Putin, Xi, Assad e Maduro, tutti contro l’egemonia americana


di Ted Galen Carpenter
Nella politica estera americana l’ultima preoccupazione di Blob è che il governo di sinistra radicale del Venezuela sta raggiungendo il Medio Oriente per sostenere la crescente pressione di Washington.

In particolare, il presidente Nicolás Maduro sta cercando di stabilire ampi legami politici e finanziari con il presidente siriano Bashar al-Assad e il suo alleato in Libano, Hezbollah . Quest’ultimo ha ripetutamente condannato la politica statunitense nei confronti di Maduro , e sembra già avere legami economici oscuri con Caracas. Ci sono indicazioni che il regime di Maduro potrebbe utilizzare Hezbollah per riciclare fondi dal commercio illegale di droga.
La paura di Washington è che, in agguato dietro un’alleanza Assad-Hezbollah-Maduro, ci sia l’arcinemico americano, l’Iran, che ha stretti rapporti sia con Assad che con Hezbollah. L’obiettivo apparente di Teheran sarebbe quello di rafforzare il regime venezuelano, aumentare il sentimento anti-americano nell’emisfero occidentale e forse acquisire alcuni soldi riciclati da un’operazione congiunta di Maduro-Hezbollah per alleviare il dolore delle sanzioni economiche statunitensi reintrodotte dopo il ripudio dell’amministrazione Trump dell’accordo nucleare.

Sebbene Iran, Assad e Hezbollah continuino a preoccuparsi principalmente degli sviluppi nella propria regione, la paura che vogliano minare il potere di Washington nel proprio “cortile di casa” non è infondata. Ma i leader statunitensi dovrebbero chiedersi perché queste diverse fazioni stiano raggruppando le forze fra loro per raggiungere quell’obiettivo.
Non è il solo esempio di questo che è emerso negli ultimi anni, e la causa principale sembra essere la politica eccessivamente belligerante e aggressiva di Washington. Questo approccio sta facendo convergere insieme regimi che hanno poco in comune tranne la necessità di resistere alla pressione degli Stati Uniti. La posizione minacciosa di Washington mina piuttosto che rafforzare la sicurezza americana, e specialmente in un caso, provocando un’intesa sempre più salda tra Russia e Cina, che rappresenta un grave pericolo per il dominio USA.

Guardia d’onore cinese per Putin

L’attuale flirt tra Caracas e le fazioni anti-americane in Medio Oriente non rappresenta il primo caso in cui i leader americani si preoccupano della collaborazione tra avversari eterogenei. Le agenzie di intelligence degli Stati Uniti e gran parte della comunità politica estera hanno avvertito per anni sulla cooperazione tecnologica tra l’Iran e la Corea del Nord nell’approntamento in corso di missili sia a capacità nucleare che balistica. Durante la Guerra Fredda, una successione di amministrazioni statunitensi aveva espresso frustrazione e rabbia per l’alleanza di fatto tra l’Unione Sovietica totalitaria e l’India democratica. Eppure la causa alla base di quell’associazione non era difficile da capire. Entrambi i paesi si sono opposti al primato globale degli Stati Uniti. L’India era particolarmente a disagio per l’appoggio militare e diplomatico di Washington con il Pakistan, nonostante la storia del governo dittatoriale e dell’aggressione di quel paese.

L’alienazione dell’India era una politica profondamente imprudente. Allo stesso modo, è stata l’ossessione di Washington per l’indebolimento e l’isolamento dell’Iran e della Corea del Nord. Questi due paesi non hanno quasi nulla in comune, ideologicamente, politicamente, geograficamente o economicamente. Uno è uno strano regime dell’Asia orientale basato sullo stalinismo dinastico, mentre l’altro è una teocrazia islamica reazionaria del Medio Oriente. Senza l’incentivo che l’implacabile ostilità Stati Uniti forniscono, ci sarebbero poche ragioni per credere che Teheran e Pyongyang sarebbero alleati. Ma la veemente politica anti-nucleare di Washington nei confronti di entrambi i regimi e le brutali sanzioni economiche che sono seguite hanno contribuito a cementare un’alleanza di fatto tra due bizzarri compagni di letto.

Sembra che i leader iraniani e nordcoreani abbiano concluso logicamente che il modo migliore per scoraggiare i leader statunitensi dal prendere in considerazione il cambio di regime forzato verso i loro paesi era quello di cooperare per rafforzare i rispettivi programmi nucleari e missilistici. Le guerre di cambiamento del regime di Washington , che hanno soppiantato Saddam Hussein in Iraq e il Moammar Gheddafi in Libia – e il tentativo fallito di rovesciare la Siria con asserzioni assurde – hanno rafforzato tali timori.

Putin da il benvenuto ad Assad a Sochi

Il caso più inquietante e potenzialmente letale in cui il comportamento aggressivo degli Stati Uniti ha spinto insieme due alleati improbabili è l’approfondimento delle relazioni tra Russia e Cina. Le pattuglie di “libertà di navigazione” di Washington nel Mar Cinese Meridionale hanno antagonizzato Pechino, che ha ampie rivendicazioni territoriali all’interno e intorno a quella zona di mare. Le proteste cinesi sono cresciute sia in numero che in intensità.
Le relazioni bilaterali sono anche peggiorate a causa del crescente atteggiamento aggressivo di Pechino nei confronti di Taiwan e del crescente sostegno di Washington all’indipendenza di fatto dell’isola. La guerra commerciale in corso tra Stati Uniti e Cina ha solo contribuito all’animosità. I leader cinesi considerano la politica americana come una prova della determinazione di Washington a continuare il suo status di primato nell’Asia orientale e cercano modi per indebolirlo.

Le rimostranze della Russia contro gli Stati Uniti sono ancora più pronunciate. L’espansione della NATO ai confini della Federazione Russa, il ripetuto calpestamento degli interessi russi nei Balcani e nel Medio Oriente da parte di Washington, l’imposizione di sanzioni economiche in risposta all’incidente della Crimea, il ritiro dell’amministrazione Trump dal trattato delle Forze armate intermedie, Stati Uniti le vendite di armi in Ucraina e altre provocazioni hanno portato a una nuova guerra fredda . La Russia si è mossa per aumentare la cooperazione diplomatica, economica e persino militare con la Cina. Pechino e Mosca sembrano coordinare le loro politiche su una serie di problemi, complicando le opzioni di Washington .

La stretta cooperazione tra Russia e Cina è tanto più notevole, data l’estensione dei loro interessi in competizione con l’Asia centrale e altrove. Una reciproca paura e rabbia nei confronti degli Stati Uniti, tuttavia, sembra aver messo in ombra tali potenziali conflitti, almeno per ora.

Sembra persino esserci una “grande collusione” di più avversari statunitensi che si stanno formando. Sia la Russia che la Cina stanno aumentando i loro legami economici con il Venezuela e anche il coinvolgimento militare della Russia con il regime di Maduro è in aumento. Il mese scorso, Mosca ha inviato due bombardieri strategici a Caracas insieme a circa 100 militari. La missione del secondo contingente era di riparare e ristrutturare il sistema di difesa aerea del Venezuela alla luce della minacciosa retorica di Washington. Questa mossa ha suscitato una forte risposta da parte del presidente Trump.

Anche la politica di Mosca nei confronti del governo di Assad, Teheran e Hezbollah è diventata sempre più attiva e di supporto militare e strategico. In effetti, l’intervento militare della Russia in Siria, a partire dal 2015, è stato un fattore cruciale nel far cadere la guerra a favore delle forze di Assad, che ora hanno riacquistato il controllo su gran parte della Siria. Washington sta quindi assistendo alla Russia che si trova dietro a due dei suoi principali avversari: il Venezuela e una coalizione guidata dall’Iran in Medio Oriente.

Questo è un classico esempio di comportamento equilibrato da parte dei paesi preoccupati per un potere più forte che persegue l’aggressione. Storicamente, i concorrenti più deboli affrontano una scelta quando affrontano un tale potere: un carrozzone o un tentativo di equilibrio contro l’aspirante egemone. Alcune nazioni molto deboli possono avere poca scelta se non quella di rannicchiarsi e accettare lo stato di dipendenza, ma la maggior parte dei poteri di media taglia (e anche alcuni piccoli) sceglieranno la via della sfida. Come parte di questa strategia di bilanciamento, tendono a cercare eventuali alleati che potrebbero rivelarsi utili, indipendentemente dalle differenze. Quando la minaccia percepita è abbastanza grande, tali fattori vengono ignorati o sommersi. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna lo fecero quando formarono la Grande Alleanza con l’Unione Sovietica totalitaria nella Seconda Guerra Mondiale per sconfiggere la Germania nazista. In effetti, i rivoluzionari americani fecero causa comune con due autocrazie reazionarie, la Francia e la Spagna, per ottenere l’indipendenza dalla Gran Bretagna.

L’attuale politica statunitense ha prodotto una serie di risultati spiacevoli, e grida di rivalutazione. Washington ha creato il dolore inutile per se stesso. Comporta notevoli inettitudine nel favorire la collaborazione tra Iran e Corea del Nord, per non parlare dell’alleanza del governo secolare di Assad e del regime quasi comunista di Maduro. Ancor peggio sono gli errori politici che hanno spinto la Russia a sostenere clienti così eterogenei e a stringere legami economici e militari sempre più stretti con un rivale naturale come la Cina. È estremamente imprudente per qualsiasi paese, anche una superpotenza, moltiplicare inutilmente il numero dei suoi avversari e portarli insieme in un fronte comune. Eppure questo è lo svarione che gli Stati Uniti stanno commettendo attivamente.

Fonte: The American Conservative

Traduzione: Lisandro Alvarado

2 Commenti

  • Mardunolbo
    8 Maggio 2019

    L’errore degli Usa è la nostra fonte di gioia ! La deficienza cronica e l’ignoranza secolare di questi scimmioni violenti devono presto finire nella loro stessa fogna . In questo modo il mondo sarà liberato dal mostro.

  • namelda
    8 Maggio 2019

    ma chi è ted galen Carpenter?
    ha mai sentito parlare di diritto internazionale dei popoli all’autodeterminazione e all’autogoverno?
    ha mai sentito parlare di DIFESA dei propri diritti vitali? eppure continuano a declamarlo in relazione a sion,solo sion ha diritto a difendersi?
    è chiaro che se minacciati e strangolati militarmente ed economicamente
    le nazioni cercano soluzioni combinate per far fronte ai criminali aggressori che non rispettano alcun diritto e trattato e rovesciano ogni logica umana a loro favore.
    yanquis vi rimane solo la succube €uronato e qualche caudillo sudamericani ,votato da CIA.

Inserisci un Commento

*

code