Putin: L’Occidente sta cercando di incatenarci … Stiamo affrontando “la politica di contenimento della Russia”

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato oggi che gli sforzi degli USA e della UE sono volti a “provocare la destabilizzazione interna per minare i valori che uniscono la società russa e, in ultima analisi, indebolire la Russia e metterla sotto controllo esterno”.

l presidente russo Vladimir Putin ha esortato, oggi, mercoledì, l’agenzia di intelligence interna a stare all’erta in previsione di tentativi di “incatenare” il Paese, dopo che l’Unione Europea ha annunciato nuove sanzioni contro Mosca.

Rivolgendosi al Servizio di sicurezza federale (FSB) nel suo discorso annuale all’agenzia di intelligence nazionale, Putin ha affermato che l’Occidente sta “cercando di incatenarci con sanzioni economiche e di altro tipo”, aggiungendo: “Stiamo affrontando quella che viene chiamata la politica di contenimento della Russia. . “

Putin ha sottolineato che “la questione non è legata alla concorrenza … piuttosto, è una linea coerente e aggressiva volta a ostacolare il nostro sviluppo, rallentandolo e creando problemi lungo i nostri confini”, considerando che l’Occidente sta utilizzando strumenti tratti “dall’arsenale dei servizi di intelligence. “
Putin ha anche affermato che gli sforzi dell’occidente mirano a ” provocare la destabilizzazione interna per minare i valori che uniscono la società russa e alla fine indebolire la Russia, ponendola sotto controllo esterno”.

I commenti di Putin arrivano in un momento in cui le relazioni tra Russia e Occidente hanno raggiunto i livelli più bassi dalla Guerra Fredda, mentre le nuove sanzioni europee e americane hanno pesato su Mosca per l’arresto di Alexei Navalny (il presunto dissidente legato ai servizi di intelligence occidentali)..
All’inizio di questo mese, Putin ha accusato l’Occidente di usare Navalny per contenere la Russia, una frase che si riferisce alla vecchia strategia degli Stati Uniti verso l’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda.

Reparti russi del FSB vigilano contro agenti provocatori sostenuti dall’occidente

Lavrov: Le capitali occidentali vogliono approfittare della pandemia per punire i governi indesiderati

Da parte sua, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha diretto un’accusa contro i paesi occidentali, che ha definito “egoisti” e che lavorano per “beneficiare politicamente” della pandemia di Coronavirus.

“Sfortunatamente, nonostante l’epidemia e l’apparente necessità di unire i nostri sforzi, alcuni dei nostri partner occidentali rifiutano di riconsiderare la loro posizione egoistica e non abbandonano i loro metodi coercitivi e illegali di intimidazione e pressione”, ha detto Lavrov.
Lavrov ha aggiunto che le capitali occidentali hanno “il desiderio di approfittare dell’epidemia per punire i governi indesiderati”, soprattutto “rifiutandosi di sospendere le sanzioni economiche come parte della lotta contro il Covid-19”.

Maria Zakharova

All’inizio della giornata, la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha denunciato le misure punitive europee contro il suo paese, descrivendo la decisione europea come un “mutuo” per gli Stati Uniti .

È interessante notare che le posizioni della Russia sono state in conflitto con i paesi occidentali per diversi anni su molte questioni, dall’Ucraina alla guerra in Siria. Il presunto avvelenamento dell’avversario Alexei Navalny e la sua prigionia dopo il suo ritorno in Russia hanno ulteriormente esacerbato queste divisioni.

Mosca, in particolare, denuncia le sanzioni occidentali che hanno preso di mira la Russia dalla sua annessione della penisola ucraina di Crimea e quelle che colpiscono altri paesi come il Venezuela, la Siria o l’Iran.

Questa settimana l’Unione Europea ha annunciato l’ imposizione di sanzioni contro quattro funzionari russi sulla prigione di Navalny, da aggiungere a una serie di sanzioni a cui la Russia è stata sottoposta, soprattutto a causa del conflitto in Ucraina.

Fonte: Al-Mayadeen Net

Traduzione: Fadi Haddad

22 Commenti

  • Eugenio Orso
    24 Febbraio 2021

    Contiunuano a chiamare gli assassini occidentaloidi “partner” …
    Per noi, qui, sotto il loro tallone, sono soltanto nemici che più nemici non si può.
    Comunque, sentite le ultime dichiarazioni russe, che la Russia stia inizando a svegliarsi?
    L’Orso che abbatte l’aquila spiumata non sarebbe male …

    Cari saluti da Orso

    • alessandro parenti
      24 Febbraio 2021

      La Russia(o Putin) dovrà arrivare a capire che non si sta confrontando contro altre nazioni e dovrà rivolgere le sue minacce e reazioni non ad esse, ma a chi le comanda in prima persona cioè gli uomini occidentali più ricchi e potenti. Gates,Bezos, Elon Musk,Zuckerberg,i Rotshild, Rockfeller e altri. Magari una decina. I primi dieci. E dirgli chiaramente: se l’Occidente ci attacca la cosa è fatta in qualche maniera con il vostro beneplacito, quindi un missile ipersonico su per il culo a voi dieci non lo toglie nessuno. Che siate sul vostro megayacht o nella vostra tenuta in campagna. E dichiararlo pubblicamente. Questo per la pace nel mondo.. E credo che funzionerebbe.

      • Eugenio Orso
        25 Febbraio 2021

        Non so se una controprogranda di matrice russa e, in generale, di quella che è stata chiamata l’asse della Resistenza funzionerebbe.
        La propaganda occidentaloide è molto forte, onninvasiva, e le popolazioni occidentali (fra le prime quella italiota) hanno subito decenni di manipolazione antropologica e culturale …
        Ai tempi dell’Unione Sovietica, più decisa e aggressiva dell’attuale Federazione Russa, in “occidente” si concedevano miglioramenti concreti alle popolazioni occidentali e alle classi dominate di allora, per la concorrenza “globale” del modello socioeconomico sovietico, che avrebbe potuto smuovere le classi dominate in occidente e nel nord del mondo …
        Oggi non c’è neppure questo aspetto.

        Cari saluti

        • Emanuele Scotti
          25 Febbraio 2021

          La soluzione finale! Brilliant!..

        • alessandro parenti
          25 Febbraio 2021

          Io non ho parlato di propaganda indirizzata al popolo bue,complicata e costosa. Ho parlato di minacce esplicite ai mandanti che spingono le popolazioni ignoranti a farsi guerra tra loro per accontentare i mandanti.

  • ANDREA
    24 Febbraio 2021

    Presidente Putin, detto da un dilettante,

    è l’ora di un Atto di Forza,

    è l’unico modo per tagliare il nodo scorsoio degli Usa sulla UE,
    è l’unico modo per obbligare la UE a guardarsi allo specchio e di guardare dove sta la Russia e dove gli Usa,
    tanto sul terreno la Nato è più debole di quanto la sua propaganda vuole far credere,
    nessun Paese Nato vuole scornarsi con voi Russi, a casa vostra,

    riprenditi l’Ucraina,

    quella Nazione che storicamente non è MAI STATA una Nazione,
    non verranno i Marines americani a CASA VOSTRA a combattere e morire per l’Ucraina

    obbliga la UE a fare un “paio di conti” ….

    • atlas
      25 Febbraio 2021

      tutti coloro che desiderano subito, d’impeto, d’impulso, benchè animati dai più nobili intendimenti, un ‘atto di forza’ della Russia, sono deficitari. Deficitari di forza: mentale, fisica, spirituale, culturale, politica e strategica. La Russia è forte. E’ forte perchè non è mai stata presa nella sua storia dalla spirale democratica. E’ forte perchè mantiene ancora saldi i propri vincoli razziali. E’ forte perchè ha un territorio impervio ed immenso. Sono forti perchè strutturati da decenni nel Socialismo e nel Sovranismo non nella democrazia.

      La Russia quando litiga per difendere i propri interessi Nazionali, Sociali e Popolari non lo fa scendendo alla stregua di 2 ragazzini che a scuola o al campetto del parco si prendono a parole e a spinte minacciando. La Russia con una testata rompe il naso senza dire una parola, direttamente spacca tutti i denti, interviene sulla rotula del ginocchio. I danni provocati dalla Russia al nemico sono indelebili e irrimediabili, efficienti. Ecco perchè i democratici sbraitano e si agitano nervosi blaterando scureggiosamente. Ragionate sempre con criteri democratici, per abitudine voi italiani, da bastardi perchè ormai ce l’avete nel sangue, e anche tanti duo siciliani, incapaci ormai di vedere realmente e di pensare un sistema diverso, espresso da gente dai valori creativi razziali differenti e differenziati. Solo 10 anni sono bastati, tra un Gorbaciov traditore mellifluo di merda e un porco ubriacone come Eltsin per fare poi riaffiorare obbligatoriamente un Uomo dell’autentica Russia come Putin. L0unico appunto è che il continuare ad essere presenti in organizzazioni internazionali li espone solo nel modo economico a rappresaglie occidentali, ma anche lì, evidentemente è tutto calcolato e si simula diplomaticamente, i vantaggi saranno sicuramente superiori agli svantaggi. Nell’attesa di svincolarsi totalmente

      “Etichette e giudizi

      così ci hanno indotto a ragionare. La nostra dialettica, le nostre osservazioni si riducono sempre nel recinto costruito ad hoc dal nuovo sistema in essere. Ragionare è proibito. Il bombardamento mediatico in atto non ci lascia tempo per riflettere, riempie ogni spazio, ogni momento, ci asfissia con i suoi dati ed i suoi moniti. Chi prova ad uscire dal seminato commette spesso l’ingenuità di giustificarsi, di auto etichettarsi come vuole la narrazione dominante, cadendo in una trappola dialettica da cui ha poche speranze di uscire indenne.
      Carl Gustav Jung disse:
      “pensare è molto difficile, per questo la maggior parte della gente giudica. La riflessione richiede tempo, perciò chi riflette già per questo non ha modo di esprimere continuamente giudizi.”

      Condannare aprioristicamente ogni forma di ragionamento “non conforme” attraverso giudizi ed etichette. È questo a cui ci vogliono ridurre. È così che vogliono ingabbiarci. Laddove prolifera il continuo giudicare non può esserci raziocinio e libero pensiero. Il giudizio non supportato dal tempo di cui necessita la riflessione è nemico giurato della ragione.” G. Meriano

      • Fratello Marcus
        25 Febbraio 2021

        “La Russia con una testata rompe il naso senza dire una parola, direttamente spacca tutti i denti, interviene sulla rotula del ginocchio.”…..ma non perché ti odia, è che gli hai minacciato la famiglia.

      • alessandro parenti
        25 Febbraio 2021

        Ottima disamina, terronaccio.

    • Hannibal7
      25 Febbraio 2021

      Sono pienamente d’accordo con lei egregio sig. Andrea
      La Russia non può continuare a prendere ceffoni in faccia così…a gratis
      Mi sono rotto le palle io a sentire le lamentele degli USA, della Nato e della UE nei confronti della Russia,figuriamoci i russi stessi….sarà venuta loro una orchite
      Saluti né

  • atlas
    25 Febbraio 2021

    mai stato democratico

    ” viviamo in un’Unione Europea che si spaccia come il non plus ultra dei diritti civili e politici del mondo intero, dove impera il politicamente corretto e in cui viene tutelata (e finanziata) per legge ogni tipo di minoranza sessuale (LGBT+) ed etnica, ma guai a chi osi professare opinioni contrarie all’autocrazia che regna tra Francoforte e Bruxelles.

    Così nella democraticissima Germania può succedere che un noto avvocato di 85 anni, Hörst Mahler, sia stato da poco scarcerato dopo aver trascorso una pena totale di 10 anni e 2 mesi di prigione per aver espresso delle “opinioni dissenzienti”. Avete letto bene: opinioni dissenzienti!

    Così nell’ambito della sua liberazione condizionale, la Procura di Monaco aveva proposto delle misure costrittive per un periodo di altri 5 anni al fine d’impedirgli “pubblicazioni non autorizzate”. In altre parole la Procura avrebbe voluto impedire a Mahler di pubblicare dei testi su internet o su altri media, a meno che egli ne avesse informato in anticipo l’Ufficio della polizia criminale dello Stato di Brandeburgo, Dipartimento centrale della sicurezza dello Stato, almeno una settimana prima della data prevista per la pubblicazione. E poi, nel caso questi suoi scritti non fossero graditi alle autorità governative, impediti alla circolazione via web o altre forme.

    È così che funziona la democrazia 3.0, quella che vi rinchiude a casa vostra e v’impedisce di vivere con la scusa di non farvi prendere un raffreddore spacciato come covid ! ” Paolo Sensini

  • Wodka
    25 Febbraio 2021

    Essere una potenza nucleare e tenere metà della popolazione rinchiusa dentro un bidone della spazzatura …non credo sia il miglior sistema di democrazia.
    Pertanto…prima di sparare al cielo
    inginocchiati e prega, prega che quel sistema possa cambiare e ben vengano uomini con le idee di Gorbaciov.
    Sicuramente ne andrebbero a beneficio delle realtà nascoste nel territorio Russo
    .

    • Monk
      25 Febbraio 2021

      Ben vengano uomini con le idee di Draghi, Conte, Renzi, Salvini e Meloni (maschiaccio falso e rozzo)?

    • Eugenio Orso
      25 Febbraio 2021

      Evidentemente, VODKA, o sei un troll pagato da qualcuno per disturbare e seminare zizzania, oppure la Wodka, quella vera e alcolica, di almeno 40°, ti ha dato alla testa …

  • Paul Droogo
    25 Febbraio 2021

    Bravo, bravo “WODKA”.
    Ti meriti una merendina della Nuland.
    https://images.app.goo.gl/WTbizbBozyRfBtaE6

  • Monk
    25 Febbraio 2021

    Putin è un esperto di arti marziali, seriamente, non come molti bambocci che con una cintura verde di karate sono convinti di essere Chuck Norris, e come dice la vecchia scuola delle arti marziali: ‘il migliore combattimento è quello che si evita di fare’, i russi evitano, sperando che non nascondano altro, ma qui entra in gioco la mia maledetta malizia, nel momento in cui non mi fido di nessun potere.

  • eusebio
    25 Febbraio 2021

    Solo nel 2020 in Russia sono stati sventati oltre 70 attentati, ormai la pressione non è solo economica attraverso le sanzioni e militare con incursioni di navi e aerei, solo poche ore fa una nave greca e una spagnola sono entrate nel Mar Nero, pochi giorni fa due Mirage 2000 francesi dalla Romania hanno puntato sulla Crimea e non l’hanno sorvolata solo perchè due Sukhoi li avevano intercettati.
    La Russia è impegnata a difendere i suoi cittadini e connazionali da attacchi di diversa natura lanciati da tutte le parti, come la Cina che solo qualche giorno fa ha dovuto vedere tre navi da guerra, una USA, una francese e una giapponese passare per lo Stretto di Taiwan, praticamente in acque territoriali cinesi.
    Il ministro degli esteri britannico ha invitato l’ONU a prendere provvedimenti per le secondo lui gravissime violazioni dei diritti umani in Russia, Bielorussia, Cina e Birmania, si è scordato Venezuela e Iran, poi aveva completato la lista.

  • Eugenio Orso
    25 Febbraio 2021

    I disordini in Armenia, paese vicino alla Russia, centrano qualcosa?
    Forse sì …. e ci sarà “qualcuno” (lascio a voi indovinare chi) che soffierà aul fuoco.

    Cari saluti

  • Sarmata
    25 Febbraio 2021

    Russi e cinesi sono strateghi di alta qualità…ma non pensare che risolveranno i problemi dei popoli occidentali sottomessi…giustamente penseranno alla loro razza…

  • Sarmata
    25 Febbraio 2021

    O ci svegliamo o buonanotte

  • ANDREA
    25 Febbraio 2021

    A monte di tutto le questioni non sono semplici, sono semplicissime …

    si certo,
    l’alta politica,
    l’alta finanza,
    l’alta strategia geopolitica,

    ma a monte di tutto le questioni sono SEMPLICISSIME,
    la Russia è un nostro VICINO di casa da secoli,
    la Russia vorrebbe solo un comportamento in BUONA FEDE dall’Europa

    è tutto qui.

    la Russia non vuole invaderci, non vuole sottometterci, vuole solo avere rapporti dignitosamente reciproci e alla pari,
    è tutto qui

    ci vuole tanto per capire che l’altra parte dell’atlantico non vuole esattamente questo, da mò?
    ci vuole tanto per capire che oggi un’Europa con solidi legami politico-economici con la Russia sarebbe un grande SOGGETTO di riferimento mondiale?
    sia come potenza economica-finanziaria, come potenza politica, come potenza militare,

    la soluzione l’abbiamo a 4 passi da casa nostra,
    solo che noi europei siamo “stupidi” ….. da secoli

Inserisci un Commento