"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Rapporto. I sauditi pronti a comprare “Iron Dome” e altre armi da Israele

Il governo dell’Arabia Saudita è interessato ad acquistare dai sistemi di difesa aerea del regime israeliano quali “Iron Dome”, al fine di affrontare gli attacchi missilistici del movimento popolare yemenita Ansarolá. Lo riporta l’influente quotidiano svizzero Basler Zeitung.

Secondo quanto riportato da quest’ultimo in un rapporto pubblicato recentemente, gli esperti dell’esercito saudita hanno esaminato la tecnologia delle armi israeliane durante un’esposizione di armi ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti (EAU). “Un trafficante d’armi europeo a Riyadh, capitale saudita, ha detto che i sauditi stanno valutando la possibilità di acquistare armi israeliane, tra cui lo scudo aereo israeliano Iron Dome”, scrive Basler Zeitung citato, tra gli altri, anche dal giornale israeliano Jerusalem Post.

L’Esercito saudita, secondo quanto riporta il quotidiano svizzero, sarebbe anche interessato ad acquisire il sistema di protezione attiva Trophy (APS), in grado di rilevare e neutralizzare i proiettili anticarro. I regimi di Tel Aviv e Riyadh non mantengono ufficialmente relazioni diplomatiche. Tuttavia, il quotidiano svizzero ha sottolineato che la cooperazione militare e di intelligence registra già “maggiori progressi”.

Negli ultimi anni, secondo diversi rapporti, i sauditi hanno tenuto incontri e contatti clandestini con le autorità israeliane per incoraggiare la creazione di relazioni diplomatiche. In questa linea, il ministro degli Esteri saudita, Adel al-Yubeir, ha rivelato nel dicembre 2017 che Riyadh abbia pronta una “road map” per normalizzare le loro relazioni con Israele. (Pars Today)

Nota:  Sempre più stretti i rapporti di cooperazione tra la monarchia saudita con il regime di Israele.
Israele e Arabia Saudita, pur non intrattenendo ufficialmente relazioni diplomatiche, hanno di recente ribadito la loro alleanza ‘de facto’ in funzione anti- Iran. Entrambi i paesi hanno indicato l’Iran come la principale minaccia per la regione ed il comune intento di combattere la sua influenza.

Forze esercito yemenita

Già alcune settimane addietro erano state registrate le dichiarazione del Capo di Stato Maggiore delle Forze di Difesa Israeliane, il generale Gadi Eisenkot, il quale aveva definito l’Iran come “la più grande minaccia per la regione” e aveva sottolineato che Tel Aviv e Riyadh concordano su questa percezione, come aveva riportato il quotidiano israeliano ‘Haaretz’.  Inoltre il capo di Stato maggiore aveva comunicato che Israele  potrà fornire informazioni di intelligence sull’Iran all’Arabia Saudita, per contrastare l’attività dell’Iran ed in particolare gli aiuti militari che l’Iran fornirebbe (secondo Tel Aviv) alle milizie degli Houthi nello Yemen che combattono contro le forze della coalizione saudita.
In sostanza Israele potrebbe fornire un aiuto sostanziale all’Arabia saudita per uscire dall’impasse militare in cui si trova il regime di Rijad che non riesce ad avere ragione della resistenza degli yemeniti, nonostante la sua superiorità militare ed l’impiego massiccio della sua moderna aviazione.

*

code

  1. max tuanton 3 mesi fa

    Quando tremonti e veltroni vi parlano di “illuminati ” di chi credete che parlino?Se solo si azzardassero a denuciare la congiura ebraica nell’arco di un attimo e per i 2 buoni politici non si troverebbe neancheun ossicino ,spolpati vivi ! NEL LIBRO ” I PROTOCOLLI DEI SAVI DI SION ” si puo leggere: ” NOI EBREI siamo TROPPO potenti se anche dovesse sorgere un nuovo nemico nel campo avversario ORMAI e’troppo tardi “ma anche nei loro libri sacri Vedi il TALMUD NOI non ebrei SIAMO Bestie a sembianze umane nati solo per servirli,le nostre donne giumente ,che i nostri beni sono di loro proprieta’ perche’ loro sono gli eletti e via di questo passo ,SIAMO governati da dei Matti !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 mesi fa

      fossi in te però prima di scrivere passerei da uno psichiatra

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. HERZOG 3 mesi fa

    Bravo Max ,aggiungo che gli Eletti piu si SENTONO scoperti e piu creano l’inferno intorno a loro .LO STATO CANAGLIA D’ISRAELE E’ L’UNICO STATO A NON AVER FIRMATO IL TRATTATO DI NONPROLIFERAZIONE NUCLEARE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. atlas 3 mesi fa

    Da notare che i wahhabiti salafiti dell’isis hanno capelli e barba lunghi, proprio come i giudei ‘ortodossi’ e si fanno tutti chiamare ‘abu’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 3 mesi fa

      Ottimo acquisto dopo la ferraglia inutilmente ipertecnologica f-35,qualcuno avvisi il monarca della Scabbia Saudita che a Roma un tale De Curtis vende la fontana di Trevi,se e’ interessato al “bisiniss” puo’ contattarlo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Citodacal 3 mesi fa

        Ma chi, quello che s’è spacciato pure per l’ambasciatore del Catonga…?
        (film mitico!)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. animaligebbia 3 mesi fa

          Gia’ gia’,quel tizio che istallava i vespasiani davanti ai ristoranti e mandava la gente a contare i piccioni a Venezia, i principini sauditi ,che pur essendo ricchissimi hanno l’animo dei cammellieri, potrebbero tranquillamente fare “o bisiniss”.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. max tuanton 3 mesi fa

    Israele un paese cosi piccolo sempre in guerra con tutti sempre a dirigere da dietro le quinte le politiche DEGLI Americani provocatori di guerre ovunque affamatori di popoli ,essere anti ISRAELIANO e’ un onore certo se uno si vende a Mammona oppure peggio e’ troglodita sara’ sempre ingannato le sue tare non sono una buona ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 mesi fa

      l’opinione degli altri, anche se sciocca e deviante, tocca leggerla

      Rispondi Mi piace Non mi piace