Report: Le relazioni all’interno dell’asse della resistenza sono uniche… e la loro coesione rimodella la scena

Il sito australiano “The Conversation” descrive, in un rapporto, l’asse della resistenza come un “asse di partenariato strategico”, sottolineando l’inesattezza di descrivere l’asse come “affiliato all’Iran” e sottolineando la coesione delle relazioni tra i suoi partiti, che rende quello rappresenta una “sfida agli oppositori dell’Iran”.
Il sito web della rete australiana ” The Conversation ” ha dichiarato oggi, giovedì, che descrivere l’asse della resistenza come “affiliato all’Iran” è considerato inesatto, aggiungendo che la descrizione più accurata dell’asse che si estende dall’Iraq, attraverso la Siria, il Libano e il Territori palestinesi, fino allo Yemen, è quella che designa questo come “l’asse del partenariato strategico”.

Il sito web afferma, in un rapporto pubblicato, che le alleanze all’interno dell’asse della resistenza sono “basate su obiettivi e ideologie comuni” e quindi “includono vari gradi di indipendenza”, indicando che ciò conferma l’inesattezza della descrizione dell’asse secondo cui è “affiliato con l’Iran”.

Il sito indicava anche che l’Iran fornisce risorse e coordinamento alle potenze dell’Asse, ma ciascun gruppo mantiene la propria agenda e una base di sostegno locale, oltre a lavorare nel quadro di una partnership, descrivendo le relazioni tra i partiti dell’Asse come “uniche”.

Il sito web sottolinea che tali partenariati “rappresentano una sfida per gli oppositori dell’Iran”, aggiungendo che “per scoraggiare le parti dell’asse della resistenza è necessario navigare attraverso una complessa rete di relazioni, interessi e conflitti in corso”.

Kata’ib Hezbollah in Iraq, forze della resistenza

Allo stesso modo, la coesione dell’asse di resistenza e cooperazione tra i suoi partiti porta ad “un rimodellamento del panorama geopolitico in Medio Oriente”, che indica un periodo di “escalation delle tensioni con conseguenze internazionali di ampia portata”, secondo il sito web dell’Australian Network. .

È interessante notare che, due giorni fa, il quotidiano britannico “The Guardian” ha parlato dell’asse della resistenza e di quello che lo rende una ” alleanza coesa e permanente “. Ha sottolineato che la sua unità “si basa su profonde basi ideologiche e obiettivi strategici comuni”, mentre le alleanze occidentali “stanno pensando di intraprendere una guerra che non possono vincere”.

Il quotidiano britannico ha sottolineato che, dalla creazione di questo asse, ciò che ha unito tutti i suoi attori è stato il reciproco sostegno militare e politico per affrontare “Israele”, con la questione palestinese considerata il “punto focale”.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

Un commento su “Report: Le relazioni all’interno dell’asse della resistenza sono uniche… e la loro coesione rimodella la scena

  1. Sono gli ultimi giorni dell’occidente comandato dalle forze del male.
    Era ora che, dopo tutte le sconfitte eterne subite – colpi mortali inflitti all’organizzazione degli immondi blasfemi – arrivano le sconfitte finali !
    E’ un godimento vedere l’America e la UE annaspare, balbettare, e sorridere meno. Ha ha ha ha ha!!!!!!!!!!!!!!
    VIVA L’ASSE DELLA RESISTENZA !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus