Quando la verità è morta e sepolta – Resuscitare la logica


di Phil Butler (*)
Se leggete la propaganda mainstream occidentale in questi giorni, scoprirete che la verità è nascosta così in profondità che nessun archeologo potrebbe portarla alla luce. Un esempio calzante è una pista nascosta in un articolo del New York Post che suggerisce che la Russia abbia piani segreti per colpire duramente la NATO nei prossimi mesi.

Secondo Chris Nesi del Post, documenti segreti trapelati e rilasciati dal quotidiano tedesco BILD raccontano che l’Europa si sta preparando affinché Vladimir Putin espanda la sua operazione militare in Ucraina e attacchi i paesi alleati della NATO l’anno prossimo. Se i lettori prendessero in considerazione il titolo e un’immagine acuta che illustra il presunto piano diabolico di Putin, avreste ragione a rifornire i rifugi antiaerei nel Wisconsin e in Lussemburgo.

Fortunatamente, la storia di Nesi è del tutto fuorviante. Ciò suggerisce che la BILD sia entrata in possesso dei piani segreti russi, opportunamente classificati come un “complotto” per sembrare più sinistri, quando in realtà i generali tedeschi progettarono di far uscire la Terza Guerra Mondiale come una partita a scacchi. Il super investigatore del New York Post ha aspettato fino alla fine dell’articolo per dire ai lettori la verità su questi “piani”. Ecco il passaggio.

“Mentre i piani ottenuti dalla BILD rappresentano uno scenario potenziale preparato dai generali dell’esercito tedesco, gli alleati europei prendono sul serio la minaccia della Russia e si stanno preparando di conseguenza”.

Il problema più grande con queste storie fuorvianti è l’effetto a valle dei principali mezzi di comunicazione, e dei loro cugini tabloid, che diffondono le bugie a un pubblico più ampio. Iona Cleave di The Sun ha intitolato la sua versione “CONTO ALLA ROVESCIA PER IL CONFLITTO Il ‘piano passo passo di Putin per portare l’Occidente sull’orlo della terza guerra mondiale’ rivelato in un documento di intelligence trapelato… inclusa la data del ‘Giorno X’ nel 2025.”

In questo caso, il filo conduttore della storia non è semplicemente sepolto. Viene cremato e disperso nell’aria digitale prima della pubblicazione da parte del tabloid. Eppure, gli acquirenti di generi alimentari a Londra ed Edimburgo colgono le sorprendenti rivelazioni su “X-Day” mentre aspettano in fila alla cassa. La campagna contro Putin, l’”uomo cattivo” continua, e il cittadino comune si chiede cosa farà il suo governo per proteggerlo.

Minaccie di Medvedev di colpo nucleare se la Russia viene attaccata da missili della Nato nelle sue basi

Poi la narrazione arriva agli uomini d’affari curiosi tramite Banking News: “La Gran Bretagna invia 20.000 soldati per una gigantesca esercitazione NATO contro la ‘minaccia Putin’”. Mail Online va oltre citando l’ex capo delle forze NATO in Europa, il tenente generale in pensione Ben Hodges, assicurando ai lettori che la “trama” è reale. Così, la cosiddetta guida passo passo del Ministero della Difesa tedesco viene abilmente trasformata in un annoiato gioco di costruzione di scenari per ufficiali di stato maggiore seduti in poltrone di pelle da qualche parte sotto la Porta di Brandeburgo in un’autentica strategia di Putin per conquistare l’Europa.

Al giorno d’oggi i media non sono l’unico canale della russofobia. Leader di stato come Rishi Sunak, primo ministro del Regno Unito, affermano che i russi non si fermeranno ai confini dell’Ucraina. Il presidente americano Joe Biden ha avvertito il mio popolo che se Putin dovesse vincere sull’Ucraina, la Russia attaccherà un paese della NATO. E i servitori del conflitto continuo per l’Ordine Liberale sono presenti in forze nel mondo accademico, negli affari, nel circuito delle ONG e dei think tank. Un ottimo esempio è il colonnello in pensione Hamish de Bretton-Gordon, che è entrato nel circuito dei media e della propaganda per vendere più maschere antigas e copricapi militari tramite società a cui è affiliato, ha detto al Telegraph: “Putin potrebbe essere sul punto di lanciare un assalto apocalittico”. Per chi non lo conoscesse, il colonnello Hamish Stephen de Bretton-Gordon ha comandato il battaglione di reazione rapida CBRN della NATO tra il 2005 e il 2007. Si trovava nel posto giusto nel periodo in cui all’America venne introdotta l’idea post-11 settembre di una “guerra al terrorismo”. ” In seguito guidò un’azienda che traeva profitto dalle profezie apocalittiche sue e di altri analisti. Quando i progetti di cambio di regime arrivarono in Siria, fu il buon colonnello a “informare” la Camera dei Comuni e il pubblico in attesa della BBC del presunto uso di armi chimiche da parte di Assad sul suo popolo. Bretton-Gordon e molti altri addestrati dalle spie e dal complesso militare-industriale anglo-americano suonano una melodia continua di crisi e paura.

Truppe Nato in Europa

“La ricettività delle masse è molto limitata, la loro intelligenza è piccola, ma il loro potere di dimenticare è enorme. In conseguenza di questi fatti, ogni propaganda efficace deve limitarsi a pochissimi punti e insistere su questi con slogan finché l’ultimo membro del pubblico non capisca ciò che volete che capisca con il vostro slogan”. – Adolf Hitler

La logica, il sancta sanctorum di questi tempi, sembra perduta quanto l’Arca dell’Alleanza. Chi potrebbe non notare, ad esempio, che la Russia ha assunto una posizione difensiva per salvare la vita dei suoi soldati e di innumerevoli civili nelle città ucraine come Kiev, Karkhov e Dnipro? Con quasi mezzo milione di soldati tenuti in riserva e con le forze ucraine decimate, perché i russi non sono già riusciti a superare i punti deboli sulla strada verso il fiume Dnepr? E che dire dei miliardi e miliardi in armi e denaro che gli stati occidentali hanno perso per una causa impossibile?

L’ultimo conteggio delle attrezzature ucraine distrutte dall’inizio dell’operazione racconta la vera storia. Finora, i russi hanno messo fuori combattimento quasi 600 aerei da guerra ucraini, 265 elicotteri, quasi 11.000 UAV, 450 sistemi SAM, 14.645 carri armati e veicoli blindati, 1.202 sistemi di lancio di razzi, 7.750 pezzi di artiglieria e 17.507 veicoli militari speciali. Esperti imparziali stimano il numero dei morti in Ucraina tra i 400 e i 500mila combattenti. E il numero dei feriti sicuramente supera ormai il milione.

E infine, ricordiamoci che i media occidentali controllati dalle elite, i politici e i cosiddetti esperti ci dicono ormai da anni che la Russia era finita. Le sanzioni, l’oleodotto fatto saltare e il deposito di armi e denaro a Zelenskyj avrebbero dovuto indebolire la Russia. Questa non è la verità. La Russia è più vitale ora che mai dagli anni ’80, militarmente ed economicamente.

Missili russi puntati sulle basi Nato

Questo indica un altro punto di logica perduta. Perché la Russia dovrebbe voler prendere il controllo degli stati protetti dalla NATO? L’Europa è un continente consumista. È lì che un miliardo di persone hanno bisogno di essere nutrite, non un granaio per le buone famiglie russe. Non c’è nulla in Europa di cui la Russia abbia bisogno. È l’Europa, invece, ad avere un disperato bisogno della Russia e degli altri paesi BRICS. Allora, chi sono i più probabili aggressori in tutto questo?

Non credere mai ai loro slogan, soprattutto non alla NATO/buono, alla Russia/cattiva.

*Phil Butler, è un investigatore e analista politico, un politologo ed esperto dell’Europa dell’Est, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Fonte; New Eastern Outlook

Traduzione: Luciano Lago

11 commenti su “Quando la verità è morta e sepolta – Resuscitare la logica

  1. Il richiamo ad Adolf Hitler è quantomeno opportuno, se non altro perché il folle visionario aveva un’idea corretta delle masse e sapeva (con l’aiuto del dottor Goebbels) come manipolarle: poca ricettività e solo per cose molto semplici, come gli slogan pubblicitari e propagandistici, intelligenza mediamente ridotta, considerando che negli ultimi decenni il QI medio è sceso ancora, memoria paragonabile quella di una zanzara tendente ai moscerini del mosto … Ci aggiungerei anche scarsa o nessuna propensione per darsi da fare e capire dove si sta andando, perché ci vuole troppo sforzo.

    In Italia abbiamo esempi illuminanti, macroscopici, di tutto quanto precede.

    Cari saluti

    1. Caro EUGENIO ORSO, il suo commento mi ha strappato un sorriso, per quanto amaro, per quel che riguarda il QI dei nostri simili … divertente e terribilmente vero !

  2. Un passaggio e troppo chiaro per essere inteso dalla massa di iper Ignoranti
    La Russia non ha avuto nessuna intenzione di invadere e conquistare lucraina
    Ma solo l’ignorante fa fatica a recepirlo
    E purtroppo siamo invasi da costoro
    Inoltre l’informazione fa buon uso dell’ignoranza
    Sono sgomento nel guardare un popolo con QI pari a zero

  3. La narrativa di queste persone,è finalizzata a tenere in piedi il cadavere della Nato, ormai in evidente stato di putrefazione

  4. Dietro a tutto questo c’è la Germania che bisogna ridurla ai minimi termini non deve più rompere una volta per tutte è sempre stata pericolosa e scatena guerre.

  5. Ad essere sincero fossi l’ Armata Rossa io avrei già attaccato l’ Occidente. Perlomeno i paesi che forniscono armi gratis all’ Ucraina. Di fatto questi paesi sono già co-belligeranti. E ad essere ancora più sincero vorrei vedere la faccia delle autorità italiane, tedesche, inglesi…difronte a qualche centinaio di cadaveri dei loro soldati o civili. Mi spiego, almeno qui in Italia, piazzale Loreto è sempre dietro l’ angolo.

    1. Questa volta a piazzale Loreto ci devono finire i vari Draghi, Monti e complici vari da destra a sinistra ! Purtroppo i vari Von der Pfizer, Borrel e simili non possiamo giustiziarli … dovrà provvedere qualcun altro !

  6. “L’ultimo conteggio delle attrezzature ucraine distrutte dall’inizio dell’operazione racconta la vera storia. Finora, i russi hanno messo fuori combattimento quasi 600 aerei da guerra ucraini, 265 elicotteri, quasi 11.000 UAV, 450 sistemi SAM, 14.645 carri armati e veicoli blindati, 1.202 sistemi di lancio di razzi, 7.750 pezzi di artiglieria e 17.507 veicoli militari speciali. Esperti imparziali stimano il numero dei morti in Ucraina tra i 400 e i 500mila combattenti. E il numero dei feriti sicuramente supera ormai il milione.”

    Questo ultimo conteggio dovresti dire da dove viene, per affermare che racconta la vera storia.
    Ma, visto che non lo fai te, glielo dico io ai tuoi lettori: dritto dritto dal Ministero della Difesa russo.
    “In totale, dall’inizio dell’operazione militare speciale, sono stati distrutti: 568 aerei, 265 elicotteri, 11.231 veicoli aerei senza equipaggio, 452 sistemi missilistici antiaerei, 14.794 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 1.209 veicoli da combattimento a lancio multiplo sistemi missilistici, 7.861 artiglieria da campo e mortai, nonché 17.878 unità di veicoli militari speciali.”

    Poi, stesso discorso per la stima dei morti. Perché non ci dici da dove viene? Anche perché neanche i bloggers russi danno così tante perdite, neanche la metà. Rybar dichiara 214.000 morti per esempio.

  7. I popoli europei per non sprofondare nella miseria devono rimandare oltremare i guerrafondai anglosassoni : sono loro quelli che portano guerre, rapine, miseria e morte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM