"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Putin parla nella Riunione del consiglio del Ministero della Difesa

Vladimir Putin ha visitato  “L’Accademia Pietro il Grande” delle forze strategiche missilistiche, dove ha preso parte, il 22 di Dicembre, ad una riunione allargata annuale del Ministero della Difesa. Prima dell’incontro, il presidente ha visitato l’edificio di formazione e laboratorio dell’Accademia e il centro di formazione e ricerca, esaminando il piano di sviluppo globale dell’Accademia.

L’accademia militare delle forze strategiche missilistiche di Pietro il Grande è una delle più grandi istituzioni di addestramento militare delle forze armate russe. L’Accademia raggruppa comandanti e ingegneri militari e conduce ricerche nelle principali aree legate alle forze strategiche missilistiche.

Presidente della Russia Vladimir Putin: “compagni e compagne”,

Prima di iniziare, voglio congratularmi con le Forze armate, in primo luogo, con le forze strategiche missilistiche, in una struttura così straordinaria. Non è solo una moderna [struttura], ma una struttura che consente di formare il personale e sviluppare il settore nel senso più ampio di questa parola secondo gli standard più recenti e avanzati. Questo è estremamente importante, e voglio ringraziare gli alti funzionari del Ministero della Difesa per questo.

Vorrei iniziare anche esprimendo la mia gratitudine ai militari che hanno preso parte all’operazione anti-terrorismo in Siria, e voglio ringraziare tutto il personale delle forze armate.

Il ministro della Difesa riferirà su questo in modo più dettagliato. Dirò solo la cosa principale, ovvero che nella lotta al terrorismo internazionale, una minaccia assolutamente globale, i nostri soldati e ufficiali hanno agito coraggiosamente, professionalmente e, soprattutto, efficacemente, dimostrato le capacità qualitativamente nuove delle moderne Forze armate della Russia e hanno dato, senza alcun dubbio o esagerazione, un contributo decisivo per sconfiggere il gruppo più capace di terroristi internazionali.

Sei consapevole che, in realtà, era più di un semplice gruppo. Era un intero esercito terroristico, che era ben organizzato, unito, addestrato e armato, che minacciava direttamente il nostro paese e, ammettiamolo, il mondo intero.

In cooperazione con le truppe siriane, le forze russe hanno liberato praticamente l’intero territorio siriano dalle bande di militanti, salvato la vita a centinaia di migliaia di persone, preservato la sovranità siriana e aperto opportunità di risoluzione politica del suo conflitto interno. Le azioni del nostro esercito e della marina non possono che essere eccellenti.

Ricorderemo sempre l’impresa dei nostri compagni d’armi che perirono difendendo la Russia e il nostro popolo. Il nostro dovere umano, morale ed etico è di sostenere le loro famiglie. Lo stato e i loro compagni di servizio faranno di tutto per questo scopo.

Per favore, onorate la loro memoria con un minuto di silenzio.

(Minuto di silenzio.)

I colleghi, la situazione in Siria, con cui ho iniziato e la situazione politica militare nel suo complesso, confermano la correttezza e la tempestività delle nostre decisioni di consolidare l’esercito e la marina e incanalare le risorse necessarie in uno sviluppo militare attivo.

Abbiamo lavorato duramente negli ultimi anni: abbiamo completato profonde riforme strutturali delle Forze armate e migliorato l’efficienza dell’intero sistema dell’amministrazione militare.

Stiamo costantemente ridisegnando tutti i rami e le braccia delle nostre Forze Armate. Citerò solo alcune cifre che dimostrano le dinamiche di questo processo. Nel 2012 le moderne armi e hardware hanno rappresentato il 16% delle nostre truppe, mentre ora, alla fine del 2017, è aumentato del 60% circa e dovrebbe raggiungere il 70% entro il 2021.

Sei ispezioni su vasta scala condotte quest’anno hanno confermato l’alta prontezza delle nostre forze, la loro capacità di rafforzare rapidamente le loro unità nell’Artico e di creare gruppi autosufficienti ed efficaci in altre aree chiave della difesa nazionale.

Le esercitazioni militari strategiche russo-bielorusse congiunte Zapad-2017 volte a mantenere la sicurezza dello Stato dell’Unione sono diventate una fase importante dei programmi di addestramento al combattimento.

Nei prossimi anni, dobbiamo continuare a lavorare in modo coerente e garantire lo sviluppo qualitativo delle forze armate. Qui, vorrei sottolineare quanto segue: possiamo vedere che il mondo sta vivendo una vera rivoluzione economica, tecnologica ed educativa. Ovviamente, queste profonde trasformazioni influenzeranno inevitabilmente anche la sfera militare e lo stato degli eserciti dei principali paesi. Oltre a prestare attenzione a queste tendenze, dobbiamo renderle le fondamenta della nostra pianificazione e sviluppo militare.

Sergey Shoigu, ministro Difesa Russia

La Russia dovrebbe rimanere tra i principali stati e, in alcune aree, deve diventare un leader assoluto nella creazione di un esercito di nuova generazione che si adatti a una nuova era tecnologica. Questo è di fondamentale importanza per la nostra sovranità, la vita pacifica e la sicurezza dei cittadini russi, garantendo lo sviluppo sicuro del paese e l’attuazione di una linea di politica estera aperta e indipendente nell’interesse del nostro paese.

Dobbiamo concentrarci sui seguenti aspetti ad alta priorità del nostro lavoro attuale e futuro. In primo luogo, dobbiamo monitorare da vicino i cambiamenti nell’equilibrio globale di potere e la situazione politico-militare, soprattutto vicino ai confini della Russia, così come in regioni strategicamente importanti che hanno un significato chiave per la nostra sicurezza. Ciò riguarda anche il Medio Oriente, la penisola coreana, dove persiste un alto potenziale di conflitti, così come l’Europa, dove la NATO e gli Stati Uniti continuano a costruire rapidamente le loro infrastrutture. Come sapete, la NATO e gli Stati Uniti hanno recentemente delineato la loro strategia di difesa. È una strategia offensiva, per dirla in linguaggio diplomatico, e nel linguaggio militare si chiamerebbe aggressiva. Dobbiamo tenerne conto durante il nostro lavoro pratico.

Parliamoci chiaro: questa è l’infrastruttura offensiva che viene creata in Europa. Si tratta di violazioni delle disposizioni del trattato INF del 1987 da parte degli Stati Uniti, sfortunatamente. Molti di questo pubblico sono ben consapevoli di ciò di cui sto parlando.

Ad esempio, lanciamissili polivalenti sono già stati dispiegati in Romania e vengono dispiegati in Polonia, come parte del sistema di difesa missilistica. Formalmente, sono distribuiti per i missili intercettori, ma il punto è, e gli esperti lo sanno bene, sono unità polivalenti. Possono essere utilizzati per lanciare missili da crociera esistenti sul mare con una portata di 2.500 chilometri e, in tal caso, cessano di essere missili a base di mare e possono essere facilmente spostati sulla terraferma. Cioè, i lanciatori anti-missile possono, in qualsiasi momento, diventare unità per missili da crociera a medio raggio.

Ministero Difesa russo riunione annuale

Un altro esempio: i missili bersaglio usati dagli Stati Uniti per testare i sistemi missilistici anti-balistici sono identici ai missili balistici di media e bassa portata. Sono già lì e sono operativi. La loro produzione negli Stati Uniti potrebbe indicare lo sviluppo di tecnologie messe fuori legge dal Trattato INF.

Inoltre, il Pentagono ha ricevuto fondi per la creazione di un sistema missilistico mobile a terra con un’autonomia fino a 5.500 chilometri nel 2018. Pertanto, gli Stati Uniti stanno, di fatto, lavorando per violare il Trattato INF. Non smettono mai di cercare una qualche forma di violazione da parte nostra, pur impegnandosi costantemente nelle loro stesse violazioni , proprio come hanno costantemente e insistentemente cercato di sottrarsi al Trattato anti-balistico dei missili, che, alla fine, come sappiamo, hanno fatto in un modo unilaterale. Ovviamente questo riduce significativamente il livello di sicurezza in Europa e nel mondo in generale.

Abbiamo il diritto sovrano e ogni capacità di rispondere in modo adeguato e rapido a tali potenziali minacce. Se necessario, si prega di preparare prontamente e presentare proposte motivate sull’adeguamento dei documenti di pianificazione militare che cercano di migliorare il livello delle capacità di difesa del nostro paese.

Secondo, il nostro nuovo programma di armamenti di stato inizierà il prossimo anno. Abbiamo discusso le sue caratteristiche principali a maggio e novembre durante i nostri incontri a Sochi e numerosi incontri a Mosca. Un’attenzione particolare deve essere rivolta all’equipaggiamento delle truppe con armi ad alta precisione per aria, terra e mare, complessi aerei senza equipaggio e attrezzature individuali per i militari, oltre a sistemi avanzati di ricognizione, comunicazione e guerra elettronica.

È necessario garantire un’attuazione efficiente e agevole dei piani fin dai primi mesi. Ovviamente, monitoreremo continuamente questo processo come abbiamo fatto con il precedente programma di armamento.

In terzo luogo, come ho notato, stiamo rilevando ulteriori tentativi di sconvolgere la parità strategica dispiegando il sistema di difesa missilistica globale e i sistemi di attacco convenzionali che sono paragonabili alle armi nucleari. In termini di potenza d’attacco e precisione, sono difficilmente inferiori alle armi nucleari. Per cosa sono progettati? Credo che servano solo uno scopo, il ricatto, perché creano l’illusione di un potenziale primo colpo impunito.

Oggi le nostre forze nucleari garantiscono in modo affidabile la deterrenza strategica, ma dobbiamo svilupparle ulteriormente. Entro la fine del 2017 la quota di armi moderne nella triade nucleare della Russia ha raggiunto il 79% e entro il 2021 dovrebbero essere dotate di armi moderne fino al 90%. Mi riferisco ai sistemi missilistici che sono in grado di superare con sicurezza i sistemi di difesa missilistica esistenti e persino progettati.

In quarto luogo, dobbiamo migliorare sostanzialmente la mobilità delle nostre forze armate. Ciò riguarda l’organizzazione della loro logistica e forniture, e la capacità di essere prontamente schierati e operare ovunque richieste dalla sicurezza nazionale.

È essenziale consolidare il potenziale delle nostre forze speciali operative. Chiedo anche una revisione della questione dell’equipaggiamento, il rafforzamento qualitativo e quantitativo delle forze aviotrasportate.

Durante le esercitazioni militari del Vostok 2018 del prossimo anno, le Forze Armate dovrebbero praticare il trasferimento di un grande gruppo di personale con equipaggiamento di terra e aviazione per diverse migliaia di chilometri e dispiegarlo in nuove aree.

Ufficiali compagni,

Rafforzare le garanzie sociali per i militari e le loro famiglie è stato e rimane uno dei compiti più importanti dello stato. Ora l’economia si sta riprendendo. Abbiamo ripreso gli aggiustamenti annuali della retribuzione del servizio e consideriamo questa una priorità del nostro bilancio per i prossimi tre anni. Oltre 82 miliardi di rubli saranno assegnati ai militari del Ministero della Difesa da soli per questo scopo nei prossimi tre anni. Contemporaneamente, le pensioni militari saranno aumentate dal 1 ° gennaio.

Continueremo a migliorare il sistema di supporto medico e servizi di assistenza sanitaria per i membri del servizio e le loro famiglie, e aiutandoli a risolvere i loro problemi di alloggio. Quest’anno 9.000 hanno ricevuto alloggi permanenti e oltre 31.000 alloggi di servizio ricevuti. In totale, 457.000 persone di personale specializzato hanno ricevuto alloggio negli ultimi cinque anni.

L’immagine delle città militari sta cambiando. Il più grande di loro ha centri sportivi e di intrattenimento. Molto è stato fatto per migliorare il lavoro degli alloggi e dei servizi di pubblica utilità. Nel frattempo, in alcune città militari è ancora difficile trovare posti per bambini negli asili e nelle scuole. Lo so perché la gente mi scrive di questi problemi e il numero di ricorsi cresce.

Vorrei che il Ministero della Difesa prestasse più attenzione a questo problema. I comandanti dei distretti, delle flotte e delle città militari dovrebbero intensificare la cooperazione con le autorità locali per risolvere questa e altre questioni riguardanti la vita nelle città militari. So che i responsabili delle regioni e dei grandi comuni sono sempre pronti ad aiutare, ma è necessario lavorare con loro più attivamente.

In conclusione, vorrei ringraziare ancora una volta i comandanti e tutto il personale militare delle Forze Armate per i risultati che abbiamo raggiunto. So che ognuno di voi continuerà a servire onestamente e coscienziosamente la Russia e il nostro popolo. Vi auguro il successo.

Grazie mille.

Vladimir Putin

Fonte: Sputnik News

Traduzione: Sergei Leonov

*

code

  1. Silvia 6 mesi fa

    I Russi dovrebbero non tenere in nessun conto questi “Trattati” con gli Stati Uniti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Brancaleone 6 mesi fa

    Esattamente sig.ra Silvia, come ha fatto Obama quando strombazzo’ il solenne impegno al G8 di L’Aquila che avrebbe provveduto al restauro dei beni artistici danneggiati. Non e’ arrivato un dollaro.
    Per contro, le promesse di Putin sono state puntualmente rispettate.
    E’ inutile che accusano, lanciano invettive, america the first e puttanate a go go. Le menzogne sono la loro stella polare e a forza di dirle, le snocciolano anche quando non servono. Il problema etico si pone a chi ha un’etica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace