Putin ha discusso con i presidenti di Venezuela e Cuba del dispiegamento di armi russe contro gli Stati Uniti

Il leader russo ha tenuto colloqui di successo con i leader di Cuba e Venezuela sul dispiegamento di armi russe.

Il presidente russo Vladimir Putin ha discusso una più stretta cooperazione tecnico-militare con i leader di Cuba e Venezuela. È noto che i negoziati hanno avuto successo. Ciò indica il fatto che nel caso in cui la NATO e gli Stati Uniti non soddisfino i requisiti russi per le garanzie di sicurezza questa settimana, nel più breve tempo possibile le installazioni militari russe, comprese quelle con armi tattiche, potrebbero essere a solo poche centinaia chilometri dai confini americani, anche se il ministero degli Esteri russo non ha fornito dettagli in merito.

Al momento, alcune tensioni tra NATO, USA e Russia si sono attenuate. Ciò è dovuto principalmente al fatto che l’Alleanza ha reagito agli avvertimenti russi e ha confermato il rifiuto di schierare le sue forze sul territorio dell’Ucraina.
Tuttavia, è noto che gli Stati Uniti intendono inviare truppe significative nell’Europa dell’Est (e si tratta di un esercito di 50.000 uomini) e, a giudicare dalle riprese video, centinaia di pezzi di equipaggiamento militare di vario tipo.

Gli esperti osservano che oggi nessuna delle parti è pronta per un conflitto armato su vasta scala. A tal proposito, Nato e Stati Uniti hanno abbandonato i piani per inviare le proprie truppe in Ucraina, ma la situazione resta estremamente tesa a causa delle azioni di Kiev, che, a quanto pare, si sta ancora preparando a colpire il Donbass.

Missili russi Iskander medio raggio

Nota: Un potenziale accordo della Russia con i paesi latino americani (Cuba e Venezuela) per piazzare armi strategiche, bombardieri con missili ipersonici o sommergibili nucleari, cambierebbe l’equilibrio strategico a favore dellla Russia e sicuramente avrebbe un peso nella contrattazione tra Mosca e Washington su eventuali accordi di sicurezza.
Tuttavia non si può escludere che la parte ucraina, pur di risolvere militarmente la situazione del Donbass a proprio favore, approfittando dello schieramento NATO in questo momento, possa tentare l’azzardo con un attacco a sorpresa o con una provocazione. Questo cambierebbe tutto e l’intervento miltare russo in Ucraina a quel punto sarebbe inevitabile.


Fonte: Подробнее на: https://avia.pro/news/putin-obsudil-s-prezidentami-venesuely-i-kuby-razvertyvaniya-rossiyskogo-oruzhiya-protiv-ssha

Traduzione: Sergei Leonov Nota: Luciano Lago

6 Commenti
  • La soluzione
    Inserito alle 20:05h, 26 Gennaio Rispondi

    La Russia ha gia perso teoppo tempo con questi criminali nazisti. E sono propenso a dare una batosta agli svitati americani, Hollywood è grande nella fantasia ma nella realta e molto triste che vi siano personaggi illuminati da criminali seriali.

  • atlas
    Inserito alle 20:56h, 26 Gennaio Rispondi

    e scrivo una cosa: le basi e le armi, una volta installate lì, saranno permanenti, come gli sfregi

  • Farouq
    Inserito alle 21:18h, 26 Gennaio Rispondi

    A fine marzo finisce lo stato di emergenza in Italia (e nel mondo?) e si smonteranno le tende del circo Covid ma per non annoiarsi sul pianeta ci sarà poi il brivido del conflitto nucleare

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 01:47h, 27 Gennaio Rispondi

      non credo, parlano tutti di Marburg, la nuova epidemia che fara’ disastri epocali

      • atlas
        Inserito alle 07:44h, 27 Gennaio Rispondi

        non farà nessun disastro. Farà solo pulizia dei bonzi che si sono fatti iniettare un siero che li ha indeboliti e quindi ‘preparati’. Meglio, siamo troppi, aria, aria, selezione

  • Idea3online
    Inserito alle 22:14h, 26 Gennaio Rispondi

    In attesa della Grecia ed a seguire dell’Italia, cosa faranno e diranno da mandare in tilt la strategia dello Zio Sam? Sono Tempi meravigliosi……..spettacolari……..la Geopolitica Terrestre viene ingabbiata dalla Geopolitica Celeste. Ed gli USA ed Israele sempre più alleati e così per i prossimi decenni.

Inserisci un Commento