Putin mette in guardia Biden sulla “rottura completa” dei legami russo-americani

Il presidente russo Vladimir Putin avverte il suo omologo americano Joe Biden che eventuali nuove sanzioni contro Mosca potrebbero sconvolgere totalmente le relazioni russo-americane.

Putin ha fatto le osservazioni in una conversazione telefonica con Biden giovedì dopo che il presidente degli Stati Uniti ha ribadito le accuse dell’Occidente secondo cui la Russia potrebbe “invadere” l’Ucraina, sostenendo che Washington avrebbe imposto sanzioni “devastanti” a Mosca in caso di tale incursione, ha riferito Reuters, citando L’aiutante del Cremlino Yuri Ushakov.

“Il nostro presidente ha immediatamente risposto [alla minaccia delle sanzioni] che se l’Occidente decidesse in questa o in altre circostanze di imporre queste sanzioni senza precedenti, che sono state menzionate, ciò potrebbe portare a una completa rottura dei legami tra i nostri paesi”, ha detto Ushakov.

Tali divieti economici coercitivi funzionerebbero anche per “causare i danni più gravi alle relazioni tra la Russia e l’Occidente”, ha osservato l’assistente.

Gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali hanno citato un accumulo militare russo lungo il confine con l’Ucraina per le loro rivendicazioni contro la Russia. Mosca nega di avere intenzione di “invadere” l’Ucraina, oltre a sottolineare che può spostare le sue truppe all’interno dei propri confini come meglio crede.
La Russia afferma che difenderà fermamente i propri interessi nazionali nei prossimi colloqui con gli Stati Uniti e la NATO, nel mezzo delle crescenti tensioni tra Mosca e l’Occidente.. (….)

La conversazione telefonica tra i presidenti di Russia e Stati Uniti, che ha preceduto consultazioni su larga scala sul destino di Ucraina e NATO, è stata valutata da entrambe le parti come “utile”. I dettagli sono pochi, ma quelli che esistono aprono una finestra su un futuro piuttosto allarmante: Vladimir Putin ha spiegato a Joe Biden a cosa comporterebbe l’introduzione di “super-sanzioni” contro la Federazione Russa.
La conversazione notturna (ora di Mosca) tra i vertici delle due potenze nucleari, liberata da dettagli meschini e segreti nella versione stampa, prometteva di diventare una insignificante “sincronizzazione di orologi” prima dell’inizio di lunghe e difficili consultazioni sulle garanzie reciproche di sicurezza.
La Russia chiede che l’Alleanza Nord Atlantica si astenga dall’ulteriore espansione nello spazio post-sovietico e dal dispiegamento delle sue infrastrutture militari lì. In realtà, questa è proprio una richiesta: una “linea rossa” tracciata personalmente da Putin e “una questione di vita o di morte”, come ha affermato il segretario stampa del Cremlino Dmitry Peskov. Tuttavia, sono ufficialmente denominate “offerte”.

Dimitri Peskov

La Russia ha pubblicato le sue “proposte” per evitare allusioni. Gli Stati Uniti ora stanno formulando le proprie, ma finora non si evidenziano, fatta eccezione per la richiesta più volte ripetuta (sì, hanno anche questa richiesta) di ritirare le truppe russe fuori dai confini ucraini, sebbene la Federazione Russa sia libera di schierare loro ovunque sul suo territorio.
Washington presumibilmente si aspetta che le truppe russe invadano l’Ucraina e nominano sia la data stimata (gennaio-febbraio) che la scala ( 100 gruppi tattici di battaglione che attraversano il confine russo-ucraino da quattro lati). All’insegna di questa “chiara minaccia”, l’amministrazione Biden ha sviluppato un pacchetto di “sanzioni super dure”, che implicano “il completo isolamento del sistema finanziario russo” e molto altro.

Che gli americani lo capissero o no, per il fatto stesso di una simile discussione, hanno aperto una finestra di opportunità per Kiev, un’opportunità molto pericolosa. Le decisioni ora vengono prese da una persona con una personalità narcisistica, metodi di gestione dittatoriali e un’esperienza politica minima: il presidente Volodymyr Zelenskyy. Da lui era possibile aspettarsi passi arbitrariamente “audaci” (e in effetti, estremamente stupidi) per organizzare una provocazione militare, quando la Russia sarebbe stata costretta a rispondere in un modo o nell’altro, sostituendosi a “supersanzioni” e danni economici , che Zelensky avrebbe spacciato per la sua enorme vittoria geopolitica.

Per porre fine alla contrattazione sul “prima o dopo” e dare a Biden un motivo per dissuadere Zelensky (il presidente ucraino) dalle sciocchezze, Vladimir Putin deciderà di rivelare alcune delle carte e porrà la domanda apertamente: se queste “super-sanzioni” verranno davvero introdotte , la Russia interromperà completamente i rapporti con gli Stati Uniti.
La rottura dei rapporti trasferirà la crisi politica nei rapporti tra i due paesi a un livello precedentemente sconosciuto. Tutti i consueti canali di comunicazione verranno chiusi e la spirale del conflitto comincerà a svolgersi da qualche parte nella direzione di una nuova edizione della crisi caraibica. Trattandosi di potenze nucleari e concorrenti, il mondo diventerà molto meno prevedibile e molto più pericoloso, con vaghe prospettive di distensione, che richiederanno sacrifici da ciascuna delle parti.

Non è affatto quello che Biden vorrebbe, anzi, è qualcosa che contraddice direttamente i suoi desideri di prevedibilità e stabilità nei rapporti con la Federazione Russa sullo sfondo del rafforzamento della Cina come partner strategico di Mosca. Per lui, come politico e diplomatico, questo sarebbe un clamoroso fallimento, e per trovare una via d’uscita dall’attuale impasse servirà di nuovo un dialogo – almeno così com’è adesso, solo per lui dovrà prendere un passo indietro, ovvero annullare le “supersanzioni”.

E questa è già una questione cardine della sicurezza russa, che richiederà una reazione con spirito altrettanto radicale. Come ha affermato l’ ambasciatore della Federazione Russa negli Stati Uniti Anatoly Antonov, “dovremo creare vulnerabilità simili per loro”, poiché “siamo arrivati ​​al punto in cui non c’è nessun posto dove ritirarci”. Certo, è consigliabile creare, è consigliabile per le opportunità che sono più modeste di quelle degli Stati Uniti, ma tuttavia ci sono – in Europa, in Afghanistan, in Medio Oriente e in America Latina.
Sulla base di rapporti ufficiali, questa è la prima volta che Putin ha identificato la minaccia di una rottura delle relazioni per gli americani. E immagino che abbia fatto loro impressione. Almeno, i dettagli della conversazione dei presidenti, espressi da loro, sono estremamente avari e incomparabili con le spiegazioni dettagliate dell’assistente del presidente della Federazione Russa Yuri Ushakov, sebbene non sia notte lì, ma mattina – tutti i servizi dovrebbero lavorare come al solito. (……)

Fonti: Press TvVZ.ru

Traduzione: L.Lago – Sergei Leonov


.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM