Quello del 14 Aprile non sarà l’ultimo attacco USA sulla Siria

di Jay Lorenz

I recenti avvenimenti in Siria chiariscono che il ritiro dei neocon dalla guerra non è proprio dietro l’angolo.

Mentre le previsioni del giorno del giudizio si sono dimostrate troppo pessimiste, i recenti bombardamenti in Siria dimostrano che un ritiro degli Stati Uniti non accadrà in tempi brevi. I bombardamenti sono stati limitati per portata ed efficacia, il che significa che le conseguenze immediate sono solo minori. Tuttavia, avendo lanciato oltre 100 missili su una nazione sovrana, non si tratta semplicemente di un fatto marginale: il bombardamento rappresenta un netto aumento del coinvolgimento occidentale in un conflitto regionale instabile che ha il potenziale per sfuggire al controllo.

L’élite guerrafondaia dei neocon USA ha dimostrato di essere completamente sfacciata e di non avere problemi a spingere per la guerra ancora e sempre di più, indipendentemente da un ragionevole casus belli. Ogni volta che Trump si arrende a loro, questi diventano più audaci. Un pericoloso precedente è stato impostato. Gli attori anti-Assad (islamisti e israeliani) sanno che storie non confermate di attacchi di armi chimiche porteranno Trump a lanciare missili per loro conto. In un momento in cui gli Stati Uniti dovrebbero essere ridimensionati e ritirarsi dal Medio Oriente, Washington sta riaffermando il suo ruolo di protettore di Israele e dei gruppi islamici sunniti/slafiti.

E loro non si fermeranno qui. Ogni volta che a Trump verrà chiesto di fare di più, come l’azione precedente, dichiareranno, che lui non ha fatto nulla per contrastare “l’animale assassino” del gas Bashar al- Assad. Cercheranno anche di ampliare il pretesto per i bombardamenti degli Stati Uniti. Subito dopo i bombardamenti, i media mainstream hanno iniziato a chiedersi perché gli Stati Uniti intervengano solo dopo attacchi chimici e non anche contro gli attacchi convenzionali. Dopotutto, donne e bambini muoiono anche per effetto di bombe e proiettili. Mentre è vero che è arbitrario tracciare una distinzione tra attacchi chimici e non chimici, le persone che utilizzano questo argomento sono gli stessi che hanno sostenuto che ci dovrebbe essere una risposta al presunto uso di armi chimiche da parte di Assad l’anno scorso. Il fatto è che l’argomento delle armi chimiche era solo un pretesto per mettere il piede nella porta; queste persone vogliono solo un cambiamento di regime in Siria ed utilizzeranno qualsiasi scusa per ottenerlo.

Il pericolo non si ferma qui. I molti potenti attori del conflitto  rendono questo imprevedibile e significa che potrebbe far scatenare una guerra più ampia. Il nuovo consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton e molti altri che sono all’orecchio del presidente cercano non solo di coinvolgere gli USA in Siria, ma anche di provocare una guerra con l’Iran, uno dei due maggiori sostenitori di Assad. Trump stesso ha usato la retorica aggressiva nei confronti dell’Iran, e questa ultima azione è solo un altro passo in quella direzione.

Forze spaciali iraniane

Il bombardamento ha anche suscitato dure reazioni dalla Russia, la seconda potenza militare più potente al mondo. Questa è solo l’ultima di una lunga serie di provocazioni nei confronti della Russia. Sebbene l’intera struttura di potere di Washington sembri pilotare per questo, un conflitto diretto con la Russia sarebbe una catastrofe. Anche se finora Mosca ha esercitato l’arte della pazienza, ci si chiede quanto possa ancora durare la Russia prima di ricorrere a una seria azione di rappresaglia. L’ambasciata russa negli Stati Uniti ha intensificato la sua retorica dopo l’attacco, dsostenendo in una dichiarazione: “Insultare il presidente della Russia è inaccettabile e inammissibile. Gli Stati Uniti – il possessore del più grande arsenale di armi chimiche – non hanno il diritto morale di incolpare altri paesi. “L’ambasciatore della Russia negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, ha avvertito che” tali azioni non saranno lasciate senza conseguenze “.

Ma il pericolo in Siria va ben oltre le recenti azioni degli Stati Uniti. Il bombardamento risulta effettuato da una coalizione che includeva Francia e Gran Bretagna. Sebbene il loro contributo militare non sia stato significativo, il loro sostegno politico ai bombardamenti mostra un desiderio più ampio in Occidente che la guerra in Siria continui. Ciò sarà significativo in caso di una seria considerazione di una guerra più ampia sul terreno .

L‘attore più pericoloso del conflitto, tuttavia, è Israele. Israele e il lobbismo ebraico/sionista sono le ragioni principali per la partecipazione degli Stati Uniti al conflitto siriano. Ogni altra giustificazione è solo rumore per distrarre dal fatto che le azioni americane in questo conflitto, e la totalità della politica estera degli Stati Uniti in Medio Oriente, è dettata da una nazione che è costantemente in guerra con i suoi vicini.

Mappa forze in Siria

Una Siria nel caos o una senza Assad sono soluzione ideale per Israele in quanto questa cerca di estendere i suoi confini e ridurre gli alleati e l’influenza iraniana nella regione. L’Iran, da parte sua, sta espandendo aggressivamente l’influenza a ovest e ora ha una grande presenza militare in Siria, Iraq e in molti altri posti nella regione. Le forze iraniane vicino al confine Israele-Siria sono state recentemente coinvolte in diversi scontri con gli israeliani. I due paesi hanno ingaggiato un conflitto su piccola scala, tra cui un attacco missilistico israeliano che ha ucciso sette soldati della al- Quds iraniani due settimane fa. Già insoddisfatto degli sviluppi della guerra, Israele ha ora il suo più grande nemico imbaldanzito ed alle sue porte. Con le due maggiori potenze militari nel mondo che sostengono ogni parte di questo conflitto, le conseguenze dell’escalation potrebbero essere devastanti.

I bombardamenti di Trump sulla Siria non sono così pericolosi presi come caso isolato. Tuttavia, quando si adotta una visione a lungo termine, questi rappresentano milioni in più in risorse dilapidate e il potenziale per essere risucchiati in un altro conflitto di terra lungo e su larga scala in Medio Oriente, o peggio. Le paure di guerra per ora sono diminuite, ma il futuro è al meglio incerto perché la politica estera americana è attualmente dettata da gruppi di interesse stranieri e dalle azioni imprevedibili di altre nazioni.

Fonte: Fash the Nation

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • Fabio franceschini
    25 Apr 2018

    Forse. Certo un eventuale nuovo attacco non potrà essere farlocco come i 2 precedenti pena scadere nel ridicolo militare con grave nocumento per la credibilità militare usa . a quel punto vedremo che farà la Russia .pensare che l’America si fermerà perché qualche sito di informazione alternativa o qualche analista indipendente a dimostrare le menzogne .c’è una sola possibilità per fermare gli usa ,e non è detto affatto che basti ,infliggergli un sconfitta militare con un bel po’ di morti.l’unica cosa che gli usa temono o almeno temevano.

  • Mardunolbo
    27 Apr 2018

    Di certo i Serpenti Uniti spinti da Sion, non si fermeranno e cercheranno altre occasioni ed invieranno altra volta altri missili.
    Il problema per loro e’ che ormai la partita e’ scoperta ed e’ pure chiaro quanto valgano i missili Usa ed europei ! Poco ! Se una Siria con difesa missilistica vetusta di 40 anni, anche se aggiornata, ottine la distruzione di 70 missili di attacco, su 103, significa che la tecnologia occidentale fa pena…
    Buon per Russia , Cina , Iran e, in fin dei conti, noi europei che abbiamo capito, seppur in pochissimi, dove sta andando questo mondo occidentale.
    Io mi aspetto , e spero, in un prossimo futuro, ad una prossima mossa idiota Usa, una risposta determinata e pesante russa in modo da far capire che i Serpenti Uniti non comandano piu’ e non possono piu’ dettar legge nel mondo! E penso che avverra’ proprio cio’ e non necessariamente si dovrebbe arrivare ad uno scontro nucleare.

Inserisci un Commento

*

code