Putin si incontra con Biden solo per spiegargli dove si trovano le linee rosse della Russia


“Putin non ha cercato l’incontro. Quando gli è stato offerto tale incontro da Biden, Putin non si è affrettato ad accettare l’invito di Biden”

In attesa dell’incontro tra i presidenti Vladimir Putin e Joe Biden a Ginevra, il Cremlino non cerca un reset, e nemmeno una distensione. Né vi è alcuna prospettiva di un grande affare del tipo che alcuni russi pensavano potenzialmente fattibile all’inizio della presidenza di Donald Trump. A Mosca non ci sono illusioni: i rapporti conflittuali con Washington sono qui per restar

Anche le concessioni unilaterali russe sono fuori questione di fronte al potere consolidato degli Stati Uniti e al più stretto coordinamento di Washington con gli alleati. In linea di principio, il presidente Putin sarebbe aperto a una sorta di compromesso strategico con gli Stati Uniti, ma deve sapere che il presidente Biden e l’intera classe politica statunitense non sono interessati a questo, per usare un eufemismo.

Né Putin ha bisogno dell’incontro come prova di essere alla pari con Biden. Dal punto di vista del Cremlino, lo status internazionale della Russia non si basa sul fatto di tenere incontri periodici faccia a faccia con un presidente americano, ma piuttosto sulla capacità di dissuadere in modo affidabile il potere militare degli Stati Uniti e sull’essere resilienti all’aumento della pressione politica, economica, finanziaria, sotto forma di varie restrizioni.

Putin con i suoi ufficiali

Detto questo, Mosca si è posta diversi compiti per l’incontro di Ginevra: soprattutto, spiegare a Joe Biden senza mezzi termini dove stanno le linee rosse della Russia. Queste includono invitare l’Ucraina a unirsi alla NATO, schierare forze e basi militari statunitensi – in particolare missili INF – in Ucraina, perdonare i tentativi di Kiev di recuperare il Donbas o la Crimea con la forza, cercare di strappare la Bielorussia alla Russia e così via.

Oltre a ciò, Putin si impegnerà con Biden sulle modalità di un dialogo strutturato sulla stabilità strategica, che potrebbe portare a negoziati su un nuovo accordo USA-Russia per il controllo degli armamenti. Potrebbe anche essere utile revocare reciprocamente le restrizioni alle rappresentanze diplomatiche russe e statunitensi nei rispettivi paesi, per includere la restituzione delle proprietà diplomatiche russe sequestrate da Washington.
Secondo Mosca, avrebbe senso un dialogo sui temi della sicurezza informatica con gli Stati Uniti. Tuttavia, non ci si dovrebbero aspettare scuse russe in merito alla sua presunta interferenza nelle elezioni statunitensi.

Putin non è certo alla ricerca di un match clamoroso con Biden a Ginevra. Non deve dimostrare al suo pubblico a casa che può mantenere la sua posizione e respingere la retorica di Biden. Putin ascolterà, ovviamente, ciò che Biden ha da dire, ma non ne seguirà alcuna discussione sulla politica interna russa.

Piuttosto, Putin sarà probabilmente interessato a valutare dove risiedono le vere preoccupazioni di Biden; dove possono trovarsi le aree sensibili in cui la moderazione reciproca, piuttosto che accordi di compromesso irraggiungibili, può essere la migliore strada per ora; e come gli Stati Uniti potrebbero agire e rispondere in diversi scenari. Il focus della conversazione sarà esclusivamente su questioni internazionali, sia bilaterali che globali.

L’importanza dell’incontro di Vladimir Putin con Joe Biden non va esagerata. Putin non ha cercato l’incontro. Quando gli è stato offerto uno da Biden, Putin non si è affrettato ad accettare l’invito di Biden , ma ha preso tempo per considerarlo. Per Putin, l’invito di Biden non è mai stato una ricompensa: in quanto leader di una grande potenza e di una delle due superpotenze nucleari, trova normale trattare affari con la sua controparte statunitense. I recenti messaggi di Putin al mondo intero riguardano meno quello che può fare insieme al presidente americano, e più quello che la Russia può fare da sola e, se necessario, contro la volontà del governo degli Stati Uniti.

Con tutto ciò in mente, l’incontro di Ginevra può essere utile a entrambe le parti. Il confronto tra loro continuerà, ma si spera con reti di sicurezza più sicure costruite e mantenute attorno ad esso. Per quanto riguarda il futuro delle relazioni USA-Russia, non sarà deciso in riunioni di alto livello, ma plasmato nel corso stesso del confronto in corso. La cosa più importante è che non sfugga di mano.

Dimtri Trenino

Fonte: Carnegie Moscow Center

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM