Raisi a Pechino: i piani strategici Iran-Cina corrono a pieno ritmo

di Pepe Escobar

La visita di Raisi a Pechino, la prima di un presidente iraniano in 20 anni, rappresenta il “perno a est” di Teheran e il riconoscimento da parte della Cina della centralità dell’Iran nei suoi piani BRI.

La visita del presidente iraniano Ebrahim Raisi a Pechino e il suo incontro faccia a faccia con il suo omologo Xi Jinping è un evento rivoluzionario sotto più di un aspetto.

Raisi, primo presidente iraniano a visitare ufficialmente la Cina in 20 anni, era a capo di una delegazione politica ed economica di altissimo livello, tra cui il nuovo governatore della Banca Centrale e i ministri dell’Economia, del Petrolio, degli Esteri e del Commercio .

Il fatto che Raisi e Xi abbiano supervisionato congiuntamente la firma di 20 accordi di cooperazione bilaterale che spaziano dall’agricoltura, commercio, turismo e protezione ambientale alla salute, soccorso in caso di calamità, cultura e sport, non è nemmeno la cosa principale da ricordare.

La cerimonia di suggellamento del partenariato strategico globale tra Iran e Cina, avvenuta questa settimana, segna un importante sviluppo nel campo del multipolarismo: due stati sovrani – legati anche da partenariati strategici con la Russia trasmettono alle loro platee nazionali, oltre che al Sud del mondo, la loro visione di un 21° secolo più equo, equilibrato e sostenibile che ignora completamente i dettami occidentali.

Pechino e Teheran hanno stabilito la loro prima partnership strategica globale durante la visita di Xi in Iran nel 2016, appena un anno dopo la firma del Piano d’azione globale congiunto (JCPOA), o accordo sul nucleare iraniano.

Nel 2021, Pechino e Teheran hanno firmato un accordo di cooperazione di 25 anni che ha tradotto la partnership globale in sviluppi economici e culturali concreti in diversi settori, tra cui energia, commercio e infrastrutture. A quel tempo, non solo l’Iran (per decenni), ma anche la Cina era l’obiettivo delle sanzioni unilaterali statunitensi.

Ecco un’analisi relativamente indipendente delle sfide e delle prospettive dell’accordo di 25 anni. Ed ecco una prospettiva illuminante dal vicino Pakistan, partner strategico anche della Cina.

Iran: tutto va modernizzato
Pechino e Teheran stanno già collaborando attivamente alla costruzione di alcune linee della metropolitana di Teheran, della linea ferroviaria ad alta velocità Teheran-Isfahan e, ovviamente, di progetti energetici congiunti. Il gigante tecnologico cinese Huawei è pronto ad aiutare Teheran a creare un framework per una rete di telecomunicazioni 5G.

Com’era prevedibile, Raisi e Xi hanno insistito sul rafforzamento del coordinamento congiunto all’interno delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO), di cui l’Iran è il membro più recente, nonché solo su un nuovo impulso dalla Belt and Road Initiative (BRI).

Sebbene non sia stata menzionata esplicitamente, la dedollarizzazione del commercio è alla base di tutte queste iniziative, nell’ambito della SCO ma anche del gruppo multipolare dei BRICS. L’Iran è destinato a diventare uno dei nuovi membri dei BRICS+, un passo da gigante che sarà deciso al prossimo vertice in Sudafrica il prossimo agosto.

Secondo alcune stime di Teheran, il commercio annuale tra Iran e Cina potrebbe raggiungere nel medio termine più di 70 miliardi di dollari, il triplo delle cifre attuali.

Quando si tratta di costruire infrastrutture, l’Iran è un partner chiave della BRI. La geostrategia è ovviamente difficile da eguagliare: una costa di 2250 km che comprende il Golfo Persico, lo Stretto di Hormuz, il Mar Arabico e il Mar Caspio – e enormi confini terrestri con Iraq, Turchia, Armenia, Azerbaigian, Turkmenistan, Afghanistan e Pakistan. Tutti i think tank cinesi vedono quanto sia insostituibile l’Iran, non solo in termini di corridoi terrestri della BRI, ma anche della Via della Seta marittima .

Il porto di Chabahar potrebbe essere un importante affare iraniano-indiano, parte dell’International North-South Transport Corridor (INSTC) – e quindi direttamente collegato alla visione indiana di una Via della Seta che si estende fino all’Asia centrale.

Ma gli sviluppatori portuali cinesi hanno altre idee, focalizzate su porti alternativi lungo il Golfo Persico e nel Mar Caspio. Ciò rafforzerà i collegamenti marittimi con l’Asia centrale (Turkmenistan e Kazakistan), la Russia e il Caucaso (Azerbaigian).

E questo ha perfettamente senso se si combina lo sviluppo dei terminal portuali con la modernizzazione delle ferrovie iraniane, fino alla ferrovia ad alta velocità.

Uno sviluppo ancora più rivoluzionario sarebbe che la Cina coordini il collegamento BRI di un corridoio iraniano con il corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC) di 3.200 km già in corso, da Kashgar nello Xinjiang al porto di Gwadar nell’Oceano Indiano.

Esercitazioni congiunte Iran Russia Cina

Questo progetto sembrava perfettamente plausibile quando il primo ministro pakistano Imran Khan era ancora al potere, prima di essere estromesso da un colpo di stato giudiziario. La chiave di tutto questo sforzo è la costruzione di un’infrastruttura tanto necessaria in Balochistan, su entrambi i lati del confine. Da parte pakistana, ciò schiaccerebbe gli “insorti” dell’Esercito di Liberazione del Belucistan, alimentato dalla CIA, ridurrebbe la disoccupazione e affiderebbe lo sviluppo economico al commercio.

Naturalmente, l’Afghanistan entra nell’equazione – sotto forma di un corridoio Cina-Afghanistan-Iran collegato al CPEC. Da settembre 2021 Pechino spiega ai talebani, nel dettaglio, come possono usufruire di un corridoio infrastrutturale – con ferrovia, autostrada e gasdotto – che parte dallo Xinjiang, attraversando il corridoio del Wakhan nell’Afghanistan orientale, attraverso l’Hindu Kush, all’Iran.

Il cuore del multipolarismo
L’Iran è perfettamente posizionato per beneficiare di un boom del trasporto ferroviario ad alta velocità guidato dalla Cina, che lo collegherà alla maggior parte dell’Asia centrale (Kazakistan, Turkmenistan, Tagikistan, Kirghizistan).

Ciò significa, in pratica, connettività cool con un importante hub logistico: la Special Economic Zone (SEZ) di Khorgos, a soli 330 km da Almaty al confine tra Kazakistan e Cina, e a quattro ore da Urumqi, la capitale dello Xinjiang.

Se la Cina avrà successo, sarebbe una sorta di Santo Graal della BRI, che collegherà Cina e Iran attraverso il Kazakistan, il Turkmenistan, l’Afghanistan e il Pakistan. Niente di meno che diversi corridoi in uno.

Tutto questo sta per accadere mentre la rivoluzione islamica in Iran celebra il suo 44° anno.

Quello che sta già accadendo ora, geopoliticamente, e pienamente riconosciuto dalla Cina, potrebbe essere definito come il rifiuto totale di un’assurdità: l’Occidente collettivo che tratta l’Iran come un paria o, nella migliore delle ipotesi, come una sottomessa neo-colonia.

Dopo essersi finalmente consolidate le varie correnti di Resistenza inscritte nella Rivoluzione islamica, sembra che la storia stia finalmente proiettando l’Iran come uno dei poli chiave del processo più complesso in atto nel XXI secolo: l’integrazione dell’Eurasia.

Così, 44 anni dopo la rivoluzione islamica, l’Iran beneficia di partenariati strategici con i tre principali BRICS: Cina, Russia e India.

Probabile che diventi uno dei primi nuovi membri dei BRICS+, l’Iran è il primo stato dell’Asia occidentale a diventare membro a pieno titolo dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO) ed è in procinto di raggiungere un accordo di libero scambio (ALS) con l’Eurasia Unione economica (EAEU).

L’Iran è un importante partner strategico della BRI, guidata dalla Cina, e dell’INSTC, insieme a Russia e India.

Con il JCPOA praticamente morto e tutte le “promesse” occidentali che vanno in pezzi, Teheran sta consolidando il suo perno verso est alla velocità della luce.

Ciò che Raisi e Xi hanno suggellato a Pechino preannuncia la preminenza della Cina in tutta l’Asia occidentale, che Pechino vede come una naturale conseguenza del riconoscimento e del rispetto della centralità regionale dell’Iran.

La strategia iraniana di “guardare a est” non potrebbe essere più compatibile con la BRI, poiché una serie di progetti BRI accelererà lo sviluppo economico dell’Iran e consoliderà il suo ruolo vitale nei corridoi commerciali e nella fornitura di servizi.

Durante gli anni ’80, Teheran è stata governata da una strategia “Né Est né Ovest”, fedele ai principi della Rivoluzione Islamica. Questa strategia si è ora evoluta, in modo pragmatico, verso uno “sguardo a Oriente”. Teheran ha cercato di “guardare a ovest” in buona fede, ma ciò che il governo degli Stati Uniti ha fatto con il JCPOA – dal suo assassinio alla sua “massima pressione” fino alla sua fallita rianimazione – è una grande lezione di storia.

Quello che Raisi e Xi hanno appena dimostrato a Pechino è il percorso sovrano da seguire. I tre leader dell’integrazione dell’Eurasia – Cina, Russia e Iran – sono sulla buona strada per consolidare il nucleo del multipolarismo.

Pepe Escobar

fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM