Rapporto: Israele sta esaurendo le vie d’uscita dopo la guerra a Gaza


Molti analisti e osservatori avevano previsto le malefatte di Israele, ma i suoi sostenitori ne hanno ignorato i risultati e ora anche loro stanno cercando di prendere le distanze.

In un articolo pubblicato sabato sul quotidiano britannico The Guardian , l’analista Nesrine Malik ha sottolineato che le ultime azioni del regime sionista lo hanno posto nella posizione di un regime canaglia, minando l’ordine democratico e sfidandolo.

A Gaza è arrivata la pietra miliare dei sei mesi e con essa un cambiamento percettibile (…) Forse l’ omicidio di sette operatori umanitari della World Central Kitchen (WCK) è stato necessario perché questo cambiamento avvenisse, forse è stato cumulativo, ma ciò che è difficile negare ora che Israele sia diventato un ribelle. “Negli ultimi sei mesi, sia nei toni che nell’azione, quello che è emerso è uno Stato che sta infrangendo tutti i protocolli in un modo che lo colloca non nell’ovile democratico, ma in qualche categoria al di fuori della legge”, si legge nell’articolo.


Le azioni del regime sionista, inclusa la creazione di “kill zone” a Gaza e l’utilizzo di sistemi di intelligenza artificiale per identificare gli obiettivi, hanno sollevato preoccupazioni riguardo alle atrocità e agli attacchi durante la guerra. Queste azioni hanno causato una crisi umanitaria a Gaza.

“Sul campo, è chiaro che Israele non solo ha reagito in modo eccessivo, ma è anche arrogante, facile da innescare e inaffidabile nella sua intelligence e nei suoi metodi di guerra”, si legge nel testo, citando il quotidiano israeliano Haaretz , che ha recentemente riferito che le forze sioniste “hanno creato delle ‘kill zone’ a Gaza: chiunque attraversi le loro linee invisibili può essere colpito.

Un rapporto pubblicato mercoledì sul portale +972 Magazine indica che l’esercito israeliano ha sviluppato un programma noto come Lavender , che secondo sei funzionari israeliani avrebbe svolto un ruolo centrale nella campagna di bombardamenti senza precedenti contro l’enclave palestinese assediata. in prima persona nell’uso dell’intelligenza artificiale per il targeting degli omicidi.

L’assassinio dei lavoratori della WCK con razzi di precisione israeliani ha suscitato appelli a contrattaccare Israele, anche da parte di coloro che tradizionalmente hanno sostenuto questo regime usurpatore.

Generale israeliano ammette che Israele non ha raggiunto i suoi obiettivi

La Spagna ha respinto la spiegazione di Israele sull’attacco al convoglio umanitario
L’incidente ha suscitato richieste per un embargo sulle armi, azioni legali contro le esportazioni di armi al regime e un cambiamento di tono da parte di alcune figure di spicco dei partiti politici.

La durata e la gravità della guerra a Gaza, così come l’ampia copertura degli attacchi, hanno indotto i politici di tutto il mondo a rivalutare le loro posizioni e richieste.

I leader internazionali hanno chiesto misure concrete per prevenire danni sociali e umanitari e la sicurezza degli operatori umanitari, segnalando un cambiamento nella politica ufficiale.

Questi cambiamenti di tono e richieste politiche indicano una crescente preoccupazione tra il pubblico e i manifestanti che potrebbe portare a un cambiamento di atteggiamento nei confronti dell’attuale crisi umanitaria e della guerra a Gaza.

La brutale campagna di aggressione israeliana a Gaza ha causato la morte di quasi 33.200 civili a Gaza e lo sfollamento di oltre il 70% della popolazione dell’enclave. La catastrofe umanitaria causata nella Striscia ha fatto sì che il regime sionista perdesse il sostegno internazionale e soffrisse un isolamento senza precedenti.

Sebbene il primo ministro del regime israeliano, Benjamin Netanyahu, abbia promesso sei mesi fa una “vittoria totale” sul Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS), l’obiettivo sembra sempre più impossibile.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

11 commenti su “Rapporto: Israele sta esaurendo le vie d’uscita dopo la guerra a Gaza

  1. Lo stato terroristico sionista si ritira scornato dal sud di Gaza, non aveva previsto una resistenza cosi determinata da provocargli perdite consistenti di uomini e mezzi ! In conclusione : Niente liberazione di ostaggi ! Niente distruzione di Hamas ! Inutile genocidio di civili a Gaza, compresi molti ostaggi stessi ! Inutili omicidi mirati anche degli operatori umanitari dei paesi suoi alleati ! Generale riprovazione internazionale ! Spada di damocle sulla testa rappresentata da Iran, Hezbollah, sciiti iracheni, siriani e Yemen ! Se non si chiama sconfitta questa ! E deve ancora arrivare la risposta iraniana all’attacco alla propria ambasciata a Damasco !

  2. Quanto sono ipocriti inglesi ed americani. Nauseanti. L’ intera Palestina di un tempo non esiste più, invasa da colonie fortificate e violente. Gaza, lC ultima enclave palestinese nelle loro terre natie è un campo di concentramento ormai totalmente distrutto. Gl’ abitanti rimasti muoiono di fame e di stenti, senza potersi neanche curare. Un abominio. E ricorderei a questi scrittori albionici che Tel Aviv non e’ mai stata un nazione democratica con confini certi. Ma una metastasi maligna, mortale e maligna tumorale del male nazista americano.

  3. Per i padroni dell’occidente – americani – e per i suoi vassalli la Realtà non segue i loro desideri ……………………. essi si credono Dio, ma non sono Dio…..
    e neanche eletti e neanche i più intelligenti. Ciò determina la traiettoria in discesa, e non c’è niente per contrastarla……. il Sistema occidentale economico-politico sciagurato è antistorico e quindi viene spazzato via automaticamente dalla Storia. Qualsiasi azione o idea dei padroni è ERRATA.
    Tutto gli va a rotoli, tutto gli va in malora ……………………… le sconfitte a ripetizione, le sconfitte eterne lo dimostrano.

  4. Israele ha perso ha fatto un olocausto per niente faccia creare lo stato di palestinesi sarebbe la sola via d’uscita tanti morti per niente, stupidi.

  5. Israele malgrado l” aiuto dei paesi USA & NATO ha fallito la sua guerra lampo contro il popolo civile Palestinese disarmato !
    Però Israele forte del fatto di essere aiutato dai paesi USA & NATO cerca ancora lo scontro armato !
    Israele vuole invadere e sterminare tutto il popolo Palestinese e vuole anche invadere ed occupare il Libano nel settore mussulmano !
    Vorrebbe pure dichiarare guerra a Siria e Iran Israele .
    USA & NATO vogliono la guerra perciò pure loro sono felici che Israele faccia scoppiare una guerra regionale per poi aiutarlo entrando in guerra a fianco di Israele !
    Russia e Cina come sempre resteranno neutrali e non daranno nessun aiuto al” Iran !

  6. E’ evidente lo sfacelo del sedicente “democratico” mondo
    E’ evidente la disfatta etica e morale del sedicente “evoluto” mondo.
    E’ evidente l’inganno con cui ci hanno allevato.
    Non in nome del dio di turno o di comodo si può infrangere la dignità di qualsiasi essere vivente.

  7. È incredibile come le guerre in Palestina e Ucraina e prima ancora l’influenza bulabulabula siano riusciti au unire in Italia il popolo comunista e quello fascista, entrambi espressione di lotta proletaria extraparlamentare. L’ex emiciclo si è unito e ora là dove non ci sono scranni è seduto almeno i 70% dell’elettorato non votante

    1. Sono d’accordo caro CARMELO ! Se esistono ancora comunisti e fascisti, coerenti con queste “ideologie” per come erano in origine, nel bene e nel male, pur con tutte le critiche legittime che possiamo muovergli, dovrebbero insorgere in armi, rovesciare il pensiero unico dell’intero arco parlamentare delle finte destra e sinistra e cacciare Nato e Ue dall’Italia !

  8. Radere al suolo in non-stato nazisionista con tutta la fogna dentro e riportare la pace nel mondo intero. Questi pazzoidi sono il male assoluto del mondo intero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM