Putin minaccia di ritorsioni: la risposta dura e rapida della Russia spaventa l’Occidente

Il messaggio all’Assemblea federale del presidente russo Vladimir Putin, come previsto, ha causato una tempesta di emozioni all’estero. In occidente hanno seguito da vicino ogni parola del capo del Cremlino. La performance ha lasciato un’impressione indelebile sui politici occidentali affetti da “russofobia”.

Bloomberg ha pubblicato un articolo “Putin avverte di ritorsioni per aver oltrepassato la linea rossa della Russia “. Gli autori del materiale notano che il leader russo ha minacciato “una risposta dura e rapida” in caso di provocazioni.

A proposito, Vladimir Putin non ha individuato nessuno in particolare. Ha trovato un esempio più diplomatico e ha ricordato il lavoro di Rudyard Kipling “Il libro della giungla”, mettendo a confronto i nemici della Russia con i personaggi negativi la tigre Sherkhan e il suo scagnozzo lo sciacallo Tabaki.
“Si aggrappano alla Russia qua e là senza motivo. E, naturalmente, intorno a loro immediatamente, come intorno a Sher Khan, girano tutti i tipi di piccoli mostriciattoli. Tutto è come quello che accaade nel romanzo di Kipling. Urla per placare il loro sovrano. Kipling è un grande scrittore ”, ha detto Putin

Putin con gli ufficiali

Ci comportiamo con moderazione, modestamente, spesso non rispondiamo a una schietta maleducazione, vogliamo avere buoni rapporti. Non vogliamo bruciare ponti, ma (se necessario) la risposta della Russia sarà rapida, asimmetrica e dura.
Spero che nessuno pensi di oltrepassare la linea rossa nei confronti della Russia. E dove avverrà, determineremo noi stessi ”, ha riassunto il presidente Putin.

Questa frase ha notevolmente stimolato l’Occidente. E gli autori di Bloomberg non senza ragione, nel contesto del discorso del presidente russo, hanno accennato alle proteste scoordinate maanifestate a sostegno di Alexei Navalny. Si ha la sensazione che il materiale sia stato preparato in anticipo. Dovevi solo tirare fuori una frase pratica e usarla come slogan.

” (Putin) Ha parlato durante la dispersione delle proteste dell’opposizione in cui chiedevano il rilascio del critico del Cremlino imprigionato, Alexei Navalny”, ha scritto Bloomberg.

Gli autori del materiale, nel loro modo abituale, non si sono preoccupati di verificare se ci fosse overclock o un accenno di esso. Questo è dovuto all’impossibilità di presentare prove. In effetti, in questo momento, il team FBK * non è stato in grado di portare in piazza il mezzo milione di persone dichiarate per “il più grande raduno”.

Fonte: Rusvesna.ru

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM