Raisi ha guidato la carica per il “nuovo ordine mondiale” Russia-Iran-Cina

di Pepe Escobar

La visione orientale del presidente Raisi ha contribuito a far avanzare il collegamento strategico Mosca-Teheran-Pechino e a tracciare un percorso verso l’istituzionalizzazione del multipolarismo.

In mezzo alla tristezza e al dolore per la perdita del presidente Raisi, prendiamoci un momento per far luce sul percorso critico che questi ha contribuito a tracciare verso un nuovo ordine mondiale.

Per quasi tre anni, da quando il presidente Raisi ha assunto la presidenza iraniana, l’integrazione eurasiatica e il movimento verso il multipolarismo sono stati fondamentalmente guidati da tre attori principali: Russia, Cina e Iran.
Questi tre attori non a caso sono le tre principali “minacce esistenziali” al potere egemonico.

Domenica scorsa, alle 22, a Mosca, il presidente russo Vladimir Putin ha invitato l’ambasciatore iraniano a Mosca, Kazem Jalali, a partecipare a un incontro improvvisato con la crème de la crème della squadra di difesa russa.

L’invito è andato ben oltre la miope congettura dei media sul fatto che la morte prematura del presidente iraniano sia dovuta a un “incidente accidentale” o a un atto di sabotaggio. È il frutto dell’instancabile lavoro di Raisi per posizionare l’Iran come una nazione che guarda a est, forgiando coraggiosamente alleanze strategiche con le principali potenze asiatiche e ammorbidendo le relazioni di Teheran con gli ex nemici regionali.

Aumento dell’integrazione eurasiatica
Torniamo a quel tavolo della domenica sera a Mosca. Erano presenti tutti, dal ministro della Difesa Andrei Belousov al segretario del Consiglio di sicurezza Sergei Shoigu, dal capo di stato maggiore generale Valery Gerasimov, dal ministro per le situazioni di emergenza Aleksandr Kurenkov e dall’assistente speciale del presidente Igor Levitin.

Il messaggio principale trasmesso è che Mosca sostiene Teheran. La Russia sostiene pienamente la stabilità e la continuità del governo in Iran, che è già pienamente garantita dalla costituzione iraniana e dalle sue disposizioni dettagliate per una transizione pacifica del potere, anche in circostanze insolite.

Ora che siamo immersi in una modalità di guerra ibrida a tutto campo – al limite della guerra calda – su gran parte del pianeta, non potrebbe essere più ovvio che tre stati-civiltà stiano plasmando un nuovo sistema di relazioni internazionali.

Putin con Raisi

La Russia, l’Iran e la Cina (RIC) sono già legati da partenariati strategici bilaterali e globali; sono membri dei BRICS e dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO), e il loro modus operandi è stato completamente svelato all’intera maggioranza globale al vertice cruciale tra Putin e il presidente cinese Xi Jinping, tenutosi a Pechino la scorsa settimana.

Insomma, nessuna delle tre potenze asiatiche permetterà che gli altri partner vengano destabilizzati dai soliti noti.

Un discorso brillante
Il defunto presidente Raisi e il suo diplomatico di punta, il ministro degli Esteri Hossein Amir-Abdollahian, lasciano un’eredità stellare.

Sotto la loro guida, l’Iran è diventato un membro dei BRICS, un membro a pieno titolo della SCO e uno dei principali stakeholder dell’Unione Economica Eurasiatica (EAEU). Queste sono le tre principali organizzazioni multilaterali che stanno aprendo la strada al multipolarismo.

Il nuovo slancio diplomatico dell’Iran ha raggiunto i principali attori arabi e africani, dall’Arabia Saudita, al Kuwait e all’Egitto, alla Libia, al Sudan e a Gibuti. Per la prima volta, Teheran ha condotto un’operazione militare sofisticata e su larga scala contro Israele, lanciando una raffica di droni e missili dal territorio iraniano.

Missili iraniani contro Israele

Le relazioni tra Iran e Russia hanno raggiunto un livello più alto in termini di cooperazione commerciale e politico-militare. Due anni fa, Putin e Raisi hanno concordato un trattato bilaterale globale. La bozza del documento di base è ora pronta e sarà firmata dal prossimo presidente iraniano, ampliando ulteriormente il partenariato.

Come mi ha detto un membro di una delegazione iraniana l’anno scorso a Mosca, quando ai russi è stato chiesto cosa ci potesse essere sul tavolo, hanno risposto: “Potete chiederci qualsiasi cosa”. E viceversa.

Così, tutte le variazioni interconnesse del cambiamento strategico “Guardando a est” di Raisi, insieme al precedente “pivot to Asia” della Russia, vengono affrontate da Mosca e Teheran.

Il Consiglio dei ministri degli Esteri della SCO si riunirà ad Astana martedì e mercoledì per preparare il vertice di luglio, di cui la Bielorussia diventerà membro a pieno titolo. Fondamentalmente, il gabinetto dell’Arabia Saudita ha anche approvato la decisione di Riyadh di aderire alla SCO, probabilmente il prossimo anno.

La continuità del governo iraniano sarà pienamente rappresentata ad Astana dal ministro degli Esteri ad interim, Ali Bagheri Kani, che era il numero due di Amir-Abdollahian. Si prevede che salirà immediatamente sul palco insieme al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e al suo omologo cinese Wang Yi per discutere del percorso multipolare a più livelli.

Una dichiarazione congiunta ipersonica
La carta generale di ciò che comporta un nuovo sistema è stata rivelata la scorsa settimana allo storico vertice Putin-Xi attraverso una sbalorditiva dichiarazione congiunta di 10 capitoli, lunga più di 12.000 parole, in cui il termine “cooperazione” appare non meno di 130 volte.

Questo documento può essere giustamente interpretato come un manifesto ipersonico congiunto che frantuma l’artificiale “ordine internazionale basato sulle regole” di Washington.

Questa sezione è particolarmente degna di nota:

«Tutti i paesi hanno il diritto di scegliere autonomamente i loro modelli di sviluppo e i loro sistemi politici, economici e sociali in base alle loro condizioni nazionali e alla volontà dei loro popoli, di opporsi all’ingerenza negli affari interni di paesi sovrani, di opporsi alle sanzioni unilaterali e alla “giurisdizione a braccio lungo” senza una base giuridica internazionale o l’autorizzazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e di opporsi all’istituzione di linee di divisione ideologiche. Entrambe le parti hanno sottolineato che il neocolonialismo e l’egemonismo sono totalmente contrari alla tendenza attuale e hanno chiesto un dialogo paritario, lo sviluppo di partenariati e la promozione degli scambi e dell’apprendimento reciproco tra le civiltà.

L’Iran, che è stato sanzionato a morte per più di quattro decenni, sta ora imparando direttamente dalla Cina e dalla Russia i loro sforzi per distruggere le narrazioni di “disaccoppiamento” e l’effetto di uno tsunami di sanzioni occidentali sulla Russia.

Belton Road Mappa

Ad esempio, una serie di corridoi ferroviari Cina-Europa è ora utilizzata principalmente per spedire merci cinesi in Asia centrale e riesportarle in Russia.

Tuttavia, questo boom economico è accompagnato da un aumento dei colli di bottiglia logistici. Praticamente tutti i porti europei si rifiutano di movimentare merci da o verso la Russia. E i più grandi porti russi continuano ad avere problemi: Vladivostok non ha la capacità di ospitare grandi navi da carico, mentre San Pietroburgo è molto lontana dalla Cina.

Per questo motivo, il capitolo 3 della dichiarazione congiunta Russia-Cina pone particolare enfasi sulla “cooperazione nei porti e nei trasporti, anche attraverso lo sviluppo di più rotte logistiche”, l’approfondimento della cooperazione finanziaria, “anche aumentando la quota della valuta locale nei servizi finanziari” e il rafforzamento della cooperazione industriale, “Soprattutto in settori strategici come la costruzione di automobili e barche, la fonderia di metalli e i prodotti chimici”.

Tutto ciò vale anche per la cooperazione tra Russia e Iran, ad esempio razionalizzando il Corridoio internazionale di trasporto nord-sud (INSTC), in particolare da Astrakhan nel Mar Caspio ai porti iraniani, e poi dalle strade verso il Golfo Persico.

Il ministro degli Esteri iraniano Bagheri Kani aveva precedentemente osservato che grazie alla “situazione geopolitica eccezionale” dell’Iran, che gli consente di raggiungere l’Asia occidentale, il Golfo Persico, la regione del Mar Caspio e l’Eurasia più ampia, l’Iran può contribuire alla “crescita economica e al potenziale economico” di tutti gli attori della regione.

La visita di Putin in Cina la scorsa settimana includeva una visita ad Harbin, la principale città nel nord-est del paese, che ha stretti legami geografici e storici con la Russia. Una gigantesca mostra Cina-Russia ha attirato più di 5000 aziende commerciali. Non è esagerato immaginare una mostra Russia-Iran di pari successo in un porto del Mar Caspio.

Progetto Promethean
Ciò che collega Russia, Cina e Iran è soprattutto un quadro emergente progettato da Stati sovrani di civiltà. La morte del presidente Raisi non cambierà questa visione d’insieme.

Siamo nel bel mezzo di un lungo processo in un ambiente che è stato condizionato per decenni dal dolore e dalla paura. Questo processo è cresciuto considerevolmente negli ultimi anni, a partire dal lancio ufficiale delle Nuove Vie della Seta nel 2013.

Le Nuove Vie della Seta e la Belt and Road Initiative (BRI) sono un progetto prometeico che è tanto geopolitico quanto geoeconomico. Allo stesso tempo, il ruolo della SCO come meccanismo di cooperazione economica si è gradualmente sviluppato. Ancora una volta, l’Iran è un membro di spicco della BRI, della SCO e dei BRICS.

Dopo il colpo di stato di Maidan in Ucraina nel 2014, il partenariato strategico Russia-Cina ha iniziato davvero ad accelerare. L’Iran ha rapidamente venduto quasi tutta la sua produzione petrolifera alla Cina e si è posto sotto la protezione dell’ombrello nucleare cinese.

Poi l’Impero è stato umiliato in Afghanistan. E l’operazione militare speciale in Ucraina nel febbraio 2022. E l’espansione dei BRICS su un territorio precedentemente occidentale nel Sud del mondo.

Durante la sua memorabile visita a Mosca nella primavera del 2023, Xi ha detto a Putin che si sarebbero verificati “cambiamenti che non si vedevano da cento anni” e che entrambi avrebbero dovuto essere al timone di questi inevitabili cambiamenti.

Questo è esattamente il cuore delle discussioni della scorsa settimana a Pechino.

Il bombardamento da parte dell’Iran del territorio israeliano ultra-protetto con perfetta precisione – in risposta a un attacco terroristico al suo consolato diplomatico in un paese terzo – ha inviato un messaggio chiaro e rivoluzionario che è stato perfettamente compreso dalla maggioranza globale: il potere dell’egemone in Medio Oriente sta volgendo al termine.

La perdita del Rimland è un anatema per una geopolitica perfettamente americana. Ha bisogno di riprendere il controllo, perché sa quanto sia importante.

Nuova direzione
L’angelo della storia, tuttavia, punta in una nuova direzione: alla Cina, alla Russia e all’Iran come governanti naturali che modellano il riemergere dell’Heartland.

Concretamente, questi tre sovrani hanno il livello epistemologico, la volontà, la creatività, le capacità organizzative, la visione e gli strumenti di potere necessari per realizzare un vero progetto prometeico.

Può sembrare un miracolo, ma gli attuali leader dei tre Stati condividono questa comprensione e questo sforzo comuni.

Ad esempio, cosa c’è di più allettante della possibilità di vedere l’ex negoziatore nucleare Saeed Jalili diventare il prossimo presidente dell’Iran, insieme al nuovo ministro degli Esteri Ali Bagheri Kani? In passato, Jalili era considerato troppo “duro” per i palati occidentali, ma l’Occidente non ha più molta importanza su queste sponde.

Dopo la grande svolta del presidente Raisi verso est e il multipolarismo, lontano dall’incursione sbagliata e fallita dell’ex presidente “riformista” iraniano Hassan Rouhani a ovest, Jalili potrebbe essere il candidato giusto per la prossima fase dell’Iran. E oh, che aggiunta perfettamente affascinante sarebbe al duo Xi-Putin .

Pepe Escobar

Fonte: thecradle.co

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Raisi ha guidato la carica per il “nuovo ordine mondiale” Russia-Iran-Cina

  1. Queste tre figure d’ altissimo livello, che hanno portato le loro nazioni da uno status mediocre ai massimi vertici del potere mondiale, sono amati dai rispettivi popoli ed il sentimento e’ ricambiato. Cosa che non accade nei paesi della sfera Americo – UE da intere decadi. Solo questo spiega la vera differenza tra l’ ordine politico Nato e quello dei Brics. Altro che fuffate sulla presunta superiorità democratica!

  2. Articolo scritto con passione da Pepe Escobar. Mi è piaciuta la sua definizione “i tre stati-civiltà”. Sono per me I Tre Imperi, il Triumvirato.
    Le vere élite del Triumvirato sono modeste, serie, oneste, populiste, e competenti. A differenza dei rozzi padroni dell’occidente, che odiano i loro stessi Popoli !!!!!! Povero ovest guidato dalle forze del male immonde e imbecilli.

  3. L’enorme potere centrifugo della Cina, con la sua colossale capacità industriale e tecnologica, sta facendo da nuovo polo gravitazionale delle linee di gestione e trasferimento dell’economia mondiale, la plurimillenaria capacità delle oligarchie ebraiche di gestire il movimento di merci e capitali sulla lunga distanza è ormai scomparso, la loro antica centralità dovuta all’esclusiva di avere grandi capitali, relazioni ovunque e una popolazione alfabetizzata è stata annullata dai circuiti telematici e dall’alfabetizzazione globale di massa.
    L’idea ebraica del mondo liquido e senza frontiere, dove uomini, merci e capitali so potevano muovere senza ostacoli indistintamente, si è scontrato con il principio opposto delle grandi nazioni centralizzate con enormi risorse e capacità produttive, e altamente coese ed identitarie, e ha perso.
    Volevano spacchettare la Russia ma forse finirà spacchettato prima il Canada, in gravissima crisi economica, dove in ogni provincia è al governo un partito diverso, dove ad esempio l’Alberta vuole entrare negli USA, il Quebec vuole l’indipendenza, il Manitoba ha un premier indigeno e la British Columbia guarda all’Asia.
    Gli stessi USA sono sempre meno compatti, solo la tetragona volontà totalitaria antibianca e anticristiana della esangue minoranza giudaica li tiene insieme, se vanno in bancarotta gli ebrei sfolleranno raminghi per tutto il mondo e gli USA si sfalderanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM