Qatar, Fratelli Musulmani, Hamas e Israele

di Thierry Meyssan

Contrariamente al modo in cui viene presentato il Qatar, l’emirato non è un negoziatore neutrale nella vicenda degli ostaggi dell’operazione Al-Aqsa Flood. Un errore del ministro Lolwah Al-Khater, venuto a seguire i negoziati a Tel Aviv, dimostra al contrario che Doha esercita autorità su Hamas. I nuovi membri del gabinetto di guerra israeliano hanno scoperto con sorpresa che il Qatar aveva partecipato al complotto di Benjamin Netanyahu per preparare l’attacco contro Israele il 7 ottobre 2023.

L’errore di Lolwah Al-Khater
Lolwah Al-Khater, ministro del Qatar per la cooperazione internazionale, ha visitato Tel Aviv il 25 novembre 2023. Era la prima volta che un funzionario del Qatar visitava Israele. È stata ricevuta dal gabinetto di guerra per risolvere i problemi di applicazione dell’accordo sullo scambio di ostaggi. Ha anche visitato Gaza.

Abituata alle discussioni con David Barnea, direttore del Mossad, non sembra aver capito che il gabinetto di guerra non comprende solo i lealisti del primo ministro Benjamin Netanyahu. Senza nascondersi, lei quindi, per risparmiare tempo, ha preso decisioni in nome di Hamas, senza fare riferimento ad essa.

I membri dell’ex opposizione che si sono uniti al gabinetto di emergenza e hanno partecipato a questa discussione sono rimasti scioccati nel vederla abbandonare il suo ruolo di mediatrice e rivelare i suoi legami di autorità su Hamas, il ramo palestinese dei Fratelli Musulmani.

Al termine dell’incontro, Joshua Zarka, vicedirettore generale degli Affari strategici del Ministero degli Esteri israeliano, ha dichiarato che Israele “ regolerà i conti con il Qatar ” non appena avrà completato il suo ruolo di mediatore. Infatti, se il Qatar ha la possibilità di dare ordini a Hamas, non può più nascondere la propria responsabilità nell’attentato del 7 ottobre. Non solo non è un mediatore, ma è un nemico degli israeliani.

Torniamo per un momento all’identità del Qatar.

Qatar e Stati Uniti
Il Qatar divenne indipendente dall’Impero britannico solo nel 1971. Il suo primo emiro, Khalifa bin Hamad Al Thani, si rivolse poi alla Francia. Questi stava sviluppando il suo paese diffidando dei facili guadagni derivanti dagli idrocarburi. Ma nel 1995 fu rovesciato da suo figlio, Hamad bin Khalifa Al Thani. Il nuovo emiro ha concluso accordi sul gas, ma anche sul petrolio, soprattutto con aziende anglosassoni (Exxon Mobil, Chevron Phillips, Shell, Centrica), francesi (Total), cinesi (China National Offshore Oil, CNOOC, Petrochina), indiane, meridionali coreano e giapponese. Il denaro ora circola liberamente.

Nel 1996, sulla scia degli accordi di Oslo, il Qatar ha creato con gli ebrei franco-canadesi David e Jean Frydman, amici di Yitzhak Rabin e Yasser Arafat, una televisione panaraba per confrontare i punti di vista arabi e israeliani, Al-Jazeera . E’ stato un successo immediato. Tuttavia, il canale, che partecipa intellettualmente al movimento per la pace in Israele, diventa la bestia nera degli Stati Uniti durante le guerre contro l’Afghanistan e l’Iraq.

Nel 2002 gli Stati Uniti hanno concluso un accordo militare con il Qatar. Hanno stabilito il quartier generale del comando delle loro truppe in Medio Oriente, CentCom, sulla gigantesca base di Al-Udeid. Ospita 11.000 soldati e un centinaio di aerei. Per questo stanno ritirando i loro uomini dall’Arabia Saudita.

Il Pentagono ricorda allora all’emiro che non è in grado di sfidarlo: una mattina viene svegliato dalle forze speciali nella sua camera da letto. Un ufficiale statunitense gli assicura che lo hanno appena protetto da un immaginario colpo di stato. L’emiro ha compreso il messaggio e ora soddisfa le richieste dei suoi protettori.

Nel 2005, la partecipazione azionaria di Al-Jazeera fu scossa dal boicottaggio degli inserzionisti sauditi. I fratelli Frydman si ritirano dalla catena. È stato completamente riformattato dalla società di consulenza JTrack. Ciò pone il fratello Wadah Khanfar alla sua guida1 . A poco a poco, ha censurato ogni critica all’“imperialismo americano” ed è arrivato addirittura a rimuovere alcune immagini che mostravano i crimini americani in Iraq. Al-Jazeera, di cui diversi giornalisti furono uccisi dalle forze statunitensi e un collaboratore fu fatto prigioniero e torturato a Guantánamo, divenne il portavoce delle potenze anglosassoni e diede voce all’islamismo sunnita. Nel 2009, Wadah Khanfar ha visitato gli Stati Uniti dove è stato ricevuto da tutti coloro che facevano parte delle élite al potere.

Nel 2008, l’emiro ha intronizzato un nuovo presidente in Libano, in violazione della Costituzione, al posto del presidente uscente.

Nel 2011, il capo di JTrack, il fratello Mahmoud Jibril, è diventato improvvisamente il leader della protesta contro il regime, di cui era ministro. Il fratello palestinese Wadah Khanfar lascia Al-Jazeera per presiedere un think tank turco, il Forum Al-Sharq. Il canale viene rilevato dal Primo Ministro, Sheikh Hamad bin Jassem bin Jaber Al Thani. Si è subito messo al servizio della NATO, di cui è diventato il principale strumento di propaganda nel mondo arabo. Fornisce una visione unilaterale dei conflitti in Libia e Siria per trasformarsi nella catena dei Fratelli Musulmani. L’imam Youssef al-Qaradawi diventa il predicatore ufficiale del canale. Spiega ai suoi ascoltatori che Mohammed oggi sarebbe senza dubbio dalla parte della NATO.

Il Qatar diventa il principale sensale in Medio Oriente. Negozia accordi di pace tra arabi, ovunque gli Stati Uniti glielo chiedano, nel Sahara occidentale, nelle rivalità interpalestinesi, nel Darfur, in Eritrea e nello Yemen. Ma può anche usare il suo potere per riavviare le guerre. Così, nel 2012, ha donato 2 miliardi di dollari al Sudan, da parte del fratello Omar al-Bashir, affinché potesse richiamare il suo inviato speciale, il generale Mohammed Ahmed Mustafa al-Dabi2 . Quest’ultimo, fino ad allora apprezzato da tutti, soprattutto per il suo ruolo pacifico in Darfur, era stato nominato presidente della Missione internazionale della Lega Araba in Siria. Lui e i suoi colleghi avevano accesso a tutto ciò che volevano vedere. In un rapporto preliminare, ha concluso che i media occidentali mentono e che non c’è stata alcuna rivoluzione in Siria.

Nel 2013 l’emiro abdicò in favore del figlio Tamim bin Hamad Al Thani.

La “crisi del Golfo”
Da giugno 2017 a gennaio 2021, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno imposto il blocco del Qatar, paralizzando il Consiglio di cooperazione del Golfo. Questa guerra fredda è stata interpretata male. Secondo il Financial Times si tratterebbe di una cupa vicenda di pagamento di un riscatto, secondo altri ad una dichiarazione dell’emiro, Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani, favorevole all’uso politico dell’Islam come praticato sia dai musulmani Fratellanza e Iran.

In realtà, il presidente della Repubblica araba d’Egitto, Abdel Fattah al-Sisi, era riuscito a ottenere documenti dalla società segreta che governava il suo Paese da un anno, i Fratelli Musulmani. Ex direttore dell’intelligence militare, li aveva studiati. Dopo il discorso del presidente americano Donald Trump a Riad contro il terrorismo dei Fratelli Musulmani (21 maggio 2017), ha capito l’uso che poteva farne. Trasmise quindi le prove in suo possesso al re, sperando di ottenere il suo appoggio nella lotta contro i Fratelli. Contenevano prove di un complotto della Fratellanza e del Qatar per rovesciare il re d’Arabia, Salman bin Abdulaziz Al Saud. Per il re e suo figlio fu uno shock: non solo la Fratellanza, che il Regno coccolava per anni concedendole un budget militare superiore a quello del proprio esercito, si permise di sostenere Daesh, ma appoggiò anche Daesh. che presefinanziamenti anche dal monarca.

Il 5 giugno 2017 Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Bahrein, seguiti dal governo yemenita di Abdrabbo Mansour Hadi, il governo libico di Tobruk, Mauritania, Maldive e Comore hanno interrotto le relazioni diplomatiche con il Qatar. Questi paesi chiudono le frontiere terrestri, aeree e marittime all’emirato, strangolandolo improvvisamente. Il presidente americano Donald Trump si schiera e accusa il Qatar di finanziare “l’estremismo religioso”. L’emirato è sostenuto da Turchia, Marocco, Hamas, Iran e Germania dove ha poi incarichi al Ministero degli Esteri la Guida nazionale della Fratellanza, Ibrahim el-Zayat. Niger e Ciad sostengono l’Arabia Saudita.

Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Bahrein lanciano un ultimatum di 13 punti al Qatar3 . Si tratta di rompere con l’Islam politico e i suoi sostenitori: Turchia e Iran.

La crisi troverà una soluzione solo quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump tenterà di riconciliare i paesi arabi tra loro e con Israele. Ha organizzato il riavvicinamento tra Marocco e Israele, poi quello della crisi del Golfo. La controversia sull’Islam politico è attenuata.

Classe diplomatica del Qatar

L’Emirato del Qatar e i Fratelli Musulmani
La Confraternita ( Ikwan ) persegue l’obiettivo fissato dal suo fondatore, l’egiziano Hassan El-Banna, alla fine della Prima Guerra Mondiale: ristabilire il Califfato4 . In una lettera all’allora Primo Ministro egiziano, descrisse i suoi tre obiettivi:

riforma legislativa e unione di tutti i tribunali secondo la legge della Sharia;
reclutamento negli eserciti attraverso l’istituzione del servizio volontario sotto la bandiera del jihad;
il collegamento dei paesi musulmani e la preparazione alla restaurazione del Califfato, in applicazione dell’unità richiesta dall’Islam .
L’ Ikwan è una società segreta organizzata sul modello della Gran Loggia Unita d’Inghilterra. Conosciamo quindi la sua azione solo dalle testimonianze dei suoi ex membri o dai documenti sequestrati durante le sue sconfitte.

Fin dalla sua creazione, la Confraternita è stata accompagnata da milizie responsabili dell’assassinio dei suoi oppositori. Si è sviluppato dapprima in Egitto, poi in tutto il mondo arabo e in Pakistan. Il Regno Unito e gli Stati Uniti si sono affrettati a ricorrere ai propri politici (come Fratello Muhammad Zia-ul-Haq in Pakistan o Fratello Mahmoud Jibril in Libia) e alle proprie milizie, come Al-Qaeda, Daesh o la Lega per la Protezione della rivoluzione tunisina Al suo arrivo alla Casa Bianca, il presidente Barack Obama ha designato un membro della Fratellanza, Mehdi K. Alhassani, all’interno del suo Consiglio di Sicurezza Nazionale, al fine di stabilire con lei un legame permanente.5

Quando gli Stati Uniti iniziarono l’episodio siriano della “Guerra Infinita”, chiesero ad Hamas di spostare il proprio ufficio da Damasco a Doha. Quando l’Arabia Saudita ruppe definitivamente con la Fratellanza nel 2014, il Qatar la sostituì spontaneamente. Senza disporre degli stessi mezzi del suo potente vicino, l’emirato è diventato il grande finanziatore con l’approvazione degli Stati Uniti. Nel 2018 è il Qatar a pagare gli stipendi dei funzionari di Hamas a Gaza. Con l’accordo di Benjamin Netanyahu, il suo ambasciatore si è recato lì con valigie piene di 15 milioni di dollari in piccoli tagli. L’operazione verrà rinnovata ogni mese.

Nel 2022, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden eleva il Qatar al rango di principale alleato non NATO; un onore riservato a una decina di paesi in tutto il mondo.

L’errore di Lolwah Al-Khater dimostra che il Qatar è molto più di questo. Esercita autorità sulla strategia politica e militare di Hamas.

Thierry Meyssan

fonte: Rete Voltaire

Traduzione: Gerard Trousson

Un commento su “Qatar, Fratelli Musulmani, Hamas e Israele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus