Qassem Soleimani e l’Italia che non esiste


di Adriano Tilgher

Finite le reazioni emotive per il drammatico omicidio del comandante Qassem Soleimani, a mente più fredda è opportuno fare alcune osservazioni semplici che coinvolgono più direttamente l’Italia.

Intanto l’analisi delle modalità in cui si è svolto l’assassinio dimostra in modo inequivocabile l’uso di metodi comunemente usati dalle più efferate bande criminali: l’organizzazione di un summit di pace per “stanare” la vittima, la predisposizione del luogo e dell’ora dell’attentato e colpire segretamente.

Le organizzazioni mafiose almeno hanno il buonsenso di non rivendicare l’agguato, glielo si attribuisce indirettamente, gli USA invece senza vergogna hanno rivendicato un atto militarmente indegno. D’altra parte cosa potevamo aspettarci da chi ha fatto uso indiscriminato e non necessario di bombe atomiche contro popolazioni inermi? Da questi nuovi barbari che hanno esportato nel modo corruzione e malaffare e sovvertimento dell’ordine naturale? Non è la prima volta e, purtroppo, temiamo non sarà l’ultima che faranno azioni di guerra contro un altro Stato senza fare la dichiarazione preventiva di guerra.

Ma l’Italia in tutto questo che c’entra? Non c’entrerebbe nulla, se non avessimo truppe impegnate in un’ipotetica lotta al terrorismo dell’Isis in Iraq proprio nel territorio in cui Soleimani ha concretamente debellato l’Isis.

Infatti la prima reazione missilistica iraniana, effettuata molto correttamente con un preavviso ufficiale al Governo irakeno, è avvenuta contro due basi americane in Iraq, in una delle quali erano anche i soldati italiani.

Nascono a questo punto alcune domande cui il governo italiano ha risposto molto confusamente. Quando siamo stati avvisati dai cosiddetti nostri alleati che avrebbero effettuato questa azione di terrorismo cha avrebbe inevitabilmente messo a rischio le vite dei nostri militari impegnati in quello scacchiere? Lo abbiamo saputo direttamente o, come pare, indirettamente, solo a cose avvenute? Non sarebbe un atto di dignità ritirare le nostre truppe, considerate poco più che carne da macello?

L’unica cosa certa è che sia il ministro degli esteri, Di Maio, che il presidente del consiglio, Conte, si sono affrettati a dichiarare che il drone assassino non è partito dalle basi americane in Italia. Vogliono forse sostenere questi nostri rappresentanti che il drone sarebbe pure potuto partire dal territorio italiano senza fare una preventiva dichiarazione di guerra, decisa da chi? dato che il Parlamento in Italia è l’unico delegato ad autorizzarla?

Sigonella Base USA

Se i vostri alleati (certo non i miei visto che la guerra nel 1945 io l’ho persa e sono nato nel 1947 con l’Italia occupata dai marinai americani che ancora oggi occupano alcune parti del nostro territorio) non hanno stile, né regole non vuol dire che anche noi non si debba averle. La guerra, che è una cosa orribile, almeno deve rispettare delle regole elementari universalmente riconosciute.

A questo punto ci vengono degli atroci dubbi, lo sanno i vari Conte, Di Maio, Zingaretti e Renzi che nelle basi americane in Italia ci sono testate nucleari? Lo sanno che queste testate, in questi ultimi mesi, sono aumentate di numero e di potenza? Cosa hanno fatto per essere informati nell’ipotesi che queste testate dovessero venire utilizzate? Quali sistemi di difesa e di sicurezza sono stati approntati per difendere gli Italiani dalle ulteriori follie dei vostri alleati?

Penso niente, perché non siete niente e perché, anche grazie a voi, l’Italia non esiste più.

http://www.ilpensieroforte.it/cultura/2994-qassem-soleimani-e-l-italia-che-non-esiste

Adriano Tigher (per Il Pensiero Forte)

11 Commenti

  • VUK
    9 Gennaio 2020

    Si va be tutte chiacchere ….
    l’amara verità è la seguente:
    un signore biondo ha deciso dall’altra parte dell’oceano di ordinare l’eliminazione fisica di uno dei capi di un altro stato.
    Questo è puntualmente avvenuto.
    Dopo di che è successa una rappresentazione teatrale che continua ancora oggi: enorme calca ai funerali 50 morti pianto del capo supremo promesse di tremende vendette una falsa sparatoria di missili nessuna vittima nessun danno tutto finto..Porgo a voi una domanda cosa sarebbe accaduto se al contrario fosse stato l’Iran ad assassinare il consigliere di stato Mike Pompeo ? ve lo dico io oggi l’Iran non esisterebbe più sarebbe stato cancellato dalle carte geografiche.
    Una vergogna, codardia e paura fottuta che umanamente è comprensibile ma allora che risparmino le sceneggiate alla napoletana (con tutto rispetto al principe De Curtis maestro in queste cose)

  • Santini
    9 Gennaio 2020

    Ma chi e’ l’autore di Sto scritto? Comodo dire io ho perso nel 45 e chi s’e’ s’e’ visto ahhh Siam capaci tutti e’ lo sport nazionale lo scarica barile su questo siamo I numeri 1 , e chi e’ ponzio pilato con quale albagia scrive sta robaccia avvilente ,qui bisogna prima di tutto Dire scrivere a caratteri cubitali e Se caso anche latrare se possibile a gran voce non come fa Blondet sommessamente che zufola ma vada affan… Pure lui , che gli Americani non hanno colpa xche’ sono Gli ebrei che comandano in America da piu di 120 anni basta leggere senza le fette di prosciutto davanti agli occhi digitate” Mauro likar l’ebreo Internazionale” ecco percio’ Che LA musical cambia il soggetto da accusare tacciare e indicare a unico Vero responsabile e’ LA Rete criminale bancaria Mediatica Ebrea punto ! Quando si comincia a fare queste dovute precisazioni allora si puo cominciare a ragionare altrimenti facciamo come da blondet che se lo passano in bocca e non arrivano mai al sodo al fondo all’argomento tabu che fa tremare I polsi anche al piu impavido , l’argomento in questione e’ l’associazione a delinquere Ebraica e’ lei LA mefistofelica ordittrice di tutte le nostre disgrazie I’ll parassita che con le sue banche succhia le ricchezze di tutti I popoli , la colerosa setta di usurai depravati che ha attraversato tutte le epoche , l’Ebreo il Giuda coadiuvato dai massoni infidi esecutori di Ordini vedi Mr bean renzi Salvini Boldrini ecc tutti massoni

    • atlas
      9 Gennaio 2020

      l’autore di questo scritto è un Uomo vero, che andò in Iraq a farsi magari anche bombardare per il Partito Baàth. Come anche Blondet è Uomo degno di stima. Come Putin, come Chiesa, come Fiore

      se a te piace Trump prendi l’aereo e vai là facendoti il segno della croce, ma non crocifiggere noi

  • atlas
    9 Gennaio 2020

    questo dell’italia che non esiste mi piace

  • Eugenio Orso
    9 Gennaio 2020

    Certo che le “personalità politiche” al governo, in Italia, non sono poca cosa.
    Dato il tema di natura geopolitica e di politica estera, prendiamo l’attuale ministro degli esteri italiano, “enfant prodige” poco più che trentenne.
    Persino un diplomatico di lungo corso e ministro degli esteri di una grande potenza, per non fare nomi Sergej Lavrov, quando arriva il “nostro” ministro degli esteri si incupisce e ha imparato a dire: Minchia!
    Con il bibitaro di Pomigliano D’Arco, senza fare cognomi Di Maio, politica estera e Relazioni Internazionali si riducono, in esterma sintesi, a un “mi stappi il crodino!”
    Sic et simpliciter

    Cari saluti

  • MONDO FALSO
    9 Gennaio 2020

    Esatto . Noi italiani siamo gente morta Senza identità né cultura ne è un leader né una guida da seguire , a noi italiani non frega niente dell’Italia , iraniani e siriani sanno chi sono e hanno un motivo per vivere

    • atlas
      10 Gennaio 2020

      l’italia prima di tutto dovrà essere confederale, in 4 Stati. Poi si dovrà abrogare la democrazia con la massoneria e vietarne la sua ricostituzione sotto ogni forma. Poi, solo allora, si potrà cominciare a ragionare

      • atlas
        10 Gennaio 2020

        poi … non credo che nessun giudeo abbia interesse più a rimanere quì

  • Anonimo
    9 Gennaio 2020

    Ennesima prova che siamo una colonia americana, non certo da ieri, le colonie si utilizzano a proprio uso e consumo non si avvertono, non si coinvolgono. I colonizzatori non sentono nessun obbligo verso i colonizzati che non sanno di essere colonizzati, proprio grazie a politici da loro scelti e diretti.

  • Santini
    10 Gennaio 2020

    Infatti lei parla sempre di volersene andare CE l’ha nel sangue errare tra I popoli non si dimentichi di portare un segno diacritico cosi LA riconosciamo

    • atlas
      10 Gennaio 2020

      me ne andrò perchè “l’italia” così com’è è malata. E non ho bisogno di essere curato da dottori come te

Inserisci un Commento

*

code