Rapporto: Trump apre le porte dell’inferno alle sue truppe in Iraq

Il presidente degli Stati Uniti ha aperto le “porte dell’inferno” alle sue truppe dopo aver attaccato le posizioni delle forze popolari irachene nella provincia di Al-Anbar.

Un nuovo rapporto pubblicato mercoledì sul quotidiano arabo Raialyoum rivela come la stupidità del presidente americano, Donald Trump, abbia messo in pericolo la vita di migliaia di soldati americani in Iraq e in tutta la regione.

La pubblicazione spiega che sebbene gli Stati Uniti, negli ultimi 17 anni, abbiano speso un miliardo di dollari nella loro invasione dell’Iraq, dove sono morti più di 4000 dei loro soldati e altri 33.000 sono stati feriti, questo paese non ha ottenuto nessuno dei suoi obiettivi prefissati, e ha dato come esempio il recente attacco contro la sua più grande ambasciata al mondo che si trova in Iraq.

Ieri migliaia di iracheni hanno attaccato il quartier generale diplomatico americano. a Baghdad, la capitale, per protestare contro l’aggressione americana di domenica che ha messo in discussione le posizioni di Kataeb Hezbollah , un ramo delle forze popolari irachene (Al-Hashad Al-Shabi, in arabo).

Gli Stati Uniti accusano l’Iran di essere dietro gli incidenti dell’ambasciata -qualcosa che Teheran rifiuta categoricamente – ma non osano lanciare un attacco contro l’Iran né osano rispondere alla demolizione del loro drone da parte del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione (CGRI ).

Risulta improbabile che la risposta degli “Hashd ash-Shaabi” alla palese aggressione americana nei confronti di uno dei suoi affiliati sarà limitata alle manifestazioni di protesta fuori dall’ambasciata. Potremmo vedere dolorosi attacchi missilistici diretti nei prossimi giorni contro le 5.200 truppe americane dispiegate nell’Iraq nord-occidentale.

La pubblicazione aggiunge ciò che gli Stati Uniti vogliono è condurre una guerra sussidiaria con l’Iran perché il paese nordamericano teme di entrare in un confronto diretto con questo paese, dal quale gli Stati Uniti saranno sicuramente sconfitti, sottolinea il rapporto.

Reparti delle Hashd ash-Shaabi (Forze di mobilitazione popolare) in Iraq

Spiega che la risposta delle forze popolari irachene non si limiterà a una protesta di fronte all’ambasciata americana. a Baghdad, dal momento che Kataeb Hezbollah possiede una potenza militare che può facilmente colpire gli obiettivi del paese nordamericano nell’Iraq settentrionale e occidentale, dove questo paese ha dispiegato circa 5200 militari nelle sue basi.

La pubblicazione ha sottolineato che “con l’attacco agli obiettivi di Kataeb Hezbollah ad Al-Anbar” nella città di Al-Qaim “, ha aperto le porte dell’inferno agli interessi e ai soldati statunitensi. non solo in Iraq, ma anche in tutta la regione “.

Attacco all’Ambasciata USA

Ha anche sostenuto che Donald Trump non ha imparato dalle esperienze dei suoi predecessori come Barack Obama, costretti a arrendersi ai gruppi della Resistenza e a lasciare il territorio iracheno, solo per evitare ulteriori danni.

Oggi l’Iraq non subisce sanzioni o carestie, come aveva sofferto nell’era dell’ex dittatore iracheno Saddam Husein, questo paese è oggi più potente, è considerato come uno dei paesi dell’asse della Resistenza e ha più di 500 000 missili di diverse dimensioni.

Il 2011 era passato alla storia come l’anno in cui gli Stati Uniti sconfitti furono costretti a ritirare le loro truppe e fuggire dall’Iraq. Il 2020 potrebbe essere ricordato come l’anno della seconda sconfitta e con l’uscita di 6.000 truppe americane dall’Iraq e dalla Siria per salvare la loro incolumità.

https://www.raialyoum.com/index.php/courting-defeat-in-iraq/

Fonte: Raialyoum https://www.raialyoum.com/index.php/courting-defeat-in-iraq/

Traduzione: Sergei Leonov

7 Commenti

  • Fabio Franceschini
    2 Gennaio 2020

    Tony a dir poco di propaganda! L’iraq è un paese estremamente in crisi sia economica che morale.fortemente diviso e unito solo dalla corruzione! Una dipartita delle forze usa potrebbe spalancare la porta a una guerra civile già strisciante e a un ritorno n grande stile dell’isis.il sogno di un governo filo iraniano che controlli le comunicazioni con la Siria ed il mediterraneo è lontano e di difficile realizzazione vista la situazione politica e militare interna al paese dove gli stessi sciti sono fortemente divisi tra di loro. Ripeto forse il rischio per le truppe usa aumenterà e forse queste truppe saranno ridotte ma non si vede un futuro roseo per l’iraq.

    • Andrea
      2 Gennaio 2020

      Ma come?! Ma se l’ISIS è stato appositamente creato da Stati uniti ed i loro alleati Israele, Arabia Saudita, Inghilterra, Turchia. Sono i loro mercenari.

  • Carlo Casaretti
    2 Gennaio 2020

    io pure non vedo un futuro roseo per gli USA. Hanno perduto la supremazia strategica militare nel mondo e con questo, l´erosione del dollaro é inevitabile. Possono appena continuare a fare pericolose stupidaggini solo per mantenere lo schema bellico con un pó di respiro. Mancano pochi movimenti per dare un inevitabile SCACCO MATTO

    • atlas
      3 Gennaio 2020

      il Franceschini commenta da filogiudeo qual’è

      io invece per i giudei non vedo nemmeno un futuro

  • atlas
    3 Gennaio 2020

    hanno ucciso il Generale Soleimani

    il filogiudeo Franceschini sarà contento, ma cmq non vedo un futuro roseo per Tel Aviv

    non vedo proprio un futuro

  • paolo calvo
    3 Gennaio 2020

    Con la perdita di Soleimani, l’Impero del Male ha assestato un duro colpo allo Stato Iraniano…la vedo male per il futuro della sovranità iraniana.
    L’Anglosfera statunitense a guida ebraico sionista colpisce ancora!

  • VUK
    3 Gennaio 2020

    e meno male che hanno perso la superiorità strategica nel mondo, con solo un paio di missili hanno fatto strike !

Inserisci un Commento

*

code