Putin ha dichiarato che la NATO sta accrescendo il suo potenziale militare ai confini russi

MOSCA, 23 giugno – RIA Novosti. La Russia è preoccupata per il rafforzamento di infrastrutture della NATO vicino ai suoi confini, così come per il fatto che l’Alleanza si rifiuti di prendere in considerazione in modo sostanziale le proposte di Mosca, ha affermato il presidente Vladimir Putin:
“Speriamo che alla fine prevalga il buon senso e il desiderio di sviluppare con noi relazioni costruttive”, ha riferito nel suo saluto ai partecipanti alla 9° Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale.

Il ministro della Difesa Sergej Shojgu, a sua volta, ha osservato che la NATO è diventata un’alleanza politico-militare globale per il contenimento della Russia e della Cina. Secondo Shojgu, in Europa si è consolidata la tendenza all’opposizione militare, ci sono esercitazioni continue che destabilizzano la situazione ai confini russi.
In tal modo, ha aggiunto il ministro, l’Alleanza sta elaborando percorsi per il trasferimento operativo di truppe in aree vicine all’Unione Statale (entità sovranazionale ed intergovernativa formata da Russia e Bielorussia ndr.). Ai confini orientali, la minaccia è rappresentata dal dispiegamento di missili americani a medio raggio in Asia. Shojgu ha ricordato che dopo il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato sull’eliminazione di queste armi (Trattato INF), non ci sono più restrizioni a tal riguardo.

Mosca è preoccupata anche per le esercitazioni dell’Alleanza nel Mar Nero. In particolare, le esercitazioni ucraino-americane “Sea Breeze”, previste per giugno – luglio. L’ambasciata russa negli Stati Uniti ritiene che le manovre aumentino i rischi di incidenti anche non intenzionali, nel bacino del Mar Nero, dovrebbero quindi essere abbandonate. Sulle stesse posizioni anche il ministero degli Esteri russo.

Il ministro della Difesa russo Sergej Shoigu


A sua volta, il rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa Igor Konashenkov ha affermato che, sotto la copertura di “Sea Breeze”, la NATO fornirà all’Ucraina armi moderne, che verranno successivamente passate alle Forze Armate ucraine e ai battaglioni nazionalisti nel Donbass.

Fonte: https://ria.ru/20210623/nato-1738181727.html
Tradotto da Eliseo Bertolasi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM