"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Putin sull’attacco alla Siria: ” con questo attacco unilaterale le Relazioni Internazionali vengono distrutte”

Secondo RIA Novosti, il presidente russo Vladimir Putin ha condannato l’attacco degli Stati Uniti e dei suoi alleati alla Siria come una grave violazione del diritto internazionale.
Nelle prime ore del mattino di sabato 14 aprile, Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno attaccato la Siria, lanciando quelli che, secondo lo Stato maggiore della Siria, erano circa 110 missili a più obiettivi civili e militari. I rapporti suggeriscono che la maggior parte dei missili sia stata intercettata con successo dalle difese aeree siriane.

Putin ha sottolineato che l’attacco alla Siria è stato effettuato senza l’autorizzazione del Consiglio di sicurezza dell’ONU, definendolo “un atto di aggressione nei confronti di uno stato sovrano che è in prima linea nella lotta contro il terrorismo”.
“Con le sue azioni, gli Stati Uniti stanno provocando sofferenza alla popolazione civile, favorendo così l’azione dei terroristi”, ha detto Putin.

Inoltre, il presidente russo ha osservato che i paesi occidentali hanno “cinicamente trascurato di inviare esperti dell’OPCW in Siria” e lanciato una campagna militare senza attendere i risultati delle indagini sul presunto uso di armi chimiche.
Secondo Putin, proprio come un anno fa, quando gli Stati Uniti attaccarono la base aerea di Shayrat, così questa volta ha usato l’uso graduale di sostanze tossiche contro i civili come pretesto per attaccare Douma e Damasco.

Infine, il presidente Putin ha sottolineato che l’escalation della situazione intorno alla Siria sta avendo un effetto distruttivo sull’intero sistema delle relazioni internazionali.

Secindo il capo dello Stato maggiore russo , Sergey Rudskoy , gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia hanno lanciato 103 missili contro la Siria la scorsa notte, 71 dei quali sono stati abbattuti dalle forze siriane , come ha annunciato durante una breve conferenza stampa il 14 aprile.
“I mezzi di difesa aerea della Siria: S-125, S-200 sistemi di difesa aerea, [come pure] unità Buk e Kvadrat sono stati utilizzati per respingere l’attacco missilistico”, ha detto il ministero della Difesa russo.

Come una conseguenza dell’evento, la Russia prenderà in considerazione le consegne di sistemi di difesa aerea S-300 in Siria e “altri paesi”, ha dichiarato l’alto ufficiale russo.

La Russia ha ufficialmente chiesto una riunione del Consiglio di sicurezza dell’ONU di emergenza per affrontare l’aggressione degli Stati Uniti contro la Siria.

Fonti: South Front

Fort Russ

Traduzione e sintesi: L.Lago

*

code

  1. Eugenio Orso 3 mesi fa

    La riunione del consiglio di sicurezza della cloaca onu (sappiamo bene in che mani è …) non servirà a nulla.
    Molto meglio imbottire la Siria di sistemi missilistici antiaerei avanzatissimi, perché possa riuscire non solo ad abbattere i missili, ma anche gli aerei degli stati-canaglia che la bombardano periodicamente.
    Inoltre, Putin dovrebbe accordarsi con il Libano fornendogli armi antiaeree avanzata, onde abbattere gli aerei ebro-sionisti che ne violano la spazio aereo lanciando missili contro la Siria.
    La via diplomatica di risposta scelta da Putin ne esalta la prudenza e la volontà di evitare un conflitto mondiale con gli stati-canaglia aggressori.
    Tuttavia, gli stati-canaglia continueranno le provocazioni proprio per arrivare al conflitto aperto con la Russia (e l’Iran).

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. atlas 3 mesi fa

    Bergoglio che dice, ha avuto ciò che voleva ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Silvia 3 mesi fa

    Con questo attacco sulla Siria gli USA dimostrano che sono i piu’ forti e che tutti devono temerli e ubbidire. Puo’ non piacere, ma e’ cosi’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eugenio Orso 3 mesi fa

      Mi permetto di dissentire …
      Con questo attacco mostrano la pericolosità della belva ferita, pronta a sferrare le ultime zampate …

      Cari saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Idea3online 3 mesi fa

        Ha ragione Silvia, gli USA sono i più potenti, posso essere paragonati con Babilonia del Passato, vogliono arrivare sino a Dio come Babele, per la Russia resistere è una vittoria, la Russia in Futuro dovrà scontrarsi con l’Anticristo, gli USA saranno sempre finchè Dio lo permetterà la Grande Signora del Mondo, e tanti Re della Terra saranno suoi amanti, conferma il voto all’ONU di oggi, ripeto Dio lo permette, ma nel Tempo Stabilito la Storia non sarà più a favore degli USA, anche Babilonia crollò, ma gli USA ancora per decenni saranno in sella al Mondo anche se dal 2014 dovranno accontentarsi di guidare solo la metà o la parte Occidentale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Anonimo 3 mesi fa

          Esatto…sono potenti, non forti…la differenza e’ sostanziale

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Idea3online 3 mesi fa

      Leggo sul Blog Conflitti e Strategie:

      Usa, una potenza militare di forza finora mai vista nella storia…

      http://www.conflittiestrategie.it/basta-con-gli-ipocriti-e-buonisti-di-glg

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. atlas 3 mesi fa

      io non li temo né li ubbidisco. Se non li combatto direttamente è perché non c’è nessuno con me, ma l’ho fatto indirettamente in passato. Mai assumerò interiormente e passivamente atteggiamenti anglosassoni giudaici. Ora semplicemente simulo e mi faccio i fatti miei mescolato a questi popoli di pecoroni in mezzo alla melma il meno possibile cercando di non s porcarmi. Silvia, se vieni a casa mia davanti a del caffè espresso preparato alla Napoletana, amaro che addolciamo con del cioccolato al latte nocciolato o pasticcini, ti spiego piano piano e bene la storia dell’11 Settembre …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Vittoriano 3 mesi fa

    Alcuni giorni prima dell’attacco unilaterale anglo-franco-americano alla Siria

    Thierry Meyssan si domandava :

    È la fine del Diritto Internazionale?

    http://www.voltairenet.org/article200584.html

    . . .

    Ecco una battaglia che le forze “democratiche ed europeiste” potrebbero combattere.
    Invece di perseguire autentiche bufale come gli Stati Uniti d’Europa,
    propongano di rendere quella europea una comunità di diritto,
    di giuridicizzare i rapporti tra gli stati, invece di lasciarsi in balia dei rapporti di forza.

    Cos’è che davvero manca all’Europa.
    http://lamicodellabc.blogspot.it/2015/07/cose-che-davvero-manca-alleuropa.html

    . . .

    Rispondi Mi piace Non mi piace