Putin in Siria ha reso omaggio al cristianesimo e all’Islam

Il presidente russo Vladimir Putin ha visitato la Moschea omayyade e la Cattedrale di Santa Maria in Siria. Quindi, ha dimostrato che Mosca non divide i siriani lungo linee confessionali, sostenendo l’instaurazione della pace in questo paese mediorientale e un bene comune per tutti.

Il presidente russo Vladimir Putin, durante una visita in Siria ieri, 7 gennaio, ha trovato il tempo non solo per la politica. Secondo il sito web del Cremlino, Putin e il presidente siriano Bashar al-Assad “hanno esaminato la moschea omayyade, conosciuta come la grande moschea di Damasco, una delle più grandi e antiche moschee del mondo. In ricordo di una visita alla moschea, Vladimir Putin ha presentato in dono il Corano del 17 ° secolo. Quindi il capo dello stato russo ha visitato la Chiesa ortodossa della Santa Vergine Maria, dove ha comunicato con il Patriarca di Antiochia e tutto l’Oriente, Giovanni X ”.

TASS riporta alcuni dettagli con riferimento al segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov. Quindi, un tour per Putin e Assad è stato condotto dal direttore del museo della moschea. Entrambi i capi hanno reso omaggio ad uno dei grandi santi, San Giovanni Battista, che è ugualmente venerato sia dai cristiani che dai musulmani.
In ricordo di una visita alla moschea omayyade, il presidente russo ha presentato in dono un Corano del 17 ° secolo e ha lasciato un biglietto nel suo libro degli ospiti. E nella cattedrale del Patriarcato Antioco, Putin ha incontrato il Patriarca di Antiochia e tutto l’Oriente, Giovanni X . “Durante una conversazione con Putin, il patriarca ha sottolineato che in Siria diverse confessioni – cristiani e musulmani – coesistono pacificamente e godono esattamente degli stessi diritti”, ha affermato Peskov. – Giovanni X ha fatto anche notare che, se non fosse stato per l’aiuto dell’esercito russo, allora il leader terrorista Abu Bakr al-Baghdadi o qualche altro leader dei miliziani avrebbe potuto trovarsi a predicare “la jihad” sul sito del tempio ”.

Assad e Putin nella grande Moschea di Damasco


In occasione della festa della Natività di Cristo, il presidente russo ha presentato il Patriarca di Antiochia, la cui Chiesa un tempo, insieme a Roma e Costantinopoli, aveva il primato nella Chiesa ecumenica, icona della Vergine Maria. Putin e Assad hanno acceso due candele nella cattedrale per soddisfare i desideri di pace e sicurezza nella sofferenza della Siria.

Oggi gli ospiti stranieri arrivano raramente in Medio Oriente. Tra i politici occidentali, si possono ricordare le visite di alti politici americani in Iraq. Tuttavia, non ricordiamo che questi dedichino tempo ai cristiani e ai musulmani locali. Anche se l’obiettivo è dichiarato di augurare buon Natale, queste congratulazioni si limitano ai militari statunitensi situati in Iraq. Questa non è una condanna, si tratta di quale stile di comunicazione scelgono questi o altri leader, il che è interessante per loro e per gli stati che guidano.
Le azioni delle autorità russe in Siria non si limitano ad aiutare Damasco nella lotta contro gli estremisti di ogni genere. In questi giorni, un paese del Medio Oriente devastato dalla guerra è stato visitato da una delegazione di turisti stranieri che hanno visitato Palmyra. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa siriana SANA, hanno esaminato le rovine di un’antica città, distrutto dai barbari dell’ISIS (un’organizzazione le cui attività sono vietate nella Federazione Russa). Palmyra non fu fortunata, dovette essere liberata due volte dalle forze dell’esercito siriano e dal contingente militare russo. Nell’intervallo tra la prima e la seconda liberazione, i banditi hanno rotto ciò che prima non avevano. Ma la Russia ha promesso di aiutare a ripristinare il santuario e mantiene le sue promesse.

Il formato della visita del presidente russo, che ha combinato le visite alla Grande Moschea di Damasco e alla chiesa cristiana, si è rivelato appropriato. I loro destini si incrociano in una certa misura storicamente. La Cattedrale della Santa Vergine Maria è considerata la chiesa più antica della Siria, alcune fonti risalgono alla sua costruzione nel II secolo d.C. I suoi primi parrocchiani si radunarono segretamente qui, e dopo che l’imperatore romano Costantino il Grande riconobbe il cristianesimo, vennero alla luce. Tuttavia, fino all’VIII secolo, la chiesa di San Giovanni Battista era considerata la principale chiesa cristiana di Damasco. Nell’era della conquista islamica, fu distrutta, così come lo fu la Cattedrale della Santa Vergine Maria. E nel 706, il califfo omayyade Walid I offrì ai cristiani una sorta di “baratto”: come compenso per la chiesa di Giovanni Battista, sul sito del quale fu costruita la Grande Moschea di Damasco, la cattedrale fu restituita ai seguaci di Cristo, divenne allora superiore. Il suo destino non è stato facile. Fu ripetutamente sottoposto alle incursioni dei ladri. Nel 1860, durante il conflitto druso-maronita, i rivoltosi distrussero l’intero complesso della cattedrale e il quartiere cristiano. Tre anni dopo, la cattedrale fu restaurata dal patriarca di Antiochia, Hierofei, con fondi forniti dal governo e assistenza dalla Russia.

Oggi, tuttavia, i cristiani e i musulmani siriani non hanno nulla da condividere. In tutti questi anni di guerra furono perseguitati da vari estremisti e fanatici. In tali momenti, non dipende dalle discussioni religiose. Innanzitutto, devi trovare la pace, ripristinare e stabilire la vita quotidiana e far tornare a casa molti rifugiati. In questo senso, l’esercito russo aiuta a creare una base su cui possono svilupparsi con calma e sicurezza nuove forme di statualità e tessuto sociale siriani.
Prima di volare in Siria, il presidente Putin si è incontrato nella notte di Natale, 6-7 gennaio, a San Pietroburgo, nella Cattedrale della Trasfigurazione, dove è stato battezzato. “Nei luminosi giorni di Natale, milioni di persone in tutto il mondo provano gioia ed elevazione emotiva, sentimenti speciali di coinvolgimento nelle tradizioni secolari, tramandate di generazione in generazione. I loro cuori sono pieni di amore fede nel trionfo della bontà e della giustizia “, ha detto il leader russo. Questo desiderio può essere rivolto ai siriani. Lasciateli stare bene ed in pace.

Stanislav Stremidlovsky

Nota: La Siria si trova ancora sotto sanzioni da parte della Comunità Europea. A Bruxelles, Parigi e Londra non si vuole che il paese arabo, culla delle più antiche comunità cristiane, possa tornare alla normalità.

https://regnum.ru/news/polit/2823961.html

Fonte: Regnum.ru

Traduzione e nota: Luciano Lago

4 Commenti

  • Alessandro
    8 Gennaio 2020

    Un uomo che verrà ricordato nelle grandi pagine diella storia. Onore a te Vlad.

  • Santini
    8 Gennaio 2020

    Ai beoti un promemoria e che vi sia sempre caro ” Gli uomini al potere in questo secolo non Hanno a che fare soltanto con I Governi, con I Re ,con I Ministri ,ma aNche con le Societa’ Segrete .All’ultimo momento esse possono annullare qualunque accordo possiedono agenti ovunque senza scrupoli esse possono Se lo Giudicano Conveniente Scatenare un massacro ” Benjamin Disraeli Prime Minister inglese di origine Ebrea , Capite ? Tutto teatro kosher per tenere le masse di coglioni nella paura e nel dubbio ,ricordatevi sempre che per gli Ebrei I veri padroni Di Tutto noi non Ebrei siamo bestie a sembianze Umane buone solo per servirli e divertirli

    • atlas
      8 Gennaio 2020

      intanto questo è ciò che tu ‘adori’, parole tue, il TUO papa. E poi vieni a scriverci di negri e clandestini. Vai a raccogliere olive piegato in due

      BERGOGLIO, UNA NUOVA RIVELAZIONE

      Qual’ è stato il peccato di Sodoma, per cui l’antica città venne incenerita? Finalmente la Pontificia Commissione Biblica ci chiarisce ogni dubbio, in uno studio che è stato commissionato dal “Santo Padre”: – ” un peccato che consiste nella mancanza di ospitalità, con ostilità e violenza nei confronti del forestiero, comportamento giudicato gravissimo e meritevole perciò di essere sanzionato con la massima severità, perché il rifiuto del diverso, dello straniero bisognoso e indifeso, è principio di disgregazione sociale, avendo in se stesso una violenza mortifera che merita una pena adeguata”.

      Finalmente corretti duemila anni di fraintendimenti, per cui addirittura “sodomia” è diventato, tra il popolino, sinonimo del peccato impuro contro natura. Un errore condiviso persino da “Giuda fratello di Giacomo” , palesemente un contemporaneo di Cristo, di cui c è stata tramandata una lettera canonica: “Così Sòdoma e Gomorra e le città vicine, che alla stessa maniera si abbandonarono all’immoralità e seguirono vizi contro natura, stanno subendo esemplarmente le pene di un fuoco eterno” (Giuda 7).

      Ma che dico, duemila anni di errori, tramandati dai discepoli stesso di Gesù? Sono 2500 anni, di errori! Ezechiele, che fu uno dei deportati di Babilonia, nel 597 a. C., anche lui pensava a quel peccato “là”: : “Ecco, questa fu l’iniquità di […] Sodoma: lei e le sue figlie vivevano nell’orgoglio, nell’abbondanza del pane e in una grande indolenza, ma non sostenevano la mano dell’afflitto e del povero. Erano altezzose e commettevano abominazioni davanti a me” (16, 49-50). Dove “abominazioni” è termine costante (per es. Levitico 18: 22) indicare l’omosessualità.

      Ora sappiamo come regolarci: possiamo partecipare ai gay pride e alle loro feste ed orge dove si “conoscono”, purché non cadiamo nel peccato dei peccati, “la mancanza di accoglienza e ostilità” verso il clandestino. Il delitto “abominevole” è solo quello.

      da un’articolo proprio di Maurizio Blondet

  • Maurizio
    8 Gennaio 2020

    Putin e Assad sono da ammirare e prendere come esempio per la pace nel mondo. Onore ad entrambi.

Inserisci un Commento

*

code