Putin ha già vinto la guerra in Ucraina con l’ammissione di Zelensky di aver questi rinunciato all’idea di adesione alla NATO


di Martin Jay.

La guerra in Ucraina sta creando nuovi precedenti geopolitici in tutto il mondo, il che rende difficile per gli analisti redigere il solito elenco di “vincitori e vinti” solitamente presentato.

La Cina, senza dubbio appare la potenza più vincente se consideriamo non solo i nuovi accordi che ha raggiunto non solo in Russia, acquistando asset delle compagnie petrolifere a prezzi stracciati, ma anche stabilendo un nuovo paradigma per le sue relazioni con Washington che aveva recentemente inviato un dei suoi migliori mandarini a minacciarla, se avesse continuato ad assistere la Russia nella sua guerra in Ucraina.
Pechino ha ignorato Washington ed è uscita allo scoperto nel sostenere la Russia su molti livelli, consolidando ancora di più la tripletta delle potenze orientali – Russia, Cina e India – e il loro posizionamento nell’economia mondiale.

E poi c’è l’Arabia Saudita, il cui leader volubile, il giovane principe ereditario chiamato “MBS” non ha mai veramente capito come Donald Trump lo abbia abbandonato durante un battesimo piuttosto imbarazzante di obbrobrio da parte della stampa mondiale per l’orribile omicidio di Jamal Khashoggi.
Avanti veloci con l’ingresso in carica di Joe Biden, i sauditi non hanno perso tempo nell’aprire canali di diplomazia e cooperazione al brainstorming con Mosca e Pechino, fiduciosi che quando la rivolta del loro stesso popolo inizierà – e un giorno questo avverrà – che la Russia potrebbe essere lì per loro , come è stato in Siria per Assad.
I sauditi stanno effettivamente andando bene ora con i prezzi del petrolio molto più alti e le loro relazioni con la Cina che migliorano ogni giorno. Come uno schiaffo in faccia da MBS a Biden, il primo ha recentemente ignorato i suoi appelli a produrre più petrolio mentre incombono i tempi di medio termine, cosa che sarà sentita dai Democratici alle urne quando i voti saranno persi a causa degli alti prezzi dell’energia attribuiti per causa di Biden.

È una storia simile quella avvenuta tra MBS e Boris Johnson, quando il principe saudita di recente ha mandato via il leader britannico con una pulce nell’orecchio nel momento in cui questi ha chiesto al principe ereditario un accordo petrolifero migliore. Questo per quanto riguarda il rapporto speciale con lo stesso paese che ha creato la stessa famiglia – Saud – che ora possiede quella che ora viene chiamata Arabia Saudita. Niente prigionieri, Boris.

Il premier Johnson con MBS

Con la Cina, è una vittoria per tutti. MBS si vendica contro gli Stati Uniti che vogliono ancora fargli accettare di essere un cagnolino e aderire ai principi dell’egemonia statunitense, vendendo più petrolio alla Cina, in Yuan, cosa che colpisce gli interessi degli Stati Uniti ancora più duramente. La Cina può anche dimostrare agli americani che essi in realtà non sono la superpotenza che pensano di essere scaricando il dollaro per le vendite di petrolio e guardando al nuovo modello del “blocco orientale”, che è dove davvero ci sta portando l’intera guerra in Ucraina.

Un mondo binario brutale e semplice, in cui tutto è nettamente diviso in due gruppi, le cui persone e le cui imprese sono scoraggiate dall’attraversare il confine nell’uno e nell’altro campo. Pensa alla nuova Guerra Fredda con la Russia, la Cina, l’India e la maggior parte dell’Asia da una parte con il proprio sistema bancario che sostituisce Swift, le proprie regole Internet e social, sostituisce il proprietario di eBay, il proprietario di Facebook, adottando le proprie valute (comprese le criptovalute) e un nuovo ordine mondiale che probabilmente scarica del tutto armi finanziarie e banche statunitensi, così come i mercati energetici occidentali.

Il Trio Asiatico vincente antagonsista degli anglo USA: Russia, India, Cina

Ma ci saranno vittime quando si conteranno i sacchi per cadaveri e si farà un’analisi. Le relazioni tra Russia e Turchia saranno probabilmente pessime, di certo finché Recep Erdogan rimarrà in carica poiché Putin non lo perdonerà per aver fornito letali droni turchi alle forze ucraine e aver chiuso il Bosforo, nonostante la farsa di entrambi i paesi incontri dei ministri degli esteri a Mosca.
Altre divisioni saranno notevoli all’interno dei paesi della NATO e dell’UE quando diventa chiaro che entrambe queste organizzazioni hanno problemi culturali e politici profondamente radicati sia internamente che trasversalmente che semplicemente non consentono loro di assumere compiti audaci quando si presenta il momento. I tre paesi dell’Europa orientale attualmente in vista dell’ Ucraina si sentiranno molto delusi dalla maggior parte degli altri Stati membri dell’UE e dai partner della NATO, quando le loro paure non vengono rispettate. Inevitabilmente svilupperanno legami più forti con l’amministrazione Zelensky mentre diventeranno più acerbi nei confronti di Bruxelles e dei suoi modi autoritari.

E neanche l’UE ne esce bene. Qualcuno potrebbe chiedersi, quando finalmente arriverà la pace e sarà l’UE che dovrebbe finanziare almeno 10 miliardi di euro in aiuti alla ricostruzione, l’UE avrebbe potuto fare qualcosa prima per impedire l’escalation, dato che era Bruxelles già nel 2004 che ha segnalato all’Ucraina di considerarsi un candidato per l’adesione. Non dimentichiamo inoltre che parte del prezzo del gioco duro, l’UE dovrà accettare che le sue stesse azioni hanno anche portato Mosca a scaricare euro come parte delle sue riserve di cassa e utilizzare sempre di più il sistema di compensazione cinese per le sue banche. Possiamo certamente aspettarci più divisioni e lotte interne, come abbiamo visto in precedenza quando gli Stati membri dell’UE non sono riusciti a concordare i termini degli aiuti alla ristrutturazione del Covid, quando si discute di quanti soldi dovrebbero andare all’Ucraina e all’élite degli affari profondamente corrotta di Zelensky.

Putin, nel frattempo, ha già vinto la guerra in Ucraina sulla parte di Zelensky quando questi ha già ammesso di aver rinunciato all’idea di adesione alla NATO, il che è un duro colpo per la sua (della NATO) credibilità in quanto un amalgama di nuovi paesi si unisce al blocco business/geopolitico Russia-Cina-India . Coloro che additano Putin e lo accusano debolmente di essere un anacronismo sovietico non riescono a vedere l’ironia dell’Occidente giocare un ruolo importante nel provocarlo dall’inizio degli anni Novanta, quando iniziarono le promesse non mantenute dell’espansione della NATO a est. O, del resto, la mentalità stalinista dietro la decisione dell’UE di isolare i media russi dal resto del mondo, che mi ricorda i nazisti che bruciavano libri alla fine degli anni ’30.

Fonte: Strategic Culture.org

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM