Putin ha seppellito l’era della dominazione occidentale

Vladimir Putin ha annunciato il declino del ruolo dei paesi occidentali nell’arena internazionale. Secondo lui, “il secolare dominio dell’Occidente nella comunità mondiale sta cedendo il passo a un sistema molto più diversificato”. Quali fattori testimoniano questa tendenza e quale idea di ordine mondiale ha offerto in cambio Putin?

Il giorno prima, il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto un discorso alla sessione plenaria del 18° incontro del Valdai International Discussion Club a Sochi. Il suo intervento è stato dedicato alle crisi di “civiltà”, ambientali , alimentari, nonché ai problemi delle relazioni internazionali.

In particolare, il capo di Stato russo ha osservato che lo status attuale del mondo è un prodotto di relazioni internazionali costruite senza successo dopo la Guerra Fredda, mentre ora l’umanità ha “l’opportunità di creare un precedente estremamente favorevole”. Ha anche sottolineato che negli ultimi decenni il mondo sta vivendo un’era di cambiamenti che stanno diventando sempre più profondi e fondamentali.

A suo avviso, “il secolare dominio dell’Occidente nella comunità mondiale sta cedendo il passo a un sistema molto più diversificato”, in cui bisogna tener conto degli interessi dei paesi in via di sviluppo. A questo proposito egli sottolineato la crescente importanza del conservatorismo ragionevole come base del corso politico.

“L’approccio conservatore non è una tutela sconsiderata, non una paura del cambiamento e non un gioco di ritenzione, tanto meno essere chiusi nel proprio guscio. Si tratta innanzitutto di affidamento a una tradizione collaudata, conservazione e crescita della popolazione, realismo nel valutare se stessi e gli altri, preciso allineamento del sistema delle priorità, correlazione tra la necessaria e la possibile, prudente formulazione degli obiettivi, rifiuto dell’estremismo come metodo di azione”, ha spiegato il capo dello Stato. Il presidente ha anche definito ciò che sta accadendo sui mercati dell’energia un esempio di capitalismo non lavorativo ma esclusivamente speculativo.

Putin ha prestato particolare attenzione alle relazioni russo-americane. Lui ha detto che Russia e Stati Uniti sono sulla buona strada nell’attuazione degli accordi dopo il vertice di Ginevra. “Ci è sembrato che, in generale, gli Stati Uniti fossero determinati a rilanciare le relazioni”, ha detto.
Il presidente ha anche espresso un parere sulle dichiarazioni del capo del Pentagono sull’adesione dell’Ucraina alla Nato. Secondo lui, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin, con le sue dichiarazioni, apre di fatto le porte dell’Ucraina alla Nato. “Domani appariranno basi di missili vicino a Kharkov, cosa dovremmo fare con questo?”

  • Ho fatto una domanda al leader russo. Il presidente ha accusato la NATO di aver violato le promesse fatte alla Russia di non espandere a est le infrastrutture militari dell’Alleanza Nord Atlantica.

Nel frattempo, la NATO ha concordato un piano per respingere “l’attacco russo” su più fronti, e più specificamente nel Baltico e nel Mar Nero. A questo proposito, i paesi della NATO stanno studiando le possibilità di un rapido trasferimento di truppe nella regione del Mar Nero, ha affermato il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. E il ministro della Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer, a sua volta, ha invitato la Nato a essere più dura nei rapporti con Mosca, sottolinea Deutche Welle.

Nonostante le dichiarazioni conflittuali dei “partner occidentali”, Putin ha ribadito ancora una volta l’utilità di un possibile incontro tra i leader dei “cinque” Paesi del Consiglio di sicurezza dell’Onu. Ha anche espresso disaccordo con le parole del suo collega turco Tayyip Erdogan secondo cui ora il destino del mondo dipende da una ristretta cerchia di paesi che hanno vinto la seconda guerra mondiale e sono membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’ONU.
Inoltre, il Presidente ha sottolineato che l’ONU resta un valore duraturo universalmente riconosciuto e portatore del sanissimo conservatorismo delle relazioni internazionali, così necessario per la normalizzazione della situazione.

Sfilata guardia d’onore russa

Allo stesso tempo, nonostante la pressione militare e politica dell’Occidente, Putin ritiene che non sia necessario che Russia e Cina creino il proprio blocco militare per controbilanciare NATO e AUKUS. “Ne abbiamo parlato tante volte. Siamo amici della Cina non contro qualcuno, ma nell’interesse reciproco. Primo. Secondo. A differenza della NATO, dai paesi della NATO, non stiamo creando alcun blocco militare chiuso. Ebbene, non esiste un blocco militare tra Russia e Cina, e non c’è l’obiettivo di crearne uno. Pertanto, la conversazione su questo punto non ha fondamento “, ha affermato Putin.

“C’era un’agenda di valori nel discorso del presidente. È abbastanza chiaro che la lotta ideologica e di valore nel mondo è esacerbata dalla pressione delle tendenze distruttive che osserviamo nei paesi occidentali. In questo contesto, Putin afferma chiaramente la posizione di un conservatorismo sano e ottimista, che è importante sia per la Russia che per altri paesi del mondo “, ha affermato Timofey Bordachev, direttore del programma del Valdai Club. Allo stesso tempo, nel discorso del presidente della Russia “non ci sono state dichiarazioni dure sulla politica estera dell’Occidente, perché tutto è già chiaro con esso, e qui non c’è nulla da discutere”.

“Putin è tornato più volte all’idea che la misura di tutto ciò che facciamo è la persona”, ha affermato Andrei Bystritsky, politologo, presidente del consiglio di amministrazione della Valdai Club Foundation. “L’idea di centratura umana è stata forse la più significativa durante questo incontro. Un tempo, il poeta sovietico Nikolai Glazkov scrisse: “Più il secolo è interessante per lo storico, più è triste per il contemporaneo”, ha aggiunto.

Secondo l’esperto, il secondo punto importante del discorso del presidente è l’umanità nelle relazioni internazionali. “Nonostante il presidente abbia anche delineato le “linee rosse” che i nostri partner occidentali non devono oltrepassare, allo stesso tempo ha sottolineato la necessità di cooperazione e interazione costruttiva. Inoltre, ha parlato con moderazione e rispetto del presidente degli Stati Uniti Joe Biden e della politica americana. In particolare, il presidente ha ammesso che, sebbene dopo l’incontro di Ginevra, le relazioni russo-americane non siano migliorate notevolmente, tuttavia, sono emerse una serie di tendenze positive”, ha affermato Bystritsky.

L’interlocutore ha anche sottolineato che nel suo discorso Putin ha delineato un intero modello di futuro sviluppo mondiale. “Il Presidente ha notato la posizione di una persona nella società moderna, e una certa tipologia dell’economia, e il tipo di cooperazione tra le potenze mondiali. Il presidente ha anche descritto la sua visione del modello capitalista della struttura economica, e non da posizioni nichiliste e critiche, ma piuttosto ha mostrato chiaramente i limiti del mercato. Pertanto, ieri c’è stata una conversazione molto significativa. Il presidente ha parlato, come sempre, con competenza, ed è stato molto interessante ascoltare le sue osservazioni”, ha detto Bystritsky.
“Con il suo discorso, Putin ha finalmente seppellito l’era della dominazione occidentale”, ha sottolineato Stanislav Tkachenko, professore all’Università statale di San Pietroburgo, esperto del Valdai Club. “Tuttavia, questo processo è iniziato nel 2007 dopo il discorso di Putin a Monaco. Innanzitutto, a parole, e dal 2014, la Russia si comporta nell’arena internazionale senza guardare indietro ai suoi partner occidentali e nel modo che ritiene giusto.

Tra le altre dichiarazioni importanti c’è la risposta di Putin alla situazione in Ucraina, che ha interpretato come senza speranza. Il Presidente in realtà non vede opportunità di dialogo con le attuali autorità di Kiev, e questo è giustificato. È interessante che il capo dello stato russo abbia parlato in tono positivo delle relazioni con gli Stati Uniti. Questo è forse il momento più positivo della politica estera degli ultimi anni”, ha riassunto Tkachenko.

Fonte: vz.ru/politics

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus