Razzi a lungo raggio colpiscono vicino a Tel Aviv dopo che Israele ha attaccato Gaza


Le autorità israeliane affermano che un razzo a lunga gittata lanciato dalla Striscia di Gaza ha colpito un’area vicino a Tel Aviv, nel centro di Israele, ferendo sette persone nel primo di tali incidenti dalla guerra del 2014 contro l’enclave palestinese.
L’attacco avvenuto nel mattino presto a Mishmeret, una città agricola a nord di Tel Aviv, è arrivato un giorno dopo che gli aerei israeliani avevano bombardato l’enclave assediata prima dell’anniversario delle proteste contro il recinto di Gaza nel fine settimana.
L’annuncio dell’attacco con razzo esploso su Tel Aviv è stato dato con grande risalto da tutti i media atlantisti e rigorosamente filo Israele, gli stessi che hanno dimenticato di dare notizia delle centinaia di bombe e missili lanciati soltanto nelle ultime settimane sulla striscia di Gaza dall’aviazione israeliana.

La notizia dell’attacco ha costretto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a interrompere il suo viaggio a Washington subito dopo aver incontrato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump più tardi, come ha riferito il suo ufficio.

Il Centro informazioni palestinese ha comunicato che due missili hanno colpito il cuore dei territori occupati da Israele nei primi giorni di lunedì. L’attacco avrebbe distrutto un edificio, lasciando sette coloni feriti.

Le sirene hanno suonato nel centro di Israele per la prima volta in due anni e gli abitanti hanno riportato un’esplosione, mettendo in evidenza il fallimento del sistema missilistico Iron Dome di Israele per intercettare il missile.

Il sistema di protezione, dal costo multi-miliardario, aveva subito un altro duro colpo durante l’ultimo scontro militare a novembre, quando Hamas ha lanciato più di 460 missili nelle terre occupate in meno di 24 ore, in risposta all’aggressione israeliana.

La capitale e le città periferiche di Israele sono state per l’ultima volta oggetto di un tale attacco durante la guerra del 2014 a Gaza. Una settimana e mezzo fa, a Gaza furono lanciati due razzi dalla Striscia di Gaza, ma i militari israeliani dissero che erano stati lanciati accidentalmente.

Timori di grave escalation
Netanyahu, che sta cercando un quinto mandato nel ballottaggio elettorale del mese prossimo, è stato a Washington per la conferenza annuale dell’AIPAC.

“Alla luce degli eventi sulla sicurezza, ho deciso di interrompere la mia visita negli Stati Uniti”, ha detto Netanyahu impegnandosi a “rispondere con la forza” all’attacco missilistico (come abitualmente fa Israele).

Il suo ufficio ha detto che Netanyahu è stato aggiornato sull’incendio causato dai razzi, e che ha chiesto una consultazione con i capi dell’esercito israeliano, Shin Bet e altri alti funzionari della sicurezza via telefono.

L’esercito israeliano ha poi accusato Hamas di aver sparato il razzo e ha annunciato che avrebbe inviato rinforzi nell’area di Gaza.

Il razzo, si dice, era stato sparato dalla zona di Rafah nella Striscia di Gaza meridionale. “Il lancio è stato effettuato da Hamas da una delle sue posizioni nell’area di Rafah”, ha detto il portavoce dell’esercito israeliano Ronen Manelis.

Attenzione contro l’aggressività di Israele

Il razzo palestinese avrebbe dovuto percorrere circa 120 chilometri da Rafah per atterrare nella capitale israeliana.

L’esercito israeliano ha detto che avrebbe inviato due brigate aggiuntive e avrebbe organizzato una serie limitata di riservisti, sollevando i timori di una grave escalation militare poco prima delle elezioni del 9 aprile.

Hamas a Gaza, alleato con la Jihad islamica ha dichiarato di “avvertire il nemico sionista dal commettere un’altra aggressione contro la Striscia di Gaza”.

“I loro leader dovrebbero essere consapevoli che risponderemo con la forza contro la loro aggressione”, ha detto il portavoce di Hamas, in una dichiarazione, senza commentare chi potrebbe essere stato responsabile per il razzo.

Domenica, i carri armati israeliani hanno bombardato Gaza dopo che “i palloni incendiari” sono stati lanciati attraverso la recinzione per tutta la sera, hanno detto i militari. Il giorno prima, gli aerei israeliani hanno colpito pesantemente la Striscia di Gaza meridionale.

Le ultime tensioni si sono sviluppate a Gaza a partire dal 30 marzo scorso, quando sono iniziate le proteste della “Grande Marcia di Ritorno”, chiedendo il diritto al ritorno per le persone cacciate dalla loro patria dall’aggressione israeliana.

Bombardamenti israeliani su Gaza

Gli scontri a Gaza hanno raggiunto il loro picco il 14 maggio, alla vigilia del 70 ° anniversario del Nakba Day o del Giorno della Catastrofe, che ha coinciso quest’anno con il trasferimento di Washington della sua ambasciata da Tel Aviv alla Gerusalemme occupata al-Quds.

Più di 260 palestinesi sono stati finora uccisi e almeno 26.000 altri feriti negli scontri di Gaza, secondo il ministero della Salute di Gaza (questo però non fa notizia per i media filo atlantisti).

Gaza si trova sotto assedio israeliano dal giugno 2007, fatto che ha causato un declino degli standard di vita. Israele ha lanciato tre grandi guerre contro l’enclave dal 2008, uccidendo migliaia di abitanti di Gaza ogni volta e distruggendo le già povere infrastrutture del territorio impoverito.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • Christian
    25 Marzo 2019

    Il capo delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane, Muhammad Ali Jafari, era stato chiaro in merito, pochi giorni fà; disse pubblicamente che TUTTO il territorio del regime sionista è sotto il tiro dei missili di Hezbollah. Hassan Nasrallah, capo di Hezbollah, aveva dichiarato la stessa cosa. Nasrallah, è molto temuto dalla leadership militare e politica sionista, perché come dissero anni fa’ diversi media sionisti “dice quello che fà, e fà quello che dice”. I missili iraniani sono precisi, moderni e letali. Hamas pare che abbia ricevuto alcuni moderni missili dall’Iran, il quale ha fornito i missili e sta’ attivamente istruendo Hamas al loro utilizzo e gestione. Se quello che il regime sionista fa’ contro Gaza, lo facesse contro il Libano e Hezbollah, centinaia di missili prenderebbero di mira tutte le più importanti e strategiche strutture militari e industriali sioniste, il cui territorio peraltro è minuscolo, essendo inferiore alla Lombardia.

Inserisci un Commento

*

code