Putin: “I legami tra Russia e Cina rappresentano un modello di cooperazione tra grandi potenze nel 21° secolo”


Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping tengono colloqui in videoconferenza.
Questo venerdì, il presidente russo, Vladimir Putin, e il suo omologo cinese, Xi Jinping, hanno realizzato colloqui in videoconferenza.

All’inizio dell’incontro, il leader russo ha sottolineato come, in un contesto di crescenti tensioni geopolitiche, stia crescendo l’importanza dell’associazione tra i due Paesi come “fattore stabilizzante” . Allo stesso tempo, Putin ha osservato che i legami Russia-Cina “rappresentano un modello di cooperazione tra grandi potenze nel 21° secolo ” .
“Le nostre relazioni hanno resistito adeguatamente a tutte le prove, dimostrano maturità e stabilità e continuano ad espandersi dinamicamente”, ha detto il presidente russo, rivolgendosi a Xi.

Putin ha ribadito che Mosca e Pechino hanno la stessa visione sull’attuale trasformazione globale, e la loro cooperazione nell’arena internazionale “serve a creare un ordine mondiale giusto basato sul diritto internazionale ” . Nelle sue parole, entrambe le nazioni condividono “le stesse opinioni sulle cause, il corso e la logica della trasformazione in corso del panorama geopolitico globale”.

Putin ha sottolineato che “di fronte a pressioni e provocazioni senza precedenti da parte dell’Occidente” , Russia e Cina proteggono non solo i propri interessi, ma anche di tutti coloro che sostengono un ordine mondiale veramente democratico.

D’altra parte, Putin ha sottolineato che Mosca e Pechino sono riuscite a garantire una crescita record del commercio nonostante condizioni di mercato sfavorevoli, e ha affermato che l’obiettivo di aumentare il fatturato commerciale a 200 miliardi di dollari entro il 2024 potrebbe essere raggiunto prima del previsto.
“Nonostante […] le restrizioni illegittime (sanzioni) e il ricatto diretto da parte di alcuni paesi occidentali, Russia e Cina sono riuscite a garantire tassi di crescita record nel commercio reciproco “, ha affermato il presidente, aggiungendo che entro la fine dell’anno il volume degli scambi “aumenterà di circa il 25% ” .

Allo stesso tempo, entrambi i paesi continueranno a sviluppare la loro cooperazione militare e tecnico-militare, ha affermato Putin. Secondo lui, tale collaborazione occupa un “posto primario” nelle loro relazioni bilaterali e “contribuisce alla sicurezza dei nostri Paesi e al mantenimento della stabilità nelle regioni chiave”. “Il nostro obiettivo è rafforzare la cooperazione tra le forze armate russe e cinesi”, ha sottolineato.

Per concludere il suo discorso, il presidente russo ha annunciato che attenderà Xi Jinping a Mosca nella primavera del 2023 in visita di Stato. ” Non ho dubbi che troveremo l’occasione per incontrarci di persona . Ti aspettiamo, caro presidente, caro amico, la prossima primavera in visita di Stato a Mosca “, ha detto Putin al suo omologo cinese.
Secondo il leader russo, quella visita “dimostrerà al mondo intero la forza dei legami russo-cinesi su questioni chiave e diventerà il principale evento politico dell’anno nelle relazioni bilaterali “.

A sua volta, Xi ha affermato che, sullo sfondo di una difficile situazione internazionale, la Cina è disposta ad aumentare la cooperazione politica con Mosca. “Siamo pronti ad aumentare la nostra cooperazione strategica con la Russia, per essere partner globali a beneficio dei popoli dei nostri paesi e nell’interesse della stabilità in tutto il mondo”, ha affermato.

Precedente incontro tra Putine e Xi Jinping

Il giorno prima, il portavoce presidenziale russo, Dmitri Peskov, ha riferito che l’incontro dei leader si svolgerà in formato virtuale e ha osservato che il dialogo riguarderà “le relazioni bilaterali russo-cinesi”. Come indicato, la parte iniziale dei colloqui, che prevede lo scambio di parole di benvenuto, sarà pubblica, mentre il resto dell’incontro si svolgerà a porte chiuse.
“Naturalmente, sarà molto importante lo scambio di opinioni sui problemi regionali più acuti ” che devono affrontare entrambe le nazioni, ha spiegato il portavoce. “Nel quadro di un vero partenariato strategico, i nostri leader discuteranno di questi temi”, ha ribadito, aggiungendo che sul tavolo ci saranno anche relazioni commerciali “in rapida crescita”.

L’ultimo faccia a faccia tra Putin e Xi è avvenuto a settembre durante il vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, che si è tenuto nella città uzbeka di Samarcanda.
Durante quell’incontro, il presidente russo ha sottolineato che il suo Paese apprezza “la posizione equilibrata della Cina rispetto alla crisi ucraina”. Ha anche affermato che i tentativi dell’Occidente di creare un mondo unipolare hanno assunto “una forma orribile”.
Da parte sua, Xi ha sottolineato che Pechino è disposta a svolgere un ruolo di primo piano insieme a Mosca per garantire lo sviluppo sostenibile del mondo. “Di fronte agli enormi cambiamenti del nostro tempo su scala globale, senza precedenti nella storia, siamo pronti, insieme ai nostri colleghi russi, ad essere un esempio di potenza mondiale responsabile e a svolgere un ruolo di primo piano nel porre questo cambiamento in rapida evoluzione mondo sulla via di uno sviluppo sostenibile e positivo”, ha affermato.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 19:23h, 30 Dicembre Rispondi

    che fraśi! “Pechino è disposta a svolgere un ruolo di primo piano insieme a Mosca per garantire lo sviluppo sostenibile del mondo” “sulla via di uno sviluppo sostenibile e positîvo” intanto… en.wikipedia.org “List of countries by abortion statistics” -> la Cina sarebbe la sesta (su152) nazione del mondo con +aborti (Rate per 1.000 women) ? c’è molta strada da fare, mi sembra

  • eusebio
    Inserito alle 23:40h, 30 Dicembre Rispondi

    USA e UE hanno minacciato la Cina di serie conseguenze in caso scoprissero che sta aiutando la Russia sul piano militare, dato che diversi aerei cargo russi stanno facendo la spola tra Russia e Cina la cosa non dovrebbe sorprendere.
    La Cina ormai dovrebbe considerare la UE come un nemico da abbattere come la considera la Russia dopo averci collaborato per molti lustri, e dovrebbe uscire molto più rapidamente dal debito pubblico USA.
    La Cina sta satellizzando con successo sia il Sud-Est asiatico che buona parte del Medio Oriente, dovrebbe aiutare la Russia ad abbattere il nemico esistenziale di entrambe, la UE e permetterle, attraverso l’assorbimento dell’Ucraina e anche di Estonia e Lettonia, di essere la nuova leader d’Europa.

  • Baraonda
    Inserito alle 02:11h, 31 Dicembre Rispondi

    USA-UK-UE nel loro delirio mentale di voler conquistare militarmente e depredare tutto il mondo LIBERO hanno pestato i piedi al ” Orso Russo minacciandolo apertamente militarmente !
    L” Orso Russo ora è incazzato nero e trama di fargliela pagare !
    Essendo USA-UK-UE dei pazzi scatenati pure scemi hanno pure minacciato militarmente apertamente la Cina che è un potente Drago!
    Anche se Pacifista che odia le guerre inutili il Drago Cinese pure lui è incazzato nero !
    Se Cina e Russia affrontano apertamente USA-UK-UE potrebbero eliminare militarmente il Blocco Militare USA & C usando solo armamenti convenzionali !
    P.S.
    La Russia è pure alleata militare con la Cina perciò una eventuale vendita o scambio di armamenti Russi o Cinesi è un fatto normale e lecito tra due nazioni alleate !
    Anche l” Iran ha fatto una mezza alleanza militare ed economica con la Russia perciò la vendita di Droni Iraniani alla Russia è un fatto lecito e legale !
    L” Iran era stato anche minacciato militarmente da USA-UK-UE di non vendere nulla alla Russia perciò era logico che facesse l” esatto opposto !
    La vendica di circa 5000 mila Droni Iraniani NON ci sarebbe MAI stata se l” Iran non fosse stato minacciato da USA-UK-UE !
    USA-UK-UE NON SONO ALLEATE se con l” Ucraina perciò la vendita dei loro armamenti al ” Ucraina in guerra è un crimine illegale !

  • Carosello Doria
    Inserito alle 17:42h, 31 Dicembre Rispondi

    Chi cerca guai o rogne prima o poi le trova !
    L” impero criminale USA assieme alle sue colonie di paesi sottomessi UK-UE cercano rogne (guerre facili ) purtroppo la conquista del mondo USA e C potrebbe subire una brutta battuta di arresto se pesti i piedi a potenti NAZIONI ben armate !
    USA e NATO possono invadere solo nazioni indifese e piccole !

Inserisci un Commento