Putin. Espellere i miliziani jihadisti dall’Idlib siriano rappresenta ora la massima priorità

A seguito ad un vertice tenutosi con i presidenti di Turchia e Iran, il presidente russo, Vladimir Putin, ha dichiarato che “guidare gli estremisti fuori dalla provincia idlib della Siria dovrebbe essere l’obiettivo principale dell’attuale fase del processo di pace siriano”, l’assoluta priorità.
“La nostra priorità assoluta comune consiste nella totale eliminazione dei terroristi in Siria”, ha detto Putin, aggiungendo che le forze russe hanno recentemente contribuito a liberare la parte sud-occidentale del paese devastato dalla guerra e che la provincia di Idlib è diventata l’obiettivo principale ora.

“La presenza [dei miliziani jihadisti] rappresenta una minaccia diretta per i civili di tutta la regione”, ha avvertito il presidente.


Il presidente russo ha proseguito dicendo che i tre leader (della Turchia, Iran e Russia) hanno discusso alcuni “passi concreti” finalizzati alla graduale stabilizzazione della zona di allentamento di Idlib che comportano offerte di riconciliazione pacifica per quei gruppi armati pronti a dialogare. Putin ha espresso la speranza che i miliziani che ancora sono là “abbiano la saggezza” di deporre le armi e di indietreggiare dicendo che i tre leader hanno invitato tutte le parti in conflitto a fermare la violenza.

“Supponiamo che [le parti] saranno in grado di raggiungere un accordo e la nostra richiesta di un cessate il fuoco in Idlib sarà ascoltata” , ha detto Putin, aggiungendo che la Russia, la Turchia e l’Iran hanno sempre cercato di riconciliare le parti in conflitto. Allo stesso tempo, il presidente russo ha anche affermato che Mosca, Teheran e Ankara continueranno a combattere attivamente i gruppi terroristici in Siria, che non sono considerati parte di alcun accordo di cessate il fuoco.

Summit di Teheran fra Russia, Iran, Turchia

Il presidente russo ha salutato il fatto che alcuni gruppi armati di opposizione, che sono attivi a Idlib, si siano uniti alla lotta contro i terroristi. Ha detto che tali sviluppi sono “della massima importanza”, aggiungendo che la lotta congiunta contro gli estremisti contribuirebbe a costruire la fiducia tra il governo siriano e l’opposizione, facilitando così una più agevole riconciliazione tra di loro.

Nel frattempo, le continue attività degli estremisti a Idlib sono diventate fonte di particolare preoccupazione, ha detto Putin, aggiungendo che i gruppi radicali apparentemente godono di un sostegno di potenze esterne.

“Miliziani di vari gruppi che sono ad Idlib riescono a costruire droni avanzati e in qualche modo ottengono i pezzi di ricambio, la tecnologia e tutto ciò di cui hanno bisogno per creare tali UAV” , ha detto il leader russo. Ha anche detto ancora una volta che Mosca ha prove “inconfutabili” che suggeriscono che i gruppi terroristici radicati nella provincia controllata dai militanti stanno cercando di inscenare attacchi come “false flags” (provocazioni), utilizzando armi chimiche. Tali azioni servono agli interessi di alcuni attori stranieri, ha aggiunto.

È “inaccettabile” che alcune potenze straniere “vogliano liberare i terroristi con il pretesto di proteggere i civili” e “infliggere danni alle truppe fedeli al governo siriano” , ha detto Putin, commentando la questione della potenziale provocazione di “false flag” attacchi che implicano l’uso di armi chimiche.

Oltre a combattere i terroristi, i leader di Russia, Turchia e Iran hanno anche concordato di intensificare gli sforzi volti a promuovere il dialogo intra-siriano e il miglioramento della situazione umanitaria nel paese devastato dalla guerra. Mosca, Teheran e Ankara “assegnano un ruolo importante agli sforzi coordinati volti a migliorare la situazione umanitaria in Siria, nonché a ricostruire la sua economia e risolvere problemi sociali acuti”, ha detto il presidente mentre i tre leader hanno invitato la comunità internazionale e la In particolare, l’ONU che dovrebbe prestare maggiore assistenza alla Siria fornendo aiuti umanitari e partecipando agli sforzi di ricostruzione.

Fonte: RT News

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti

  • Silvia
    8 Set 2018

    Si’, ma forse, invece che “guidarli fuori”, se possibile, sarebbe meglio fucilarli.

    • Iister
      8 Set 2018

      WOW, Silvia!
      Noto, con piacere, che sei diventata giustizialista!

    • Mardunolbo
      8 Set 2018

      beh, sì , “guidarli fuori” può voler dire tante cose….speriamo che si intenda guidarli fuori da questo mondo . farli sparire !

    • atlas
      8 Set 2018

      Silvia, wahhabiti e salafiti sono talmudici. E il talmud non prevede fucilazioni, ma decapitazioni. Pane a pane e vino a vino

Inserisci un Commento

*

code