Putin: gli attacchi alle infrastrutture energetiche ucraine non si fermeranno

MOSCA: il presidente russo Vladimir Putin giovedì, nel corso di una cerimonia con gli ufficiali, ha promesso di continuare ad attaccare i sistemi energetici ucraini nonostante le critiche globali agli attacchi russi che hanno lasciato milioni di persone senza elettricità e acqua all’inizio dell’inverno.

“C’è molto rumore (mediatico) sui nostri attacchi sulle infrastrutture energetiche di un paese vicino. Sì, lo facciamo. Ma chi ha iniziato a farlo? Così ha detto Putin durante una cerimonia di premiazione al Cremlino, aggiungendo che le critiche “non interferiranno con le nostre missioni di combattimento”.

Lo stesso Putin ha presentato gli attacchi come una risposta a un’esplosione avvenuta per l’attacco terroristico sul ponte di Mosca verso la Crimea annessa e altri attacchi (come contro il porto di Sebastopoli), inoltre ha accusato Kiev di far saltare in aria le linee elettriche della centrale nucleare di Kursk e di aver tagliato le forniture d’acqua a Donetsk nell’Ucraina orientale.
“Non fornire acqua a una città di oltre un milione di persone è un atto di genocidio”, ha detto Putin.
l presidente russo ha accusato l’Occidente di “totale silenzio” su queste azioni ucraine e di parzialità contro la Russia.
“Non appena ci muoviamo e facciamo qualcosa in risposta, c’è tumulto e clamore che vanno diffondendo in tutto l’universo”, ha detto.
Il presidente russo Vladimir Putin aveva organizzato una cerimonia di premiazione per assegnare le medaglie Gold Star agli Eroi della Russia alla vigilia della Giornata degli Eroi della Patria a Mosca.
In tale occasione gli sono state poste domande ed ha risposto a tono.

Fonte: Agenzie

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • Christian
    Inserito alle 22:27h, 08 Dicembre Rispondi

    Sostituire la parola ‘difficilmente’ con ‘impossibile’.

Inserisci un Commento