Quello che Vladimir Putin non è arrivato al punto di dire

di Phil Butler (*)

Pochi se ne accorgono, ma il gioco di propaganda delle élite occidentali è diventato un randello. Dai titoli degli articoli di giornale agli accattivanti indizi che vediamo in anteprima da Google News, la classe dirigente del mondo occidentale sta martellando la più grande menzogna della storia nel cervello della gente comune del mondo. L’ultima sottile rottura del cranio arriva niente meno che da Foreign Policy Magazine. “La nuova fase della guerra Israele-Hamas”, di cui ho ricevuto notifica tramite la mia casella di posta elettronica, è l’esempio perfetto. È tempo di esaminare chi ha esattamente il controllo della macchina da guerra americana e quali sono gli obiettivi finali.

Nell’articolo sopra, i redattori di FP riescono a raccogliere le migliaia di litri di sangue che fuoriescono dalle macerie di Gaza, staccando Israele e Hamas dalle operazioni che uccidono innocenti. Per coloro che non riescono a vederlo, questa guerra sta ora sviluppando le proprie strategie, attacchi mortali e le fasi di ciascuno, secondo i pensatori di Washington. È un’entità vivente. È come se la responsabilità dello sterminio dei palestinesi, per arrivare ad un numero relativamente esiguo di assassini di Hamas, non fosse di Bibi Netanyahu o Ismail Abdel Salam Ahmed Haniyeh, ma di qualche miracolosa forza invisibile. Lo vedi adesso, vero?

Nel frattempo, il presidente russo Vladimir Putin afferma che dietro la più grande calamità del Medio Oriente dai tempi della Primavera Araba ci sono l’America e il resto dell’Occidente. Tuttavia, per una volta, sembra che Putin stia trattenendo chi siano i veri autori. Il presidente russo ha detto in un pubblico televisivo in Russia che le “élite dominanti degli Stati Uniti” e i loro “satelliti” stanno dietro l’uccisione dei palestinesi di Gaza e dietro i conflitti in Ucraina, Afghanistan, Iraq e Siria”. La maggior parte degli analisti interpreta erroneamente i commenti di Putin nel senso che dietro tutto questo sanguinoso pasticcio c’è Washington.

Putin ha ragione nella sua valutazione, ma non sono i think tank di Washington e i tecnocrati di Menlo Park a gestire questo nuovo tipo di fascismo. “Gli Stati Uniti sostengono la nuova fase omicida di Israele” nella storia di FP, ma gli Stati Uniti non gestiscono nulla in Medio Oriente. I sionisti di tutto il mondo sono coloro che gestiscono questi eventi. Certo, gli Stati Uniti e i loro alleati stanno dietro le quinte, aspettando che le truppe di Bibi entrino nella prigione a cielo aperto di Gaza. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant, ex capo del comando centrale americano, generale Joseph L. Votel, lamenta il lavoro “sanguinoso” di estrarre Hamas dalla rete di tunnel sotto Gaza. Le “élite” di cui parla il presidente Putin non sono magnati delle aziende informatiche dalla pelle pallida.

È ora che il mondo smetta di girare in punta di piedi attorno ai fatti. Persino Putin si produce a nominare la classe dirigente israeliana e la rete di sionisti nel mondo per le massicce distruzioni e uccisioni a cui abbiamo assistito in tutto il Medio Oriente e per gli “sforzi di crescita” in Europa, Asia, Africa e America Latina. Il presidente Biden ha preso la decisione storica di creare la strategia nazionale per contrastare l’antisemitismo . (Annuncio della Casa Bianca)

Ora, pensaci per un momento. Chi ha il tipo di influenza necessaria per costringere i presidenti degli Stati Uniti a categorizzare opinioni, pensieri ed espressioni? È interessante notare che l’ex presidente Donald Trump ha emesso un ordine esecutivo che aggirava il Titolo VI del Civil Rights Act del 1964. In questo ordine, l’amministrazione Trump ha tentato di definire il pensiero e il discorso contro le ideologie e le azioni dell’ebraismo sionista come parte della legge statunitense progettata per fermare la discriminazione. in base alla razza, al colore o all’origine nazionale di una persona. Il rapporto di Trump con la gerarchia israeliana e le sue azioni nei confronti degli apparenti nemici dei sionisti dimostrano un’indebita influenza da parte di Israele sulla politica americana. Usando il nome “Israele” non intendo il popolo ebraico. E ora Israele si è mosso per annientare i palestinesi a Gaza. Questo passaggio della nuova strategia di Biden dovrebbe servire:

“Ogni agenzia oggi sta chiarendo i modi in cui il Titolo VI copre la discriminazione sulla base di origini condivise o caratteristiche etniche, comprese alcune forme di antisemitismo, islamofobia e forme correlate di pregiudizi e discriminazione”.

Non molti esperti hanno preso atto di questo punto di transizione. Nessuno che io conosca nei media mainstream o nei think tank osa insinuare che le élite sioniste siano dietro gran parte del conflitto e delle malefatte che si verificano oggi nel mondo. Ma il proverbiale gatto è fuori dal sacco. Quando Joe Biden Benjamin Netanyahu e il suo gabinetto di guerra hanno parlato durante la sua visita in Israele , il traballante leader americano li ha assicurati: “Non credo che tu debba essere ebreo per essere sionista, e anche io stesso sono un sionista”. Ripetilo nella tua testa più volte.

Quindi, torniamo al sionista convertito Louis Brandies, che divenne giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1916. (S. Hassan · 2016) A partire dagli anni di Wilson, e principalmente dopo la seconda guerra mondiale, un’alleanza imperialista tripartita tra Gran Bretagna, Stati Uniti e sionismo mondiale . Alla fine, questo triangolo di errori li ha costretti ad accettare accordi reciproci e ad abusi del diritto internazionale riguardante la Palestina. (Rateb Sweiti – 2008) Nel 1996, il Washington Post ha pubblicato un capitolo tratto da “Jewish Power: Inside the American Jewishestablishment” di JJ Goldberg . Il capitolo riassume ciò che rappresentavano i sionisti americani tre decenni fa.

“Dal Vaticano al Cremlino, dalla Casa Bianca a Capitol Hill, i promotori e gli agitatori del mondo vedono gli ebrei americani come una forza da non sottovalutare”.

Non molti tra i lettori di questo rapporto ricorderanno l’emendamento Jackson-Vanik, approvato dal Congresso nel 1974. La legge conferiva alla lobby ebraica negli Stati Uniti un potere di veto virtuale sulle relazioni commerciali USA/URSS. La legge è rimasta in vigore anche dopo la caduta del muro. Il trattamento sovietico/russo degli ebrei all’interno dei suoi confini era parte dell’accordo. Allora, e anche adesso, chiunque menzionasse il potere ebraico in America era (è) considerato un antisemita. Che incredibile muro di protezione. E ora, tutti i principali media, molte banche chiave, Wall Street e i mercati da Anversa all’Australia sono di proprietà o profondamente influenzati da queste “élite sioniste” di cui Putin è reticente a parlare liberamente.

“Tu sai molto bene, e gli stupidi americani lo sanno altrettanto bene, che controlliamo il loro governo, indipendentemente da chi siede alla Casa Bianca. Vedi, io lo so e tu lo sai che nessun presidente americano può essere nella posizione di sfidarci anche se facciamo l’impensabile. Cosa possono farci (gli americani)? Controlliamo il Congresso, controlliamo i media, controlliamo il mondo dello spettacolo e controlliamo tutto in America. In America puoi criticare Dio, ma non puoi criticare Israele”.

Nel 2009, sei società di proprietà ebraica controllavano il 96% dei media mondiali. L’affermazione di cui sopra, tratta dal libro “Kosovo Knot” di Petar V. Grujić, supporta le mie conclusioni qui. Una tale mentalità, da parte di un portavoce israeliano, indipendentemente da quanto isolato, illustra l’esistenza di un indebito controllo sionista nelle stanze del potere e degli affari in America. Per scavare più a fondo nel postulato che ho scritto qui, studiate una società chiamata Zapata Petroleum Corporation, l’ex presidente George HW Bush, un miliardario ebreo di nome Avram Glazer e gli accordi commerciali con la CIA. Per i veramente ambiziosi, rintracciate i sionisti più influenti in ogni settore. Una scorciatoia per scoprire le autentiche “élite” di Putin è disponibile tramite Wikipedia e i promotori ebraici della finanza .

Netanyahu con Biden

So che alcuni leggendo questo inneggeranno “antisemita” perché il peso delle mie affermazioni si fa sentire. Spero solo che tutti noi possiamo capire che l’ antisemitismo consiste nell’ostilità o la discriminazione contro gli ebrei come gruppo religioso o razziale. Questo non fornisce una chiara comprensione e rivelazione del potere indebito e spesso diabolico che un segmento del gruppo esercita su una moltitudine molto, molto più ampia: l’umanità. Una piccola frazione, all’interno di un minuscolo gruppo religioso/sociale, governa gli Stati Uniti. E attualmente li stanno gettando a terra. A livello personale, non riconosco gli ebrei come una razza separata e credo che il loro Dio, il Dio delle altre religioni, sia lo stesso Dio che conosco.

*Phil Butler, è un investigatore e analista politico, un politologo ed esperto dell’Europa dell’Est, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Fonte: Journal Neo

Traduzione: Luciano Lago

Nota: Le opinioni espresse nell’articolo sono esclusivamente dell’autore e possono non coincidere con quelle della Redazione.

5 commenti su “Quello che Vladimir Putin non è arrivato al punto di dire

  1. Tutti possono credere al dio che vogliono, gli ebrei Tutti sono cittadini dello stato dove vivono quindi israeliani americani,tedeschi ecc., invocano l’antisemitismo è falso lo dicono per fare guerre ad altri stati è una barzelletta che si raccontano e la smettano di combattere i palestinesi vogliono solo il loro stato.

  2. Penso che oltre a contare moltissimo in America i sionisti contino moltissimo pure in Russia. Ricordo Putin qualche anno fa insieme a Netanyau sfilare insieme il giorno della parata della vittoria. Qualcosa vorrà dire.

    1. Certamente a trarre beneficio dalla sconfitta del nazismo sono stati i sionisti, ma si sono rafforzati anche coloro che, come l’URSS e altri, puntavano ad un modello di società non dominata da oltranzisti liberisti e mercati finanziari. Di sicuro gli anglo americani speravano che terzo reich e URSS si distruggessero a vicenda, sia per emergere come unici vincitori, che per liberarsi da un pericoloso precedente storico (URSS) che potenzialmente poteva accerchiarli. E ora, nonostante la fine dell’URSS e del patto di Varsavia, la liberazione della maggior parte dei paesi del mondo (ognuno con diversi modelli di economia, cultura, religione) dalla dittatura liberista, sta procedendo sempre più spedita. Si profila sempre più chiaramente un mondo che vede 1 miliardo (occidente, anglo americani e sionisti) contro 7 miliardi, tutti potenzialmente nemici del distruttivo modello di società che domina l’occidente e pretende di dominare il mondo !

  3. La piovra … alcune famiglie di ebrei dal 1600 hanno fornito i servigi di tesorieiri a papi imperatori e re … hanno ottenuto il monopolio nel raccogliere il denaro e nei prestiti ad interesse …. dal 1800 son divenuti più potenti dei re e dei governi nazionali … oggi hanno tutte le monete e il denaro fiat dell’ occidente nelle loro mani … ciò ha comportato la distruzione economica e psichica del mondo occidentale … la natura si guarisce da sola e tende ad eliminare i parassiti in eccesso evolvendosi per selezione delle specie infette … una salvezza per Russia Iran Cina e Brics+ sono state le sanzioni e la distanza dal mondo occidentale ormai infetto e sterile …

  4. Arabi ed Ebrei sono convissuti in pace per migliaia di anni nei medesimi territori in Palestina .
    Quello che sta avvenendo in Medio Oriente , è la continuazione di conflitti tra popolazioni Semite , originarie della Palestina sia di cultura Ebraica che Araba , contrapposte a popoli Ariani di origine nord europea , denominati Ashkenaziti , da cui ebbe origine l’ideologia del Nazismo e più avanti quello del Sionismo , entrambi movimenti politici .
    Popolazioni che fondarono un grande impero tra i più ricchi ed avanzati del mondo , denominato “ Grande Tartaria “ , scomparsa dai libri di storia un secolo fa .
    Come tante altre cose .
    Imparentati con la nobiltà Europea e fondatori delle più grandi banche mondiali , ora controllano ogni iniziativa economica e politica nel mondo , finanziando ogni tipo di guerra da Napoleone a Garibaldi , da Hitler a quelle più recenti .
    Dissolto l’impero della “ Grande Tartaria “ ad opera dall ’Impero Russo , si dispersero in ogni parte del mondo e solo nei primi del 900 , individuarono come paese ideale , la Palestina inventando poi dal nulla , con la partecipazione Europea e Nord Atlantica , nel 1948 lo Stato di Israele .
    L’Olocausto nazista contro gli Ebrei di origine semita è stato perpetrato e finanziato da Ashkenaziti , in una sorta di regolamento dei conti o pulizia etnica , che continua tuttora con il Popolo Palestinese .
    Essere Ebreo non è essere Sionista ( Ashkenazita ) ed i termini di semitismo e sionismo , sono termini contrapposti .
    L’Islam o qualsiasi altra religione nel mondo ha il medesimo significato esoterico , adattato a culture diverse .
    Il resto è solo propaganda politica di parte , usata per fini economici e condita da false rappresentazioni .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM