Rapporto sulla guerra in Siria – 5-8 febbraio 2019: i sistemi S-300 forniti dalla Russia diventano operativi


Il 5 febbraio, la società israeliana “ImageSat International” ha rilasciato immagini satellitari che mostrano posizioni del sistema di difesa aerea S-300 fornito dalla Russia nel Masyaf in Siria. L’immagine rilasciata mostra 3 dei 4 lanciatori in posizione verticale e il quarto coperto da una rete mimetica. Questa è stata la prima immagine satellitare che mostra i lanciatori in una posizione eretta dal loro arrivo dalla Russia nell’ottobre 2018. Ciò potrebbe indicare che il sistema sta per diventare o è già diventato operativo.

In precedenza, i media russi hanno riferito che il sistema S-300 diventerà pronto per il combattimento nel marzo del 2019 dopo che gli equipaggi siriani S-300 completeranno la loro formazione. Tuttavia, è possibile che il corso di formazione sia stato intensificato a causa di una situazione di tensione nella regione.Il 7 febbraio, la rete televisiva statale russa RT ha riferito di aver citato fonti militari che le forze iraniane si preparano a spostare il loro centro di rifornimento di armi dall’aeroporto internazionale di Damasco alla base aerea T4 nella provincia di Homs. La base aerea T4 è attualmente utilizzata dalle forze iraniane per operazioni che coinvolgono veicoli aerei senza pilota.

Allo stesso tempo, il quotidiano israeliano Haaretz ha rilasciato un’immagine satellitare che mostra le presunte posizioni delle forze iraniane nell’aeroporto di Damasco e ha anche affermato che le forze si stanno preparando a ritirarsi nella base aerea T4.

L’Iran fornisce pochissimi dettagli sulle sue operazioni in Siria. Tuttavia, anche se tali rapporti fossero confermati, ciò non significherebbe che la Siria e l’Iran stiano limitando la loro cooperazione militare. Le posizioni iraniane nell’area dell’aeroporto internazionale di Damasco sono state ripetutamente prese di mira dall’aeronautica israeliana dall’inizio del conflitto. Quindi, la ridistribuzione delle forze iraniane potrebbe essere un tentativo di allentare la situazione nelle campagne della capitale siriana.

Il 7 febbraio, la 1a divisione dell’Esercito arabo siriano (ASA) ha teso un’imboscata a un gruppo di combattenti dell’ISIS nel deserto di Damasco uccidendo almeno 6 di loro. Secondo una fonte militare, il gruppo stava probabilmente conducendo un’operazione di ricognizione per prepararsi agli attacchi terroristici.

La 45a Brigata delle Unità di mobilitazione popolare irachena (PMU) ha lanciato 50 razzi sulle posizioni dell’ISIS intorno alla città di al-Baghuz al-Fawqani nella valle centrale dell’Eufrate. Secondo il PMU, gli attacchi miravano a impedire ai terroristi di ISIS di entrare in Iraq.

Questo episodio, che segue gli attacchi aerei degli F-16 (in dotazione alla’aviazione irachena) contro le postazioni dei terroristi sul confine sud est tra Siria ed Iraq, dimostra come sia diventata strettissima la cooperazione tra le forze siriane e quelle irachene nella comune lotta contro i gruppi terroristi takfiri appoggiati dall’estero. Siria-Iraq-Hezbollah-Iran costituiscono ormai un unico Asse di Resistenza che si contrappone ai tentativi dei USA-Arabia Saudita-Israele (e loro alleati) di cambiare l’assetto della regione.

Le forze democratiche siriane sostenute dagli Stati Uniti (SDF) stanno ultimando la loro operazione contro l’ISIS nell’area. Tuttavia, un gran numero di terroristi controlla ancora un pezzo dell’area SDF-assediata.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code