Quando la mente critica diventa un criminale per impostazione predefinita

di Strategia 51.

C’era una volta, nel migliore dei mondi possibili, un simpatico amministratore delegato di una multinazionale fondata intorno al 1849. Da Manhattan, dove si trova il suo quartier generale, il manager di questa grande istituzione filantropica che pesa più di 173 miliardi di dollari è finito per qualificare in extremis qualsiasi persona che esprima un parere, una critica o un dubbio in merito alla vaccinazione anti-COVID-19, come criminale. Queste persone che si fanno troppe domande su un cocktail miracoloso biochimico che dovrebbe salvare la specie umana sono anche responsabili di milioni di morti. Ok, Hitler, Mao, Stalin, Roosevelt, Churchill, Pol Pot, Napoleone, Aung San Suu Ki e molti altri si sentiranno molto meno soli.

Il mezzo è il più delle volte rivelatore quanto la fonte. Albert Bourla, CEO di PFIZER Inc., ha dichiarato all’Atlantic Council, un think tank con sede a Washington, lui noto per le sue “felici” posizioni da falco, che “le persone che diffondono informazioni false sui vaccini COVID19 sono criminali ” e per chiarire che queste persone sono ” criminali “. perché hanno letteralmente causato milioni di morti ” [ci sono costati letteralmente milioni di vite]. È appena stata raggiunta una nuova tappa nell’evoluzione di Sapiens.

Per Bourla, il mondo può tornare al suo stato normale solo vaccinando massicciamente i non vaccinati. È su questa dolorosa condizione per molti mortali che la pace potrebbe regnare sulla Terra. Una pace in cui le azioni Pfizer saranno sempre in aumento.

Tutti criminali di default. Questo è il nuovo slogan NovLangue in voga. Ma perché siamo così ottusi nel voler mettere in discussione la filantropia e l’altruismo senza limiti dei nostri regolari benefattori? Dimostrare una mancanza di apertura e una totale mancanza di flessibilità riguardo a una vaccinazione regolare ogni sei mesi per tutta la vita? E dopotutto, con tutta la merda biochimica che ingurgitiamo mattina e sera come cibo, o con cui ci affianchiamo nel nostro ambiente immediato dalla nascita fino alla morte, che male ci farebbe una piccola iniezione di un cocktail a base di esso? ‘Messenger RNA o anche nanoparticelle? Niente. Siamo ingrati.

Ma perché forzarci la mano invece di convincerci dei meriti della cosa? Questo metodo ricorda quelli dei regimi più totalitari quando sarebbe stato necessario lasciare una scelta anche di facciata (i topi di laboratorio sono costretti a percorrere un labirinto orientato).

Che l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiari il nCoV2019 una malattia stagionale e tutte quelle bugie che ci sono state ingoiate per due anni vengono dimenticate e attribuite alla stupidità politica. La prossima ondata sarà una nuova stagione di una serie infinita. Questo è ciò che accade quando si cerca di modificare virus o la sequenza genetica di un essere posto al confine tra vivente e non vivente.

Tra qualche decennio, i nostri discendenti non capiranno nulla mentre cercano di decifrare cosa è successo intorno agli anni 2020-2025 ma diranno sicuramente a se stessi “che imbecilli” pensando ai nostri contemporanei con il volto nascosto dietro un muso di stoffa. carta.

fonte: https://strategika51.org

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM