Putin reagisce alle provocazioni USA nel Mar Nero: “Calma e gesso, non ci facciamo intimidire”

Putin ha spiegato la risposta della Russia alle azioni statunitensi nel Mar Nero.
Il ministero della Difesa ha proposto di tenere esercitazioni non pianificate nel Mar Nero in risposta alle azioni degli Stati Uniti, ma questo è inappropriato: non ha senso intensificare la situazione, ha affermato il presidente Vladimir Putin.

Putin ha affermato che “dal nostro Ministero della Difesa c’era anche una proposta per tenere le loro esercitazioni non pianificate nella stessa area acquatica”, ma il leader russo ritiene che ciò “non sia consigliabile e non sia necessario aggravare ulteriormente la situazione lì”, segue dal messaggio sul canale Telegram di Vesti24…

Pertanto, il ministero della Difesa “si limita solo a scortare aerei e navi”.
“Gli Stati Uniti e i suoi alleati della Nato stanno ora conducendo esercitazioni non pianificate – voglio sottolineare: non pianificate – nel Mar Nero. Inoltre, non solo è stato formato un gruppo di navi abbastanza potente, ma in queste esercitazioni viene utilizzata anche l’aviazione, inclusa l’aviazione strategica (…) Il fatto è che hanno a bordo armi da combattimento strategiche. Questa è una sfida seria per noi “, ha affermato il capo dello Stato.

Ha anche notato che si ha l’impressione che alla Russia “non sia permesso rilassarsi, ma fate loro sapere che non ci stiamo rilassando”.

In precedenza, le navi della Sesta Flotta della Marina degli Stati Uniti – l’ammiraglia Mount Whitney e il cacciatorpediniere Porter – sono entrate nel porto di Batumi per esercitazioni congiunte con i loro colleghi georgiani nell’ambito della loro permanenza nel Mar Nero .

USS Mounth Whitney, nel Mar Nero

È stato riferito che l’esercito russo sta monitorando le navi da guerra statunitensi nel Mar Nero.

L’esperto militare Alexei Leonkov, commentando al quotidiano VZGLYAD sull’attivazione della Marina degli Stati Uniti nel Mar Nero, ha affermato che “gli americani hanno riunito un gruppo di navi per provocazioni”, tuttavia, “dal punto di vista militare, l’uso di queste navi e aerei contro la Russia equivalgono a un suicidio”. Allo stesso tempo, l’esperto militare Viktor Murakhovsky ha affermato che “le esercitazioni senza precedenti dell’Occidente nel Mar Nero sono i preparativi per un’operazione globale contro la Russia con la partecipazione dell’Ucraina”.

Il quotidiano VZGLYAD stava cercando di capire come la Russia potesse rispondere al “pugno del Pentagono” nel Mar Nero.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus