Resistenza palestinese: le dichiarazioni di Pompeo sugli insediamenti israeliani sono una nuova aggressione

Le fazioni della Resistenza Palestinese hanno descritto la recente dichiarazione del Segretario di Stato americano Mike Pompeo sugli insediamenti israeliani come “una nuova aggressione contro il nostro popolo e la nostra nazione che viola anche il diritto internazionale”.

La dichiarazione del portavoce della Resistenza Palestinese ha dichiarato che l’aggressione americana e sionista richiede l’unificazione degli sforzi palestinesi, affrontando le sfide e chiedendo un incontro nazionale e globale.
Le stesse fazioni palestinesi hanno indicato che la loro scelta è “l’opzione di resistenza e l’escalation dello scontro in Cisgiordania e a Gerusalemme … per rovesciare tutte le decisioni ingiuste contro la nostra causa e il nostro popolo”.

“Questa decisione è un altro colpo per coloro che scommettevono sull’opzione di Oslo, pertanto chiediamo completamente la caduta degli accordi di Oslo”, hanno annunciato.

In precedenza, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato che il governo degli Stati Uniti non considererà più gli insediamenti israeliani in Cisgiordania “incompatibili” con il diritto internazionale.

Militanti della Resistenza Palestinese

Questa misura potrebbe influenzare ulteriormente il futuro dei colloqui di pace israelo-palestinesi.

Pompeo ha dichiarato in una conferenza stampa che la decisione, che inverte la posizione dell’amministrazione Obama sulla questione, è stata presa sulla base della “realtà sul campo”.

Pompeo ha sottolineato che la nuova posizione si basa su realtà e variabili regionali, soprattutto perché la sua precedente considerazione come ostacolo non ha realizzato sforzi per raggiungere una pace tra israeliani e palestinesi.

Da parte sua, Netanyahu ha ringraziato il presidente degli Stati Uniti per la sua decisione sugli insediamenti.

A questo proposito, ha sottolineato che gli Stati Uniti hanno adottato un’importante politica che corregge l’ingiustizia storica.

I media israeliani si aspettavano che Netanyahu avrebbe annunciato nei prossimi due giorni l’annessione della Valle del Giordano.
La Siria condanna la posizione degli Stati Uniti sugli insediamenti sionisti nei territori palestinesi occupati

Fayez Badawi, portavoce del FPLP

“La Repubblica araba siriana condanna nei termini più forti la posizione degli Stati Uniti nei confronti degli insediamenti sionisti nei territori palestinesi occupati, il che rappresenta una flagrante violazione del diritto internazionale e delle risoluzioni delle Nazioni Unite sullo status giuridico dei territori occupati”, ha affermato. il Ministero degli Affari Esteri e dei Migranti, in una dichiarazione rilasciata martedì.
La Siria ha condannato nei termini più forti la posizione degli Stati Uniti sugli insediamenti sionisti nei territori palestinesi occupati e ha affermato che rappresenta l’episodio più recente del disprezzo degli Stati Uniti per la legittimità internazionale e la sua continua ostilità nei confronti della nazione araba e Il suo supporto illimitato per l’entità israeliana.

“La Repubblica araba siriana condanna nei termini più forti la posizione degli Stati Uniti nei confronti degli insediamenti sionisti nei territori palestinesi occupati, il che rappresenta una flagrante violazione del diritto internazionale e delle risoluzioni delle Nazioni Unite sullo status giuridico dei territori occupati”, ha affermato. il Ministero degli Affari Esteri e dei Migranti, in una dichiarazione rilasciata martedì.

Secondo la nota del ministero degli Esteri, “questa posizione degli Stati Uniti rappresenta l’episodio più recente del disprezzo degli Stati Uniti per la legittimità internazionale e la continuazione dell’invasione invariabile contro la nazione araba e il sostegno illimitato fornito dagli Stati Uniti all’entità sionista e ai suoi politica di espansione coloniale ”.

“La Siria ribadisce che la posizione di Washington non è valida e non ha alcun effetto legale, così come la posizione degli Stati Uniti su Gerusalemme e il Golan siriano occupato, e questo dimostra ancora una volta la profondità del divario che separa gli Stati Uniti dalla comunità internazionale a causa della sua maldestra politica caratterizzata dall’egemonia e dall’arroganza “, ha affermato la nota.

Ha indicato che queste politiche di Washington sono state evidenziate durante il voto dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite della scorsa settimana sulla risoluzione del lavoro dell’UNRWA.

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha recentemente votato 170 voti a favore per rinnovare il mandato dei lavori dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i lavori pubblici e il soccorso ai rifugiati (UNRWA), mentre gli Stati Uniti e Israele hanno votato contro sette i paesi si sono astenuti.

http://espanol.almayadeen.net/news/politica/1361629/siria-condena-postura-estadounidense-sobre-asentamientos-sio


FONTE: AL MAYADEEN

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code