Putin ha ordinato di fornire gas a paesi ostili solo in rubli

TASS/ La Russia rifiuterà di accettare pagamenti per forniture di gas naturale in valute compromesse, incluso dollari ed euro e passerà ai pagamenti in rubli.
Lo ha annunciato oggi il presidente russo Vladimir Putin in un incontro con il governo:
“Ho preso la decisione, nel più breve tempo possibile, di attuare una serie di misure per il trasferimento dei pagamenti – cominciamo da questo – per il nostro gas naturale fornito ai cosiddetti Paesi ostili, in rubli russi”. Vale a dire, Putin ha spiegato che si prevede di abbandonare in tali conteggi tutte le valute compromesse.

Allo stesso tempo, il capo dello Stato ha sottolineato che la Russia continuerà a fornire gas naturale “conformemente ai volumi e ai prezzi, secondo i principi di tariffazione fissati nei contratti precedentemente conclusi”, rimarcando: “A differenza di alcuni colleghi, noi abbiamo a cuore la nostra reputazione in affari come un partner e fornitore affidabile”.

Putin ha di nuovo chiarito che le modifiche riguarderanno solo la valuta di pagamento, che sarà cambiata in rubli russi. Il Presidente ha incaricato il Gabinetto dei Ministri di trasmettere la relativa direttiva a Gazprom per introdurre la variazione nei contratti esistenti.

“Allo stesso tempo, a tutti i consumatori stranieri dovrebbe essere data l’opportunità di effettuare le necessarie transazioni, per loro si deve creare una procedura comprensibile e trasparente per eseguire i pagamenti, compreso l’acquisto di rubli russi sul nostro mercato valutario nazionale. Chiedo alla Banca di Russia, insieme al governo, di determinare la procedura per attuare tali transazioni entro una settimana”, ha ordinato Putin.

Secondo le parole del presidente, l’Occidente ha mostrato a tutti che gli obblighi in euro e dollari potrebbero non essere rispettati.

Nota: Sullo sfondo di tale scelta da parte della Russia, molti italiani si chiedono cosa stia facendo il governo, al di là delle reboanti dichiarazioni belligeranti contro Mosca, per gestire l’approvvigionamento energetico dell’Italia, il 42% dipendente dalla Russia. Chi fornirà il gas all’Italia? Gli USA? Molti dubbi rimangono! Il timore è che per attribuirsi il ruolo da “primi della classe” il governo italiano abbia perso di vista gli interessi nazionali.

Fonte: https://tass.ru/ekonomika/14158033

Nota e traduzione di Eliseo Bertolasi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus