbia subito accolto con favore l’accordo tra Arabia Saudita e Iran, considerandolo vitale per la stabilità regionale e la risoluzione dei conflitti.

Allo stesso tempo, l’accordo tra Arabia Saudita e Iran potrebbe porre fine al monopolio nucleare di Israele, aprendo la porta ad altri paesi della regione per acquisire capacità nucleari. Secondo i media americani , l’Arabia Saudita sta cercando l’approvazione di Washington per sviluppare un programma nucleare civile come parte del suo prezzo per la potenziale normalizzazione delle relazioni con Israele. Altri paesi del Levante e del Nord Africa, come l’Egitto , potrebbero cercare di fare lo stesso.

Ciò degraderebbe l’efficacia della più importante forza deterrente di Israele a lungo termine, minacciando la sua influenza regionale e limitando potenzialmente l’efficacia complessiva degli Accordi di Abramo.
Bilancio delicato
Non si può escludere la possibilità che l’accordo saudita-iraniano possa portare all’instaurazione di relazioni diplomatiche tra Arabia Saudita e Israele. Ma il contesto futuro per tali accordi sarà diverso, dato che Israele non è più visto come un ombrello di sicurezza per proteggere il Golfo, né è un sostituto degli Stati Uniti. Nell’equazione regionale che si sta attualmente delineando, Israele non è né cruciale né una necessità di sicurezza.

Nella nuova visione di Riyadh, l’Arabia Saudita sta cercando un ruolo di primo piano per se stessa sia a livello regionale che internazionale, guidata dal suo potere economico e dalla sua influenza. È in grado di negoziare il delicato equilibrio di un mondo che passa dall’unipolarità al pluralismo.

I Paesi del Golfo, in quanto economie emergenti, sono propositivi nell’individuare e analizzare le caratteristiche della fase di transizione del sistema internazionale. Stanno cercando di posizionarsi in modi che possano proteggere e preservare i loro interessi, mentre altri attori combattono per l’influenza e l’egemonia.

Forze yemenite contro Arabia Saudita e USA

Allo stesso tempo, Israele teme che l’accordo di Pechino possa aprire la strada a una risoluzione della guerra in Yemen . Questo conflitto ha rappresentato una grande opportunità per Israele per aumentare la sua influenza nel Mar Rosso e nel Mar Arabico, e l’accordo rischia di ostacolare i suoi sforzi per stabilire un punto d’appoggio militare nella regione.

Un’altra preoccupazione per Israele è un potenziale nuovo accordo di Taif in Libano , le cui due parti sarebbero l’Arabia Saudita e l’Iran, garantendo la stabilità del regime e dell’economia libanese. Il crollo del Libano è sempre stato nell’interesse di Israele.

In effetti, la crisi internazionale di Israele è oggi così profonda da suscitare ripetute accuse tra il governo Netanyahu e il regime precedente, quello di Yair Lapid e Naftali Bennett, su chi abbia la responsabilità di questo fallimento strategico.

Cambiare strategie
Il ripristino dei legami sauditi-iraniani, interrotti nel 2016 , è un’ulteriore prova che l’idea “la strada per Washington passa per Tel Aviv” non vale più. Una strategia fondata sull’approvazione di Washington e Tel Aviv non può preservare la sicurezza e la stabilità della regione, ma rischia piuttosto di minarle.

In effetti, per garantire il successo dell’accordo di Pechino e basarsi su di esso, i leader arabi devono riesaminare le loro strategie nei confronti di potenze influenti, sia a livello regionale che internazionale. Gli interessi nazionali arabi richiedono un’attenta riconsiderazione della posizione di Israele nell’equazione regionale e una riduzione della sua influenza.

Per i palestinesi, invece, l’accordo saudita-iraniano costituisce un’opportunità, aprendo nuovi orizzonti nella loro lotta per ottenere i loro legittimi diritti.

Mentre gli estremisti che guidano Israele oggi affrontano una grave crisi, i cambiamenti in corso nella struttura del sistema internazionale richiedono la partecipazione attiva degli stati arabi regionali, che possono lavorare per stabilire nuovi meccanismi per bloccare l’espansionismo, l’estremismo e il razzismo israeliani.
di Ameer Makhoul

Ameer Makhoul è uno dei principali attivisti e scrittori palestinesi della comunità dei 48 palestinesi. È l’ex direttore di Ittijah, una ONG palestinese in Israele. È stato detenuto da Israele per dieci anni.

Fonte: Middle East Eye

Traduzione: Luciano Lago

P:S. Le opinioni espresse dall’autore non necessariamente coincidono con quelle della Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM